Passa ai contenuti principali

Basta nazionalismi, da rivedere le intitolazioni delle nostre scuole



La scuola è il luogo ove si formano le nuove generazioni, si dice. La scuola è il pilastro fondamentale di ogni società, si ripete. Un contenitore multiforme, una scatola moderna o vecchia, all'interno della quale si consumano alcuni dei migliori o peggiori anni della gioventù e dove insegnanti e personale scolastico trascorrono gran parte della loro vita. E le scuole hanno un nome, una intitolazione. E' inaccettabile che nella società di oggi, che finalmente ha compreso il male dei nazionalismi, dei fascismi, dei razzismi, delle guerre,  pericoli costanti e mai tramontati, siano intitolate a personaggi che non sono e non possono essere considerati in nessun modo come un valore per l'Italia e la nostra società . Sono tante le scuole intitolate ad esempio ad Oberdan, che oggi verrebbe considerato come un terrorista, a D'Annunzio il "duce mancato" e noto per il suo razzismo contro gli slavi, a Cristoforo Colombo torturatore e schiavista , o Cadorna o Diaz, i cui atti nella prima guerra mondiale sono ben noti e non meriterebbero neanche una mezza via dedicata, oppure  Duca d'Aosta, a Vittorio Emanuele III o II, o Umberto I e via discorrendo. A cui poi si aggiungono intitolazioni strettamente locali. Andrebbe fatta una mappatura sul punto.

Quale la situazione dal punto di vista normativo? 
Non esiste in Italia una legislazione specifica sulla intitolazione di una scuola. Il tutto è rimesso a circolari ed atti amministrativi che risalgono al 1980.
L’intitolazione della scuola è deliberata dal Consiglio di Circolo o d’Istituto, sentito il Collegio dei Docenti. La deliberazione è quindi inviata all’USP competente (delegato allo scopo dall’Ufficio Scolastico Regionale) per la richiesta della prevista valutazione del Prefetto e della Giunta comunale.
Acquisite le medesime, se favorevoli, il Direttore Generale dell’USR emana il decreto d’intitolazione inviandolo poi integralmente alla scuola e all’U.S.P.. Nel caso in cui le valutazioni del Prefetto e della Giunta comunale, od anche una sola di esse, non fossero favorevoli, la deliberazione è rinviata al Dirigente scolastico per un riesame da parte degli Organi collegiali. Se questi confermano le proprie deliberazioni, il dirigente dell’USP., sente nuovamente il Prefetto e la Giunta comunale, ed in assenza di elementi di particolari gravità tali da consigliare la restituzione della deliberazione al Dirigente scolastico per la sostituzione del nominativo, il Direttore Generale dell’USR emana il definitivo decreto di intitolazione. Come si evidenzia nella Circolare ministeriale del 1980 l'intitolazione una volta stabilita, può essere mutata soltanto per il sopravvenire di particolari circostanze da motivarsi adeguatamente (es.: venir meno dei presupposti che sostenevano la precedente intitolazione; impossibilità, in rapporto all'evoluzione della coscienza pubblica, del ricordo di comportamenti che il momento storico considera inattuali o contrastanti con gli intessi nazionali). E direi che di circostanze ve ne sarebbero abbastanza per rendere almeno neutri e migliori i luoghi ove si formano ed istruiscono le nuove generazioni di questo millennio.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …