Passa ai contenuti principali

Volontari per la sicurezza in FVG ecco come potranno operare

Chi li chiama ronde, chi li chiama volontari contro il degrado, chi volontari per il decoro, la Legge 9 del 2009 è chiara, si chiamano "volontari per la sicurezza" così come chiaro è il regolamento di attuazione che ne disciplina poteri, funzioni, formazione e dotazioni a partire dalla divisa che dovrà essere di un tessuto misto cotone, interamente bordato, bicolore verde Pantone 3302, ad alta visibilità arancio più berretto tipo baseball, con visiera rigida e fascia di regolazione alla nuca; -colore: verde Pantone 3302 con la scritta "volontario per la sicurezza" nonchè dovranno avere un telefono cellulare, con fotocamera integrata. Oltre ai canonici dispositivi individuali di sicurezza, come le scarpe, è prevista come dotazione facoltativa utilizzo di biciclette, binocoli, torce, autovetture, dove potrà essere applicato il logo” volontari per la sicurezza”. 
L’attività dei volontari si configura come un servizio di utilità sociale svolto in forma occasionale e gratuita, aggiuntivo e non sostitutivo di quello ordinariamente svolto dalle strutture di Polizia locale. La collaborazione dei volontari, nello svolgimento della loro attività, non può in alcun caso assumere le caratteristiche del lavoro subordinato, nè essere associata ad alcun obbligo di prestazione lavorativa nei confronti dell’Amministrazione. In particolare, provvedono a svolgere le seguenti tipologie di attività, informazione, educazione e supporto per la sicurezza stradale; osservazione in relazione alle dinamiche della circolazione in tutte le sue concrete applicazioni, foriere di situazioni di pericolo per gli utenti della strada, con specifico riferimento alla  tutela dei pedoni e con particolare riguardo a bambini, anziani e disabili; osservazione presso gli edifici scolastici del territorio comunale all’entrata e all’uscita degli alunni dalle scuole o da altri impianti ad esse collegati, nonchè nelle fasi di salita e discesa dagli scuolabus; servizio strutturato di accompagnamento di bambini e ragazzi lungo percorsi prestabiliti casa-scuola-casa; osservazione del territorio: osservazione urbana ed extraurbana, con particolare attenzione alle categorie socialmente deboli, quali minori, anziani e disabili, anche sugli autobus di linea, previa intesa con gli enti gestori del servizio; osservazione durante manifestazioni ed eventi a carattere civile, religioso e ludico sportivo; osservazione presso giardini, parchi pubblici, aree destinate a verde pubblico, cimiteri comunali; osservazione sugli edifici esterni comunali, su beni culturali ed artisticomonumentali, nonché all’interno di biblioteche, musei, mostre e gallerie, ovverosia nei luoghi in cui sono conservate parti del patrimonio culturale della comunità; osservazione per la salvaguardia ambientale;
supporto organizzativo alle attività della Polizia locale: collaborazione a progetti volti a favorire l’educazione alla convivenza, al senso civico e al rispetto della legalità assistenza in ausilio alle autorità e ai servizi competenti in ordine a pubblici o privati infortuni che necessitino di un pronto e tempestivo intervento; altre attività ausiliarie di collaborazione con il personale di Polizia locale che non comportino l’esercizio di pubblici poteri.
E’ vietato al volontario l’esercizio di un potere di accertamento, compreso l’accertamento dell’identità personale, e di contestazione delle violazioni previste dalle disposizioni di legge e di regolamento. E’ compito del volontario segnalare tali situazioni al personale di riferimento della Polizia locale. L’attività di osservazione può essere svolta esclusivamente in nuclei composti da un numero di persone non superiore a tre, di cui almeno una di età pari o superiore a 25 anni, senza l’ausilio di animali. Anche se titolari di porto d’armi, i volontari non devono portare al seguito armi o altri oggetti atti ad offendere. Tra i requisiti di ammissione si segnala il non essere stati denunciati o condannati, anche con sentenza non definitiva, per delitti non colposi; non essere sottoposti nè essere stati sottoposti a misure di prevenzione, ovvero destinatari di provvedimenti di cui all’articolo 6, della legge 13 dicembre 1989, n. 401 (Interventi nel settore del giuoco e delle scommesse clandestini e tutela della correttezza nello svolgimento di manifestazioni sportive); non essere aderenti o essere stati aderenti a movimenti, Associazioni o gruppi organizzati di cui al decreto legge 26 aprile 1993, n. 122, convertito dalla legge 25 giugno 1993, n. 205 (Misure urgenti in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa). I volontari devono seguire un programma formativo minimo di venti ore complessive od in alternativa un percorso di solo 4 ore, dipende come verranno utilizzati. 
Insomma, ne vedremo veramente delle belle, e vivi complimenti (è un modo di dire) a chi, pur avendone avuto la possibilità, ed essendo intervenuto a modificare la Legge del 2009, non ha abrogato tale disposizione.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…