Passa ai contenuti principali

Proposta una nuova commissione parlamentare d’inchiesta sul trattamento dell’"italiano" a Bolzano



L'Italia quando ha conquistato, a carissimo prezzo, fette di terra, aggredendo certi e dati territori, alla fine del primo conflitto mondiale ha avviato sin da subito politiche di italianizzazione violenta, così è stato nella Venezia Giulia così è stato a Bolzano, dove il fascismo di confine si è svelato prima che altrove in tutta la sua brutalità. E questi effetti son perdurati nel tempo. Il territorio di Bolzano è enorme, è la seconda provincia più estesa d'Italia ed ancora oggi si registrano diverse provocazioni ed iniziative di carattere neofascista. 
Cosa si legge nella premessa? 
Che "all’interno della provincia autonoma di Bolzano, provincia a caratterizzazione etnica, senza dubbio gli italiani, come dimostrato anche dalle recenti inchieste trasversali del quotidiano tedesco « Dolomiten », dell’Alto-Adige, de « Il fatto », de « La Repubblica » e de « Il Giornale », si sentono alienati e frustrati rispetto alla maggioranza di lingua tedesca, « dolcemente coccolata » dai vari Governi italiani succedutisi negli anni. Gli italiani dell’Alto Adige sono « a disagio », « spaesati », come titola un noto libro di un giornalista locale relativo al « compromesso etnico » nato sessantuno anni fa dall’accordo De Gasperi-Gruber(...)" e dove emerge "la creazione di una minoranza italiana in terra italiana all’interno di una realtà etnica nella quale il gruppo tedesco è pari a circa 300.000 unità e quello italiano supera di poco le 100.000 unità e i mistilingue, fenomeno in grande crescita, non possono essere censiti e, dunque, non sono legalmente riconosciuti.
La politica miope tende a cancellare ogni traccia di identità e di cultura italiane, si favoriscono l’impresa, il commercio, l’artigianato e l’associazionismo tedeschi assistendo alla progressiva sparizione, specie in periferia, della presenza italiana in ogni settore strategico economico con la conseguenza, fin troppo evidente, della cosiddetta Todesmarsch –marcia della morte, della sparizione, dell’assottigliamento della comunità italiana."
Quale lo scopo della proposta di legge? 
"Si intende dunque proporre l’irrimandabile istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta per verificare le motivazioni, le  responsabilità, lo stato e le condizioni della minoranza italiana nella provincia autonoma di Bolzano e della popolazione mistilingue e per definire gli eventuali interventi amministrativi e legislativi necessari per garantire un’assoluta parità di diritti, come peraltro previsto dall’articolo 3 della  Costituzione, tra i componenti delle diverse comunità linguistiche presenti nella provincia autonoma di Bolzano." 
Nello specifico questi sarebbero i compiti della Commissione:
a) verificare l’andamento demografico della minoranza italiana nella provincia autonoma di Bolzano negli ultimi trentanni e indagare sulle cause della sua evoluzione;
b) indagare sulle condizioni di accesso al lavoro dei componenti delle comunità linguistiche nel territorio della provincia autonoma di Bolzano;
c) verificare le condizioni di accesso agli impieghi pubblici dei componenti delle comunità linguistiche nella provincia autonoma di Bolzano e delle nomine ai vertici degli enti pubblici;
d) verificare i criteri di assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica nella provincia autonoma di Bolzano;
e) verificare se le condizioni di accesso alle libere professioni e alle attività di lavoro autonomo in campo industriale, agricolo, artigianale, commerciale e nei servizi siano paritarie tra i componenti delle comunità linguistiche nella provincia autonoma di Bolzano;
f) indagare sull’esistenza di forme di discriminazione diretta o indiretta ai danni della comunità linguistica italiana e se queste configurino una violazione dell’articolo 3 della Costituzione;
g) proporre eventuali correttivi amministrativi e legislativi al fine di garantire l’assoluta parità tra i componenti delle comunità linguistiche nella provincia autonoma di Bolzano.
h) verificare se le commissioni paritetiche dei sei e dei dodici abbiano ancora profilo costituzionale e se le relative norme di attuazione abbiano leso i diritti o assoggettato le comunità linguistiche nella provincia autonoma di Bolzano al potere costituito.
I costi: 
Le spese di funzionamento della Commissione, pari a 50.000 euro, eventualmente incrementabili, in caso di proroga della durata della Commissione ai sensi dell’articolo 2, comma 4, di una somma pari a 20.000 euro, sono poste per metà a carico del bilancio interno della Camera dei deputati e per metà a carico del bilancio interno del Senato della Repubblica.
Ennesimo tentativo, ennesima proposta, situazioni che vanno seguite con attenzione in un contesto generale dove i nazionalismi, piccoli o grandi che siano, ritornano con furore.
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …