Passa ai contenuti principali

"Nell'architettura fascista c'è parte della nostra identità", elogio delle costruzioni fasciste a Lineanotte



Tg3 Linea notte  è un programma ben conosciuto e noto.
La puntata del 14 luglio tra le varie cose ha dedicato spazio alla pagina dedicata all'arte, alla cultura , come ospite Costantino D'Orazio, critico d'arte ed a quanto pare esperto dell'architettura del periodo fascista. E' emerso che ci sono molte cose interessanti di quel periodo, che è stata la prima vera architettura che ha unito l'Italia, non si è parlato di apologia di fascismo, ma del "lascito straordinario" del fascismo, dal punto di vista "artistico" questo è emerso e complessivamente con un certo entusiasmo.
Ed ancora che "il risultato è stato eccezionale che l'Italia non ha più toccato", elogiato soprattutto il palazzo della civiltà italiana e la "frase meravigliosa riportata sul Colosseo quadrato", "dove in fondo c'è parte della nostra identità" riferendosi al Colosseo quadrato che è uno dei simboli dell'architettura fascista,  e poi si è continuata ad apprezzare l'architettura fascista con vari esempi di strutture ben note, sottolineando il fatto che questo tipo di architettura ha una vera e propria anima, ma se ne è sminuito, nel corso della trasmissione, il carattere di propaganda. Ora, se da un lato è innegabile che durante il fascismo si è costruito molto, anche se non si dice come,  e diverse strutture sono anche apprezzabili esteticamente, non si può assolutamente scorporare il tutto da quello che è stato il fascismo, perchè anche l'opera più bella realizzata nel fascismo era funzionale al fascismo, ad un regime dittatoriale criminale. Che necessità vi era di dover esprimere una sorta di elogio verso quel tipo di architettura proprio nel momento in cui in Italia si è compreso il rischio del nuovo fascismo? E poi, giusto per non farci mancare nulla, su Rai Tre, sul servizio pubblico.

Marco Barone

 

Commenti

  1. Meno male che gente come colui che ha scritto ciò che avete appena letto incominciano a scomparire dalla faccia della terra, o per ragioni anagrafiche e morte naturale o perchè gli italiani incominciano a discernere tra cultura e bassa politica, tra arte e politicizzazione della cultura. C'è stato un periodo che biechi e incolti politicanti (tra cui, immagino, l'autore di questo blob) volevano abbattere, solo perché simbolo della Patria, il monumento a Vittorio Emanuele II (meglio noto come Altare della Patria), oggi rivalutato perché considerato uno dei capolavori della storia architettonica dell'umanità. Vergognosi atteggiamenti di individui incolti vorrebbero abbattere tutto ciò che è stato creato nella prima metà del XX secolo solo perché concepito negli anni delle dittature del secolo, fascismo, nazismo e comunismo: un secolo di architettura da rinnegare. Quegli stessi esseri immondi vorrebbero distruggere tutta la produzione artistica del Rinascimento perché prodotta durante i secoli delle Signorie in Italia: ricordo benissimo queste tesi perché ho abbastanza anni per averle dovute ascoltare, inorridito, durante i famigerati anni del '68, da parte di quegli stessi individui che sono oggi a capo, in veste di manager, di alcuni dei dei più importanti gruppi finanziari nel paese.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

A Pordenone il 14 ottobre manifestazione regionale antifascista

L'ultima grande manifestazione antifascista regionale che si è svolta in Friuli Venezia Giulia è stata in occasione del centenario dell'entrata in guerra dell'Italia. A causa delle celebrazioni dei casapoundisti che avevano puntato su Gorizia per una iniziativa nazionale rivelatasi poi un flop visti i numeri, e vista l'imponente risposta del movimento antifascista del FVG.  Nel corso del tempo il neofascismo e l'estremismo nazionalista, "identitario" ed il razzismo sono dilagati ovunque anche in Friuli Venezia Giulia. Non a livello allarmante, certo, però è innegabile che la situazione sociale e politica favorisce l'affermazione delle peggiori nefandezze delle peggiori "soluzioni" politiche. La banalità del male è questa. Ed anche il FVG non è immune da tutto ciò. Anzi, come la storia ha insegnato è sempre nei luoghi di confine, nelle estremità che si realizzano prima che altrove certi e dati fenomeni "identitari" e razzisti. Il F…

A Gorizia migranti abbandonati in mezzo alla strada. Appello del volontariato: servono coperte,cibo,vestiti

Gorizia è una città che non vuole installazioni artistiche che dovrebbero rappresentare muri, perchè a dirla tutta di muri forse ne hanno già tanti in questa piccola città estrema e periferica d'Italia e dimenticata dall'Italia. E quello visibile contro i migranti fuori convenzione, cioè che non rientrano all'interno di certi e dati parametri numerici, che quindi rimangono letteralmente nel bel mezzo della strada, è diventato da anni l'assoluta normalità. Una vergogna indicibile. Altro che Gorizia umanitaria e solidale. Menzogne. Ovviamente non è questo il motivo che ha determinato in città la morte precoce di una mostra artistica. Sbatterti in faccia la realtà può essere un qualcosa di indigeribile. Una indigestione che la politica dell'apparenza deve perseguire. Così come a Gorizia continua a muoversi la macchina del volontariato. Variegato. Esistono diverse realtà. Diverse situazioni.  Da segnalare l'appello della comunità di volontariato indipendente L'…