Passa ai contenuti principali

Per la festa della mamma il profilo ufficiale "Nazionale italiana" rispolvera una maglia fascista


Sul sito VIVOAZZURRO.IT - La community ufficiale delle nazionali di calcio italiane, per il giorno della festa della mamma, cosa hanno deciso di rispolverare?
Una maglia fascista.
Così si legge:
24 marzo 1935: una data che potrebbe non dire molto anche ai più appassionati, ma che in realtà ha un grande significato per la storia della Nazionale, perché segna l’esordio con la maglia azzurra di Silvio Piola.
A Vienna si gioca Austria-Italia e Piola viene schierato titolare a sorpresa dal Ct Pozzo. Da quei novanta minuti, si capisce di già che l’attaccante è un predestinato: doppietta alla sua prima presenza in Nazionale. L’Italia batte 2-0 i padroni di casa dell’Austria, proprio grazie alle due reti di Piola che poi, al termine della gara, effettua una richiesta particolare al Commissario tecnico: portarsi a casa la maglia per donarla alla mamma. Nonostante non sia usanza, Pozzo non può proprio dirgli di no.
La madre di Silvio conserva gelosamente quel capo, come fosse una reliquia, e per celebrare quell’impresa, ricama sulla maglia: “Vienna, 24 marzo 1935. Austria 0 Italia 2. Piola à segnato (‘à’ è una forma arcaica di ‘ha’) entrambi i goal. Prima partita di Piola in Nazionale A”.
Quelle scritte, quei ricami, sono il simbolo di tutto l’amore materno verso un campione che avrebbe poi chiuso la sua carriera in azzurro totalizzando 30 reti.
Ed è la figlia di Silvio, Paola, una volta morto il padre, a trovare quel capo di inestimabile valore storico e a regalarlo al Museo del Calcio, dove si trova ancora oggi il cimelio.
Questo aneddoto di famiglia, che si intreccia con la storia azzurra, ci permette di ricordare oggi la festa della mamma.

Quanta poesia, quanta nostalgia, quanto amore in quel ricamo. E neanche una mezza virgola di critica sul simbolo fascista. Ora, era proprio necessaria questa scelta? Chi è il responsabile di ciò? Quale criterio? E non è un caso che si è andata a ripescare la sfida tra Italia e Austria, proprio quando ricorre il centenario della grande carneficina della prima guerra mondiale. Sfumature nazionalistiche, disastrose, che ben si armonizzano in questo caso con quella maglia, con quella scelta.
Non avevano altre maglie a disposizione? Perchè tirar fuori dal museo una maglia con simbolo fascista per il giorno della festa della mamma? Una vergogna totale, che rischia di essere legittimata con un fatto di "memoria "storica. La storia è storia, ma ci sono scelte e scelte, e la selezione di questa maglia è una roba indifendibile, indecente. D'altronde di cosa stupirsi in un Paese, come l'Italia, che non ha mai fatto realmente i conti con il fascismo e dove l'apologia del fascismo è più vicina ad essere una sorta di optional che una cosa seria e degna di un Paese che avrebbe a cuore i valori antifascisti?

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …