Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2017

In FVG presenti 4694 richiedenti asilo, la Giunta regionale dice sì al CPR ma con la chiusura del CARA

CPR o CARA? Sigle che in realtà nascondono dei processi sistemici molto complessi, contestati e spesso non rispettosi dei diritti umani. I CPR, centri per il rimpatrio, altro non sarebbero che una sorta di mini riproposizione dei vecchi CIE ex CPT, dunque CPT, CIE e poi CPR. 
Nel corso dell'audizione convocata dalla VI Commissione consiliare sul tema dell'immigrazione in FVG è emersa la disponibilità " della Giunta rispetto all'attivazione del Centro purché a Gradisca venga contestualmente chiuso il CARA, Centro di accoglienza richiedenti asilo, dove attualmente alloggiano più di 500 persone. E' stato evidenziato che "Il sito durante l'estate - ha aggiunto Torrenti - sarà progressivamente alleggerito dalla presenza di ospiti in modo tale che quando l'ipotesi del CPR sarà confermata, si potranno avviare i lavori e attuare le modifiche strutturali necessarie alle nuove esigenze."   E cosa ne pensano di tutto ciò a Gradisca? Forse sarebbe il cas…

FVG la Regione stanzierà 400mila euro per l'integrazione dei richiedenti asilo nei 4 Comuni (ex)capoluogo di Provincia

Cosa prevede la delibera regionale del FVG 1004 del 1 giugno 2017sul programma stralcio immigrazione 2017? In previsione vi sono 400 mila euro da destinare ad interventi mirati strutturati e coordinati con i Comuni di Gorizia, Pordenone, Trieste e Udine, nella gestione dell’accoglienza delle persone richiedenti e/o titolari di protezione internazionale presenti nelle strutture temporanee. Tutte le istanze proposte e riportate nelle proposte progettuali dovranno tendere al soddisfacimento di necessità non altrimenti fronteggiabili, essere realizzate in  stretta connessione con le iniziative poste già in essere dalle Prefetture e dagli enti affidatari della gestione delle strutture temporanee, prevedendo anche la collaborazione dei soggetti del Terzo settore, quali ad esempio gli Enti gestori SPRAR.
Quali le finalità delle “macro azioni locali”?

1) favorire l’impiego utile del tempo da parte degli ospiti delle strutture temporanee con azioni che prevedono la partecipazione ad attività so…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…

Maturità e Caproni, dal Duce meglio di Dante al suo ruolo nella resistenza, tutto ignorato nella breve biografia

Caproni chi? Avranno pensato molti studenti. Per l'ennesima volta all'esame di maturità si propongono temi ed autori che a scuola nella quasi totalità dei casi non vengono studiati. E questo è un problema serio che ancora oggi non si riesce a superare. Probabilmente chi sceglie i temi per la maturità vorrebbe svolgere un ruolo da impulso per andare oltre i programmi canonici che nella maggior parte dei casi si fermano alle prime vicende della seconda guerra mondiale. Quella di Giorgio Caproni è una scelta difficile, ma anche un personaggio complesso. Nella biografia che accompagna il testo della prova di maturità cosa è stato scritto?  "Giorgio Caproni nacque a Livorno nel 1912. A dieci anni si trasferì con la famiglia a Genova, che considerò sempre la sua vera città e dove visse fino  al 1938. Dopo studi musicali e due anni di università, a partire dal 1935 si dedicò alla professione di maestro elementare. Nel 1939 fu chiamato alle armi e combatté sul fronte occidentale…

Gorizia denuncia della Croce Rossa: maestre esigenti, troppe spese per famiglie. Una riflessione

La coperta è corta, o meglio è corta per la fascia debole della società, visto che in questo mondo i soldi ci sono, ma sono metodicamente e sistematicamente non redistribuiti, vi è una concentrazione di risorse paurosa nelle mani di poche persone, i ricchi sempre più ricchi, ceto medio sulla via dell'estinzione e poveri sempre più poveri. E la scuola è il primo terreno dove emergono queste problematicità. Una scuola dove ancora oggi vi è chi non può, per diversi motivi, pagare la mensa al proprio figlio. Eppure un sistema sociale degno di tal nome, e l'Italia è sempre stata all'avanguardia in tal senso, dovrebbe garantire la gratuità delle mense nella scuola dell'obbligo a tutti i suoi studenti, cosa che a dire il vero nel mondo accade in un paio di Paesi. Italia dove le risorse si sperperano in mille modi, tra mafie e corruzione ed opere grandi per la loro inutilità ed immense per lo sperpero. Nella scuola nel corso degli anni si è assistito ad un drastic…

Nuovo attentato a Londra, colpiti i mussulmani, ci saranno ugualmente le bandiere a lutto?

Ogni guerra, e siamo in guerra, nasce, si afferma per ragioni economiche. Ma all'interno di ogni guerra si determinano pretesti, diversi, per legittimare ordini e poteri che si scontrano, cavalcando e strumentalizzando religioni, differenze sociali, culturali, con lo scopo di creare situazioni di instabilità, di guerra civile. Ed è quello che sicuramente vuole il fantomatico Isis, di cui continuiamo a sapere poco, su cui tutte le analisi risultano essere altalenanti. Quello che accade nei Paesi dove la guerra tradizionale esiste alla maggioranza dei cittadini dell'Occidente interessa poco, sia che vengano utilizzate armi non convenzionali sia che vengano continuamente ammazzati civili.
Interessa quello che accade in casa propria e quello che accade in casa propria è un qualcosa di altrettanto terribile, ingestibile. Oramai quando si viaggia si viaggia con la paura, questo è innegabile. Ma quello che non deve accadere è arrivare a realizzare il sogno dell'Isis, guerra civi…

Cosa sarebbe successo se gli emigrati italiani in USA avessero trovato soltanto chiese come riferimento

Nell'ultima serata del Festival del giornalismo di Ronchi si è svolto il dibattito sul nostro mondo a pezzi, con la presenza di  Christiana Ruggeri giornalista del Tg2 e Adib Fateh Ali giornalista dell'Agenzia di stampa Askanews con la moderazione del direttore de Il Piccolo, Enzo D'Antona. Il pensiero iniziale, da parte degli organizzatori, è andato a Tortora ed al fotoreporter Andrea Rocchelli. Diversi gli aspetti toccati, dalle questioni dell'Isis, dove è stato evidenziato il rigido lato religioso del loro modo di operare, delle quattro dottrine dell'Islam, e di quella "moderna" che è la più estremista, nata per opera di un mussulmano andato a Londra nel 1800, dottrina che oggi giorno è nella sostanza seguita dall'Isis. Significative le riflessioni sulla consistenza degli sciiti, il petrolio esiste dove esistono le minoranze sciite così come si è sottolineato che il modus operandi del terrorismo islamico in Europa è diventato più aggressivo da q…

Ballottaggio Gorizia: cultura- dalla memoria condivisa (del Pd) a Nova Gorica e Gorizia capitale della cultura (per la destra)

Secondo appuntamento, in vista del ballottaggio, sul confronto tra i programmi elettorali, per Gorizia, tra quello a sostegno di Ziberna( destra) e di  Collini ( Pd più altre liste). Ora è il momento della cultura.  Cosa prevede il programma a sostegno di Ziberna?
Guardiamo gli aspetti più rilevanti.  Si sostiene la candidatura di  Nova Gorica e Gorizia a capitale europea della cultura. Si propone l'iniziativa "Adottiamo un palazzo", rivolto al recupero di edifici storici in degrado. Si sostengono iniziative con tutti gli operatori economici e altri partner del Sistema Gorizia, come la Cciaa e la Fondazione CaRiGo. Sarà inserita in bilancio una cifra per la promozione. Si guarda anche alla musica "della scena alternativa pop, rock, rap, elettronica, organizzate in collaborazione con le realtà associative del territorio. Concerti, danza, opera lirica e performance trasformeranno piazze e luoghi pubblici e locali in palcoscenici sotto le stelle."  Si insist…

La scuola della competizione deve essere fermata, basta voti non siamo mercanti

Una delle cose che più mi ha colpito durante il voto in Gran Bretagna è quanto avvenuto durante l'operazione di scrutinio. Vedevi giovani, probabilmente studenti e volontari correre come dannati, mentre indossavano una maglietta con scritta la sezione in cui doveva avvenire il conteggio dei voti. La notizia è stata che  Sunderland ha perso il primato, battuta da Newcastle. Una competizione nella competizione. Ha un senso tutto ciò? Non lo so. Quello che so è che questo sistema esasperato della competizione è arrivato da tempo anche in Italia ed ha favorito il sistema dell'esclusione danneggiando profondamente quello spirito di inclusione che ha sempre caratterizzato la nostra scuola pubblica. Scuola pubblica continuamente sotto attacco, per ultimo con la peggiore legge mai scritta nel settore dell'Istruzione, quale la 107 del 2015, nota come "buona scuola", ma diventata subito di dominio pubblico come cattiva scuola. Competizione tra classi all'interno dell…

Richiedenti asilo a Gorizia: quale la differenza tra quanto proposto da Ziberna e Collini?

Il 25 giugno quella che è stata definita come la remuntada alla goriziana sarà una mera utopia o sarà possibile? Perdere le elezioni per 22 voti è già indicativo della situazione in essere ed anche se si dovessero mettere insieme, cosa impensabile, tutte le liste che si sono opposte al centro-destra, non si riuscirebbe nell'impresa, forse è più facile fare una cinquina al gioco  del lotto.
Comunque sia, vediamo quale la differenza tra il programma elettorale a sostegno di Ziberna e quello di Collini, sulla questione certamente più calda, ovvero quella dei richiedenti asilo.
Cosa propone il programma a sostegno di Ziberna? Si parte con la questione del costo.  "Quasi 16 milioni di euro in tre anni. È quanto costerà il servizio di accoglienza e assistenza dei richiedenti protezione internazionale a Gorizia e nel resto dell'Isontino." Quale la fonte di questo dato? Nel testo non è indicata. Poi si presenta Gorizia come una città addirittura e "senza dubbio" tra…

In provincia di Trieste e Gorizia nessuna scuola sarebbe a norma anti sismica?

Sul sito dell'Espresso è stato pubblicato l'elenco dal quale si desume lo stato di (in)sicurezza delle nostre scuole in materia di antisismicità. Se è vero che la piattaforma dalla quale risultano i dati non riporterebbe eventuali adeguamenti sismici successivi alla costruzione, poichè non sono stati censiti, il quadro emergente in ogni caso è semplicemente allucinante. Ad esempio risulterebbe che nella provincia di Gorizia e Trieste nessuna scuola sarebbe a norma anti sismica. E' realmente così ancora oggi, anno 2017? Discorso leggermente diverso per la provincia di Udine e Pordenone e comunque si tratterebbe di pochi casi di scuole a norma, almeno in base ai datti disponibili sino ad oggi. 





Marco Barone

Summit dei Balcani Occidentali come la cooperazione tra giovani può contrastare i nazionalismi?

Come è noto a Trieste si svolgerà un meeting sui Balcani Occidentali, zona dell'ex Jugoslavia che ha più di 20 milioni di abitanti ed include Paesi come Macedonia, Montenegro, Albania, Serbia, Kosovo che attendono in un certo senso di entrare in Unione Europea. Questo summit sui Balcani Occidentali è certamente un passo, ulteriore, per tale inclusione, che si afferma proprio nel momento in cui i rimpianti verso la Jugoslavia incrementano.   La Regione del FVG si è attivata invitando i rappresentanti della società civile del Friuli Venezia Giulia  a formulare un proprio contributo sintetico su uno o più temi come indicati nel sito  (al massimo 500 caratteri per ogni tema di interesse) e quello che voglio evidenziare è questo:  come la cooperazione tra giovani potrebbe essere uno strumento valido nella lotta/prevenzione dei nazionalismi e della radicalizzazione nella regione? I contributi, recanti il preciso riferimento al tema selezionato, devono essere trasmessi in versione infor…

Il 25 giugno al ballottaggio piuttosto che votare per il PD è meglio andare al mare, ci sarà bel tempo

Il 25 giugno in gran parte dell'Italia è previsto bel tempo con temperature buone per andare a mare, visto che si tratterà anche della prima domenica d'estate. Ma il 25 giugno ci sarà anche il turno di ballottaggio in diversi capoluoghi di provincia od ex come Gorizia ed in alcune grandi città. L'astensione, tanto per cambiare, continua a crescere. Al primo turno sono state offerte diverse scelte, gli elettori hanno deciso chi mandare al ballottaggio e quasi ovunque vi è la destra tradizionale con il PD o coalizione sostenuta dal PD. Quale soluzione? Andare al mare e godersi la prima domenica d'estate. Il PD è non votabile, così come le coalizioni sostenute dal PD. Poi se si concorda sul Jobs Act, sulla riforma della Costituzione bocciata dagli italiani, sul decreto sicurezza, sulle politiche sul decoro, sul revisionismo storico, sulla disastrosa e pessima riforma della scuola, ecc ecc ecc che potrebbe continuare all'infinito, fate pure. Votate chi vi pare. Certo,…

Gorizia al ballottaggio, vince la destra a Cormons e Duino Aurisina, buon risultato a San Canzian A sinistra

Il dato politico più rilevante è certamente quello di Gorizia, ex capoluogo di provincia, città tradizionalmente democristiana e poi a destra, salvo qualche rara parentesi di sinistra. Non vince al primo turno, come aveva fatto intendere la destra, a volte peccare di presunzione è una brutta cosa, comunque è innegabile che la distanza con il secondo classificato, la coalizione del Pd, è enorme in un contesto elettorale dove si è registrata, per la tradizione elettorale di Gorizia, una significativa astensione. Comunque è stata una corsa unidirezionale fino all'ultimo voto, si è dovuto attendere il risultato dell'ultima sezione per capire il risultato finale. Per una manciata di voti si va al ballottaggio, come accaduto a Monfalcone. Il primo partito è Forza Italia, il secondo è la Lega Nord che nel 2012 si collocava all'ottavo posto. Il Pd nel 2012 aveva 2559 voti di lista, diventando il secondo partito della città, nel 2017 con 1214 voti si colloca al terzo posto e subis…

Amministrative2017: Gorizia la percentuale di votanti più bassa nella storia della città di questo secolo

Gorizia è una città dove vi è stata sempre una importante ed alta partecipazione al voto per il rinnovo dell'amministrazione comunale. Non sempre un proliferare di liste significa grande partecipazione e conseguentemente automatica alta partecipazione al voto. Almeno nel caso di Gorizia non è stato così, visto che per il primo turno delle amministrative del 2017 si è registrata l'affluenza al voto più bassa di questo inizio secolo, ferma al  57,90  con un totale di 17. 602 votanti su 30.400 elettori, ciò significa che poco più di 12 mila cittadini hanno deciso semplicemente di non votare.  Nel 2002 votarono 22.693 elettori, nel 2007 la percentuale di votanti era del 69.92%nel 2012del 61,10%. Sinceramente una diversa e minore partecipazione al voto rispetto al passato era nell'aria e ben prevedibile ed in diversi l'abbiamo prevista, così come prevedibili saranno alcuni risultati, e la colpa non è certamente del bel tempo o della partita di calcio dell'Italia. Un pri…

Ma cara ministra vacci tu a scuola d'estate

Hanno una ossessione maledetta. Non riescono proprio a darsi pace. Quella dell'apertura della scuola d'estate è una litania che ritorna, ritorna sempre in modo diverso. Una volta con i docenti disponibili, una volta senza docenti ma con le associazioni. Trucchi, inganni, perchè lo scopo è far accettare l'apertura della scuola d'estate, l'importante è partire, poi il resto verrà inevitabilmente da solo. Ma qualcuno ha idea delle condizioni nelle quali si trovano le nostre scuole? Si schiatta di caldo, senza impianti di areazione, si lavora ancora con i finestroni aperti, quando va bene o con le porte aperte. Ma lasciateli in pace questi ragazzi. Niente compiti per l'estate, niente scuola per l'estate. Quella della professione docente è un mestiere logorante, usurante anche se non viene ancora oggi riconosciuto come tale. Vi era una canzonetta che faceva così: "Quindi a scuola vacci tu, Piove piove, Che fortuna Niente scuola per un po’." Con il cal…

Monfalcone e la puntata di Operai: il problema della lingua da Fincantieri alla scuola

Da quando la destra ha vinto le elezioni a Monfalcone in quella che è stata la prevedibile Caporetto del centrosinistra, la città è finita nel mirino dei media nazionale. A partire dal tradimento della questione morale sull'amianto in relazione alla nota  transazione che addirittura ha impegnato il Comune per quattro soldi a rinunciare alla costituzione di parte civile in qualunque procedimento penale che dovesse essere promosso in futuro per i fatti connessi all'impiego dell'amianto anteriormente alla sottoscrizione dell'accorso. E' quello di costituirsi parte civile un diritto indisponibile?  A parer mio trattandosi, nel caso di costituzione di parte civile in sede della tremenda questione amianto a Monfalcone, della difesa di un diritto indisponibile dell'intera collettività è evidente che la sua tutela sul piano giurisdizionale non può essere lasciata alla sola valutazione discrezionale dell'amministrazione comunale pro tempore che non può, anche se ci…

Elezioni GB:competizione nella competizione Newcastle batte Sunderland

In entrambi i seggi hanno vinto i laburisti, ma questa volta Sunderland ha perso il primato, battuta da Newcastle. Nelle elezioni inglesi esiste una competizione nella competizione. Si vota in luoghi assurdi, anche nei bar, poi tutto viene raccolto per essere portato nel luogo dove si svolgerà lo spoglio. E qui vedrai giovani, probabilmente studenti e penso anche che lo facciano a titolo di volontariato, dove con le magliette bianche con scritto Sunderland li vedi correre come matti. Non capivi inizialmente il perchè. Il primo pensiero era per la borsa, forse hanno una fretta enorme di comunicare il risultato perchè ogni secondo perso significa un segnale debole e di incertezza per la sterlina, visti anche gli exit poll. Invece no. Vi è una gara, non è noto se vi sia un premio, sicuramente si ha un primato, quello del seggio che ha finito per primo lo spoglio.  Una società, quella inglese, molto particolare. Dove tutti i candidati nella circoscrizione dove avverrà lo spoglio saranno p…

La Regione FVG approva legge per contrastare ogni forma di bullismo, dall'omofobico al cyberbullismo

La Regione FVG da questo momento sosterrà e finanzierà progetti e interventi, che abbiano un approccio multidisciplinare, volti all’educazione alle relazioni umane, al rispetto della dignità delle persone, alla valorizzazione delle diversità, al contrasto a tutte le discriminazioni nel rispetto del principio di eguaglianza e pari opportunità tra persone, senza distinzione alcuna. E dunque si attiverà per sostenere attivamente azioni di rilevazione, prevenzione e contrasto del fenomeno del bullismo, in tutte le sue manifestazioni, compreso il cyberbullismo.

Pare evidente che vi rientra anche quello omofobico, pur se non espressamente citato, e sinceramente non si capisce il motivo perchè non sia stato espressamente scritto, visto che è una delle forme di bullismo più diffuse e difficile da contrastare. Vi rientra  nel momento in cui si attuano azioni finalizzate a contrastare tutte le discriminazioni ed azioni finalizzate a valorizzare le diversità. La Regione per raggiungere questi sc…

Se a Gorizia il Comune autorizza un monumento per i patroni d' Europa, ma si dimenticano tre sante

Viva la laicità, verrebbe da dire. A Gorizia il Comune ha autorizzato l’ubicazione dell’opera scultorea-musiva raffigurante i Santi Cirillo e Metodio e San Benedetto patroni d’Europa, realizzata dall’Associazione Skultura 2001, nell’area di circa 4,00 mq e dovrebbe sorgere presso la stazione confinaria di Sant'Andrea. Ultimo atto della giunta destra uscente. Singolare notare come i Santi patroni d'Europa a dire il vero sarebbero sei. San Benedetto da Norcia, Santa Caterina da Siena, Santa Brigida di Svezia, i Santi Cirillo e Metodio, Edith Stein-Santa Teresa Benedetta della Croce.
Mancherebbero all'appello tre Sante. Certo, non è responsabilità questa dimenticanza, se di dimenticanza trattasi, del Comune di Gorizia. Però visto che l'oggetto della delibera è collocazione di un monumento raffigurante i patroni d'Europa, qualche perplessità emerge. Amen. Marco Barone

Prebenico ritorna al suo nome Prebeneg. E' necessaria una bonifica storica contro i toponimi fascisti

Sul Piccolo di Trieste è stata riportata, giustamente con gran risalto, un fatto storico che ripristina oltre al nome originario di una frazione, soprattutto la dignità. Non è il primo caso, è stato giustamente ricordato quanto accaduto a Monrupino-Repentabor, dove nel 2003 le diciture Rupingrande e Zolla sono state ufficialmente abolite. Fondamentali le motivazioni che accompagnano il ripristino del toponimo originario che porterà Prebenico a diventare Prebeneg: "Con questo gesto desideriamo fare ciò che lo Stato democratico non ha fatto in 50 anni di amministrazione dei nostri luoghi: riparare l'ingiustizia arrecata alle nostre località e ai nostri avi, per noi stessi e per i nostri figli. Non vi è più alcuna ragione per l'ulteriore mantenimento di questo appellativo fascista che offende ogni persona democratica, sia essa di nazionalità slovena che italiana". Si scrive la storia. In Italia sono centinaia di centinaia i toponimi italianizzati e romanizzati ch…

Krško, Slovenia, "unica centrale nucleare europea in zona sismica"

La puntata di Report dedicata alle centrali nucleari ancora funzionanti in Europa è stata una denuncia importante ed inquietante nello stesso tempo. Siamo all'interno di una zona ad alta potenzialità di morte e le condizioni di sicurezza non sembrano essere certamente le migliori. Il caso più eclatante è certamente quello noto di Krško, a 130 Km da Trieste, in Slovenia. Già da tempo sono state sollevate diverse preoccupazioni, ma tutto continua come se niente fosse. Come ha evidenziato Report questa centrale è l'unica europea in zona sismica ad attività medio-alta ed in Europa complessivamente ci sono 140 reattori nucleari attivi, molti più vecchi di 30-40 anni. Insomma quello che è stato definito come non pare essere pura fantascienza drammatica. Certo, il direttore della  centrale di Krško ha dichiarato che: "Rispettiamo i più alti standard di sicurezza". Sarà. Ma i terremoti son terremoti, le zone sismiche son zone sismiche e l'Europa deve atti…