Passa ai contenuti principali

La scuola della competizione deve essere fermata, basta voti non siamo mercanti

Una delle cose che più mi ha colpito durante il voto in Gran Bretagna è quanto avvenuto durante l'operazione di scrutinio. Vedevi giovani, probabilmente studenti e volontari correre come dannati, mentre indossavano una maglietta con scritta la sezione in cui doveva avvenire il conteggio dei voti. La notizia è stata che  Sunderland ha perso il primato, battuta da Newcastle. Una competizione nella competizione. Ha un senso tutto ciò? Non lo so. Quello che so è che questo sistema esasperato della competizione è arrivato da tempo anche in Italia ed ha favorito il sistema dell'esclusione danneggiando profondamente quello spirito di inclusione che ha sempre caratterizzato la nostra scuola pubblica. Scuola pubblica continuamente sotto attacco, per ultimo con la peggiore legge mai scritta nel settore dell'Istruzione, quale la 107 del 2015, nota come "buona scuola", ma diventata subito di dominio pubblico come cattiva scuola. Competizione tra classi all'interno della stessa scuola e tra scuole all'interno della stesso ambito e così via scrivendo, con il sistema assurdo dell'Invalsi, che tra prove a cronometro e quiz alla fine dei conti altro non serve che a stilare classifiche tra la scuola più brava e quello meno brava, all'interno dei parametri definiti da questo sistema. Nel mentre di tutto ciò avanza il progresso, che a dirla tutta favorisce un mero regresso nel settore dei diritti sociali, ma si continuano ad applicare schemi di una società del '900 superata ed anacronistica. Nella scuola di oggi da un lato vi è stato un vero e proprio proliferare di sistemi compensativi che passando da sigle come BES, DSA, attraverso PDP e PEI, piano didattici personalizzati e piani didattici individualizzati, rendono nella sostanza impossibile la bocciatura perchè un ricorso in Tribunale è sempre pronto e difficilmente verrà respinto. E sulla bocciatura andrebbe effettuata una riflessione profonda, soprattutto se oggi ha ancora un senso. Dall'altro lato si continua a perseverare nel sistema perverso dei voti. I voti sono la base della società della competizione che corre nella direzione dell'esclusione e non dell'inclusione. La società ad alta tensione competitiva compromette quello spirito di solidarietà sociale che è tutelato, a parole almeno, nei principi fondamentali della nostra Costituzione. E' dalla scuola che si determina il nostro futuro, ed il futuro che si prospetta è pessimo. La libertà d'insegnamento è sempre più  ricattata dalla competizione e senza libertà d'insegnamento non ci sarà alcuna società libera di pensare e criticare, non ci sarà più alcun processo sostanziale di uguaglianza e di solidarietà, si minerà ogni processo di consapevolezza, si diventerà tutti dei numeri, numeri che non avranno alcun valore e numeri che verranno sopravvalutati all'interno di un mercato sempre più esasperato dove si è conferito un prezzo alla vita umana. La scuola non è un mercato, la vita umana neanche, ma è quello che stiamo diventando, mercanti inconsapevoli e uomini e donne con un prezzo di partenza, una volta usciti dalla scuola.
 
Marco Barone 
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…