Passa ai contenuti principali

Il razzismo fascista, Trieste il 18 settembre 1938, una preziosa testimonianza storica

 
Claudio Venza, ricollegandosi all'intervento di Camerini, che apre il libro il razzismo fascista, Trieste il 18 settembre 1938 edizione Storia Kappa VU in collaborazione con i cittadini liberi ed eguali di Trieste, dicembre 2014 , evidenzia che il volume raccoglie i testi presentati al convegno del 19 settembre 2013, presso il circolo della Stampa di Trieste ed ha un chiaro scopo divulgativo per contrastare "l'identificazione acritica delle masse", per "costituire un sincero contributo a tale battaglia di coscienza morale ancor più che storica e politica" . Vari sono gli interventi, come varie sono le riflessioni che potranno emergere pur seguendo un solo filo conduttore, quello che ha portato al 18 settembre del '38 ed ai suoi perché.
Cossu ricorderà che coloro che si resero artefici del manifesto sulla razza, tra paradossi, vizi di forma e volontà innocentiste del sistema, non vennero sostanzialmente puniti. E nel paradosso della reazione ecco che in Italia ci sono “24 strade e piazze dedicate ad Almirante, redattore della difesa della Razza”, ad esempio e non solo, ovviamente. D'altronde non casualmente colui che svolse l'incarico di presidente nel Tribunale della Razza venne nominato come giudice nella prima Corte Costituzionale che si formò in Italia nel 1955
Silvia Bon si soffermerà sulla persecuzione anti-ebraica a Trieste sottolineando che prima della promulgazione delle leggi razziali venne realizzato uno specifico censimento, quello dell'agosto del 1938. Lo scopo del censimento era di quantificare gli ebrei a Trieste ed i numeri emersi ruotavano intorno alla considerevole cifra di 8 mila persone. 
Anna Maria Vinci evidenzierà come le persecuzioni a Trieste ed in regione fossero già iniziate ben prima, contro gli sloveni e non a caso l'infamia delle leggi razziali accadde proprio a Trieste, perché città che aveva iniziato a conoscere cosa significasse italianizzazione sulla pelle di comunità da sempre parte integrante di questo territorio.  Non a caso e de facto le leggi razziali vennero anticipate proprio nella Venezia Giulia, contro sloveni, croati, contro minoranze reputate barbare ed inferiori, prima di trovare la loro massima elevazione di bestialità con l'annuncio in quella piazza dell'unità di Trieste radiante, in quel cupo momento, razzismo e ferocia . 
Simone Roato ricorderà l'importanza della vicenda del processo Eichmann determinante per la frantumazione del muro del silenzio sulla persecuzione razziale accaduta, Gaetano Dato incentrerà la sua riflessione sulla Risiera di Trieste. Emergerà l'importantissimo ruolo svolto dalle donne antifasciste italo-slave dell'UDAIS, saranno le donne a battersi per non far cadere nell'oblio la Risiera, che per ragioni variegate, siano essere strategiche, che di becero opportunismo politico, in sostanza sino alla permanenza delle truppe alleate rimase una questione conosciuta da pochi. Così come è conosciuto da pochi che i primi ad entrare in Risiera furono i partigiani jugoslavi e che buona parte del materiale raccolto è conservato a Lubiana.
Stanka Hrovatin ricorderà che “non fu nel 1938 che lo Stato italiano-allora fascista- iniziò a perseguitare i cittadini ideologici, almeno all'inizio, ma per motivi etnici e ciò ben prima dell'avvento del fascismo. Basti pensare che nel 1866, con l'annessione del Veneto e del Friuli occidentale, lo Stato italiano soppresse l'autonomia amministrativa, culturale, linguistica, cui, nel periodo veneziano, godevano gli sloveni delle valli del Natisone”. Vi saranno anche diverse testimonianze oltre a quella della Presidente dell'Anpi di Trieste. Crevatin, che si trovava a meno di venti passi dal dittatore, quel maledetto giorno, perché rappresentante dei marinaretti. “Ricordo l'emozione che provai nel salire la scalinata della tribuna sulla quale i moschettieri del duce prestavano il servizio d'onore(...) ma in seguito vedendo le smorfie e i gesti che faceva per accentuare il suo discorso divenni sempre più critico nei suoi confronti” sino al crollo di quell'immagine epica e mitica di Mussolini che era stata costruita dal regime. Bertocchi ricorda la piazza impazzita, di quel 18 settembre, “ che mi faceva ribrezzo e mi causava voltastomaco” Seguiranno poi alcune illustrazioni ed atti documentali di importante memoria storica. Insomma cento pagine di preziosa riflessione storica che devono aiutare a mantenere ferma nel tempo l'avversione verso ogni fascismo. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …