Passa ai contenuti principali

Un proclama fascista del '45 per Fiume annessa all'Italia.Sembra essere stato scritto oggi da chi rivendica Fiume



Questione di settimane e l'Italia verrà liberata. Ma sulla Stampa continuavano ad essere pubblicati articoli a sostegno del fascismo e del duce. Come quello del 16 marzo 1945 dove vi sarà, nella prima pagina, quello che potremmo definire oggi come una sorta di editoriale dedicato alla questione di Fiume. Dal titolo eloquente: L'annessione di Fiume.  
Senza la marcia di occupazione di Fiume, eversiva e militarista osteggiata dallo Stato italiano, non sarebbe stata possibile la sua annessione all'Italia fascista come avvenuta nel 1924 per mano di Mussolini. Vi è stata una mera continuità, nessuna appropriazione da parte dal fascismo. Ed è interessante notare che il linguaggio utilizzato in questo pezzo pubblicato sulla Stampa, una sorta di elogio fascistoide a sostegno dell'annessione di Fiume, nonchè lo stile, è lo stesso usato da molti che oggi giorno rivendicano l'italianità di questa città che appartiene legittimamente alla Repubblica di Croazia.

"L'annessione di Fiume.  Fiume la Città olocausta, era stata liberata una prima volta da Gabriele D'Annunzio nel settembre 1919, ma fu definitivamente assicurata all'Italia il 16 marzo 1924 da Benito Mussolini. 
Se a questo risultato fu possibile pervenire, lo si dovette soprattutto alla passione inesausta dei fiumani, che rese possibile il gesto di D'Annunzio ed i successivi movimenti  movimenti che impedirono la consegna della città ai nemici d'Italia e permisero infine l'annessione cosi lungamente invocata. 
Senza l'ostilità del nostri alleati di allora, i quali fecero di tutto per avvilire e mortificare il popolo italiano, della cui ascesa si preoccupavano, e che già si tradivano nel corso stesso del conflitto, non sarebbe stata necessaria l'epopea fiumana. La città stessa, il 30 ottobre 1918 aveva proclamato, attraverso il suo Consiglio nazionale presieduto dal venerando senatore Grossich. la propria annessione alla Madre Patria. Non ci sarebbe stato altro da fare che rispettare questa unanime decisione del cittadini fiumani. 
Ma Fiume fu considerata da Clemenceau come la «luna» per l'Italia e Lioyd George e Wilson gli tennero bordone né valsero a smuoverli le plebiscitarie affermazioni successive della cittadinanza fiumana che, (chi vi è vissuto poté constatarlo) era interamente italiana e voleva appartenere all'Italia. Se a Roma ci fosse stato un Governo di altra tempra la questione fiumana avrebbe avuto certamente molto tempo prima una soluzione conforme alla giustizia e alla realtà storica ed etnografica; ma al debole Orlando successero prima il rinunciatario Nitti e poi Giolitti accoppiato a Sforza, che in fatto di rinunce era imbattibile. Così fu consumato il sacrificio della città col Trattalo di Rapallo che contemplava il famoso « Stato Libero » cedendo il Delta e Porto Barros alla Jugoslavia. 
Il natale di sangue suggellò tristemente la bellissima pagina che i legionari di D'Annunzio ed i cittadini fiumani avevano scritto in difesa del purissimo faro di italianità che brillava sull'altra sponda adriatica. Ma i fiumani non si rassegnarono alla sorte che si era accanita contro di loro e, seguendo l'incrollabile decisione dei cittadini migliori, combatterono in ogni occasione con ostinata esasperazione. Con l'avvento al potere del fascismo anche la questione di Fiume assunse un altro aspetto, e il Duce, con abile azione diplomatica, riuscì infine a indurre la Jugoslavia a riconoscere la sovranità dell'Italia su  Fiume riscattando il natale di sangue del 1920. 
Cosi il 16 marzo 1924 poteva svolgersi nella città olocausta, finalmente liberata, il solenne rito dell'annessione che suggellava l'indissolubile destino di Fiume italiana riunita alla patria.
L'appetito Iugoslavo (in questo Tito, Subascic, re Pietro ecc. sono tutti d'accordo) vorrebbe ancora una volta, approfittando del ritorno a Roma dei rinunciatari, saziarsi con le migliori gemme italiane della riva orientale adriatica e in primo luogo con Fiume Ma ancora una volta trionferà la causa della giustizia".
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…