Passa ai contenuti principali

Ogni estate il solito tormentone, docenti con due mesi di vacanza,ma è falso

Ogni estate il solito tormentone, e questo tormentone diventa una vera e propria ossessione contro una delle categorie lavorative che meriterebbero maggior rispetto e tutela in Italia, ma che a dirla tutta viene continuamente ridicolizzata. Parlo del corpo docente della scuola pubblica italiana.

I problemi della scuola italiana sono noti e la famigerata Legge 107 del 2015, nota come "buona scuola" ma diventata di dominio pubblico come cattiva scuola altro non ha fatto che peggiorare la situazione.  Una legge che ha registrato uno degli scioperi più importanti mai realizzati in Italia in tale comparto, una legge scritta contro la comunità scolastica, una legge che ha determinato un mero incremento pazzesco dei contenziosi in tutte le sedi. 

Il personale scolastico, nel suo complesso, è quello più corposo dell'intera Pubblica Amministrazione, con delle responsabilità sociali fondamentali per la nostra società. Un personale che vede il contratto fermo da dieci anni, con stipendi ridicoli e continui incrementi di responsabilità, carichi di lavoro a costo zero per lo Stato. Personale che ha perso autorevolezza, nel contesto della scuola intesa come azienda che deve fornire un servizio e dove l'utenza, famiglie e studenti, hanno oggi un ruolo inimmaginabile fino a qualche decennio addietro. 

La scuola non è più una comunità, ma è diventata altro. Un luogo dove le discussioni critiche non sono più ammesse, dove il mito della meritocrazia altro non ha comportato che favorire il personale "fedele" alla dirigenza, che in modo improprio viene ancora definita come preside, ma i presidi di una volta non ci sono più. Così come è vero che i dirigenti sono chiamati a gestire situazioni difficili ma con poteri importanti a propria disposizione.

Quella della professione docente dovrebbe essere riconosciuta come attività usurante, perchè è un lavoro usurante, difficile, ma con le riforme in essere non solo gli stipendi sono miserabili, ma si allontana sempre di più l'età pensionabile. Ed in tutto ciò per una situazione di incomprensione sociale si continua a dire che i docenti in estate hanno due mesi di vacanza. Falso. Hanno mediamente 30 giorni di ferie, come previsto dal contratto.

Una farneticazione che viene messa in atto per legittimare l'apertura delle scuole in estate. Dicono che non ci andranno i docenti.
Premesso che nella maggior parte delle nostre scuole per ragioni climatiche già a partire da maggio, si registrano temperature oltre i parametri di sicurezza all'interno delle aule, ma quello che al sistema interessa è rompere il muro della "chiusura" delle scuole in estate, che siano privati od altro ad entrarci poco conta, l'importante è aprire la strada sulla pelle dei docenti sempre più ridicolizzati e maltrattati socialmente. Sarà che ciò accade con tale accanimento perchè nella scuola esiste la questione del lavoro femminile, stante il fatto che la quasi totalità dei docenti sono donne?

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …