Passa ai contenuti principali

Il vandalismo nelle città è proporzionale al degrado di una società sempre più menefreghista e disagiata

Città che vai, vandali che trovi. Ed è così.  Cosa significa vandalismo? Cosi il vocabolario: "Tendenza a rovinare, distruggere, guastare senza necessità e senza ragione, per gusto perverso o per sciocca e malintesa ostentazione di forza, o anche per incapacità a comprendere la bellezza e l’utilità delle cose che si distruggono": Concetto che deriva dal modo di fare dei Vandali, antica popolazione germanica orientale che all’inizio del 5° sec. invase e devastò la Gallia. Ma questo i vandali del terzo millennio forse non lo sanno. Quotidianamente nei nostri giornali si denunciano casi di distruzione, di danneggiamento, che colpiscono normalmente il bene comune ma anche quello privato. La prima reazione che si matura è pugno duro, più controlli, più telecamere. Reazione comprensibile, ma come la società ha dimostrato, queste misure non funzionano. Spesso si tratta di giovani e minorenni che si muovono in gruppo,  perchè il gruppo è sintomo di forza, di potenza, che vagabondano per le vie della città senza una meta. A volte in bicicletta e da qui la banda delle biciclette, a volte in motorino, a volte semplicemente a piedi. La forza del gruppo nella viltà del gesto eroico che eroismo non è. Perchè questi danni li paga la collettività, anche le loro famiglie, ma questo i vandali forse non lo sanno. O peggio ancora se ne fregano. Alle spalle spesso hanno situazioni famigliari disastrose, abbandonati a se stessi e fino a tarda ora liberi di circolare per le strade deserte dei nostri luoghi e la scuola ha fallito, perchè se si comportano così significa che a scuola non hanno imparato niente. Anche se a dirla tutta, pur non essendo colpa del corpo docente, ma del sistema, una responsabilità della scuola sussiste. In un sistema che non investe più nella scuola della conoscenza, ma delle competenze, non tutte, solo alcune, quelle utili alla logica del profitto. Una scuola dove non si insegna più l'educazione alla cittadinanza, l'educazione civica, una scuola che è chiamata quotidianamente a confrontarsi, senza avere né mezzi né risorse, con casi problematici enormi. La risposta non può essere l'ossessione della tutela del decoro, perchè questa è diventata uno strumento che utilizza l'alibi del fantomatico decoro per colpire le fasce sociali più deboli. Un sistema sociale fondato sulla solidarietà investirebbe seriamente per risolvere queste problematiche, più assistenti sociali, più controllo ed educazione, più luoghi di aggregazione sociale, culturale, più biblioteche aperte la sera, più punti di riferimento per questi sbandati destinati a diventare piccoli o grandi delinquenti, più vita reale, in un contesto mediatico e televisivo che tende a mitizzare l'atto di delinquenza e la disonestà sociale. Più dialogo in un contesto dove si socializza fittiziamente tutto con il cellulare nulla nella realtà non virtuale. Questo è il problema, un problema che investe piccole o grandi realtà che diventano sempre più dormitori assaltati dai vandali di questo nuovo secolo. Il terzo millennio ha partorito più del passato anche delle generazioni profondamente ciniche e menefreghiste, e di ciò se ne deve essere consapevoli.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…

Il duello Piazza Duomo e Tito a Capodistria tanto tuonò che alla fine...

Forse si è trattato di un caso record. 48 ore, ora più ora in meno, è la vita che ha avuto la targa,  delle stesse dimensioni di quella Titov Trg, Piazza Tito, di Capodistria. Se ne è discusso molto nella cittadina slovena, non è stata digerita la provocazione o non provocazione del giorno, in cui è stata affissa, un giorno caro per la Jugoslavia,  il fatto che probabilmente non era neanche in bilingue, come Piazza Tito, e che è il primo passo, non ammesso e non affermabile, che porterà alla rimozione di Piazza Tito e delle altre intitolazioni politiche che ricordano la vecchia Jugoslavia comunista. Tanto tuonò che è stata rimossa e verrà ricollocata a breve, a quanto pare.  Una tempesta fugace che ha lasciato comunque un segno, quello di quel vuoto sotto Piazza Tito. Come è emerso su Radiocapodistria ,dove si è discusso in modo approfondito di questa vicenda,  nel seguito ed importante programma condotto da Stefano Lusa, alla fine pare che il tutto fosse solo un banale e semplice p…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …