Passa ai contenuti principali

Tredici e lo psicologo a scuola, una figura necessaria? Per chi?



La serie televisiva Tredici ha fatto discutere, ha ricevuto consensi ed anche pesanti critiche. Ma accende un potente faro sulle problematiche della scuola moderna, sul mondo giovanile, sul degrado sociale, sulla competizione, sul bullismo, sul rapporto tra genitori e figli, insomma una panoramica complessa ed articolata, a volte tremendamente pesante da seguire.

La protagonista prima di suicidarsi si reca dallo psicologo della scuola, e quella dello school counselor è una figura ancora oggi discussa anche in Italia. Nel caso della serie televisiva lo psicologo è stato semplicemente inutile, ne è uscito male. Certamente non si può caricare tale figura di responsabilità che forse vanno anche oltre le sue competenze, ma è altrettanto vero che è una figura tanto delicata quanto importante nella società di oggi e la preparazione e la sensibilità umana non possono essere requisiti da verificare con leggerezza. 
Nella scuola italiana, esiste in diversi casi uno sportello per gli studenti e genitori affidato e gestito tramite un bando fatto dalla scuola. Esiste un progetto di legge, il DDL S. 2338 “Istituzione della figura professionale di Psicologo scolastico” presso il Senato della Repubblica- XVII Legislatura   che è praticamente identico al DdL n. 2967 presentato alla fine degli anni '90.

Si prevede la figura dello psicologo scolastico, che deve essere iscritto all'albo ed il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca emana appositi bandi di concorso per il reclutamento degli psicologi scolastici. Tra i compiti previsti si segnalano:

a)informazione agli studenti su temi riguardanti lo sviluppo dell’età evolutiva; b) sostegno alla costruzione della personalità degli studenti e allo sviluppo delle competenze di vita; c) supporto al benessere dello studente e degli operatori della scuola, come ambiente di apprendimento responsabilizzante e motivante; d) prevenzione dai fattori di rischio e dalle situazioni di disagio quali: il cyberbullismo e i bisogni educativi speciali (BES); e) supporto e formazione ai docenti e alla comunità scolastica nella gestione di situazioni di disagio; f) consulenza e informazione rivolta ai docenti e al personale nelle varie fasi di sviluppo dell'età evolutiva; g) consulenza psicologica rivolta alle famiglie per il supporto alla genitorialità; h) interazione, ove opportuno, con figure genitoriali, professionali che intervengano, ad altro titolo, nell'ambito della scuola per il sostegno per la disabilità e per gli handicap.

Diverse voci, riduttive se si pensa al bullismo omofobico che qui pare non essere contemplato, ma non solo. Così come riduttivo potrebbe essere pensare questa figura solamente per gli studenti, quando è fatto notorio che nella scuola vi è un malessere sociale diffuso che interessa anche il personale scolastico, privo di ogni sostegno in tal senso, soggetto spesso a pratiche di mobbing, ma con un livello di prevenzione nella scuola pari a zero. Quello che mi domando è realmente necessaria la figura dello psicologo scolastico? E se sì, per chi?

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Goletta Verde in FVG: mare inquinato a Monfalcone e Muggia

Goletta Verde ha reso disponibili i dati per il 2017. Se complessivamente in FVG i dati del mare sono buoni visto anche il quadro complessivo nazionale dove su 260 campioni di acqua analizzati, il 40% è risultato con cariche batteriche elevate, i punti di criticità in FVG si registrano in tre località. Colpisce soprattutto il dato di Monfalcone, se nel 2016 i valori erano dentro i limiti nel 2017 non è così. Il campionamento avvenuto il 05/08/2017 a Monfalcone (GO) presso Marina Julia nella zona spiaggia libera presso parco giochi/via delle Giarrette ha dato un chiaro esito: inquinato.
Questi gli altri dati del Friuli Venezia Giulia Data del campionamento: 05/08/2017
regione: Friuli Venezia Giulia
comune: Muggia (TS)
Punto di prelievo: Foce canale via Battisti incrocio largo Caduti per la libertà
Giudizio: Fortemente inquinato



Data del campionamento: 05/08/2017
regione: Friuli Venezia Giulia
comune: Trieste (TS)
Punto di prelievo: Spiaggia, presso Lungomare F.lli Bandiera
Giud…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…