Passa ai contenuti principali

Basta nazionalismi, da rivedere le intitolazioni delle nostre scuole



La scuola è il luogo ove si formano le nuove generazioni, si dice. La scuola è il pilastro fondamentale di ogni società, si ripete. Un contenitore multiforme, una scatola moderna o vecchia, all'interno della quale si consumano alcuni dei migliori o peggiori anni della gioventù e dove insegnanti e personale scolastico trascorrono gran parte della loro vita. E le scuole hanno un nome, una intitolazione. E' inaccettabile che nella società di oggi, che finalmente ha compreso il male dei nazionalismi, dei fascismi, dei razzismi, delle guerre,  pericoli costanti e mai tramontati, siano intitolate a personaggi che non sono e non possono essere considerati in nessun modo come un valore per l'Italia e la nostra società . Sono tante le scuole intitolate ad esempio ad Oberdan, che oggi verrebbe considerato come un terrorista, a D'Annunzio il "duce mancato" e noto per il suo razzismo contro gli slavi, a Cristoforo Colombo torturatore e schiavista , o Cadorna o Diaz, i cui atti nella prima guerra mondiale sono ben noti e non meriterebbero neanche una mezza via dedicata, oppure  Duca d'Aosta, a Vittorio Emanuele III o II, o Umberto I e via discorrendo. A cui poi si aggiungono intitolazioni strettamente locali. Andrebbe fatta una mappatura sul punto.

Quale la situazione dal punto di vista normativo? 
Non esiste in Italia una legislazione specifica sulla intitolazione di una scuola. Il tutto è rimesso a circolari ed atti amministrativi che risalgono al 1980.
L’intitolazione della scuola è deliberata dal Consiglio di Circolo o d’Istituto, sentito il Collegio dei Docenti. La deliberazione è quindi inviata all’USP competente (delegato allo scopo dall’Ufficio Scolastico Regionale) per la richiesta della prevista valutazione del Prefetto e della Giunta comunale.
Acquisite le medesime, se favorevoli, il Direttore Generale dell’USR emana il decreto d’intitolazione inviandolo poi integralmente alla scuola e all’U.S.P.. Nel caso in cui le valutazioni del Prefetto e della Giunta comunale, od anche una sola di esse, non fossero favorevoli, la deliberazione è rinviata al Dirigente scolastico per un riesame da parte degli Organi collegiali. Se questi confermano le proprie deliberazioni, il dirigente dell’USP., sente nuovamente il Prefetto e la Giunta comunale, ed in assenza di elementi di particolari gravità tali da consigliare la restituzione della deliberazione al Dirigente scolastico per la sostituzione del nominativo, il Direttore Generale dell’USR emana il definitivo decreto di intitolazione. Come si evidenzia nella Circolare ministeriale del 1980 l'intitolazione una volta stabilita, può essere mutata soltanto per il sopravvenire di particolari circostanze da motivarsi adeguatamente (es.: venir meno dei presupposti che sostenevano la precedente intitolazione; impossibilità, in rapporto all'evoluzione della coscienza pubblica, del ricordo di comportamenti che il momento storico considera inattuali o contrastanti con gli intessi nazionali). E direi che di circostanze ve ne sarebbero abbastanza per rendere almeno neutri e migliori i luoghi ove si formano ed istruiscono le nuove generazioni di questo millennio.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…