Passa ai contenuti principali

L'omofobia è la più grande bestemmia di questi tempi

Fin dall'antichità l'uomo andava alla ricerca del soprannaturale quando per mancanze cognitive, per ignoranza, non riusciva a spiegare determinati fenomeni fino ad arrivare all'estrema mitizzazione.Dai fulmini dell'uomo primitivo, ai fulmini di Zeus all'inferno di Dante il passo è breve, un passo breve che ha attraversato millenni. L'uomo ha avuto sempre la necessità di credere in qualcosa, per il timore del proprio essere limitato, per la non accettazione della mortalità e le religioni son diventante nel tempo anche mezzo per governare le masse passando attraverso la conservazione di riti che hanno visto nella contrapposizione tra paganesimo e cristianesimo  in realtà un filo di continuità. Penso all'idolatria pur con le sue varianti. Cioè la divinizzazione di un oggetto o di un'immagine creata dall'uomo. Mescolanze di riti, di tradizioni, di culti, appropriazioni indebite o meno. La religione ha sempre fatto parte della vita umana, una cosa normale anche se ancora oggi inspiegabile razionalmente. Così come ha fatto sempre parte della storia della vita umana, l'omosessualità. E veniamo all'oggi. A Trieste quando si è registrata la prima unione civile la sala matrimoni, anziché essere chiamata sala matrimoni e delle unioni civili è stata etichettata come sala Tergeste. E nell'ignoranza del tutto chi ha voluto riportare Trieste ai tempi della romanità, quando si chiamava Tergeste ha rimosso che nell'antico Impero Romano l'omosessualità era totalmente normale, talmente normale ed accettata che il razzista Giovenale, così si tramanda, avendo attaccato l'Imperatore Adriano per la sua relazione con Antinoo, venne esiliato forse in Egitto. Ad Udine ci sarà l'importante FVG Pride, ma per non turbare la sensibilità dei "credenti" la marcia dell'amore non sfiorerà quel luogo ove si dovrebbe comunemente professare amore, il Duomo. Opportunità(?). In un tempo dove a queste iniziative spesso seguono in alcune località processioni riparatorie. Eppure il più grande amore della storia, amore astratto, idilliaco, avviene proprio nella Chiesa, dove uomini amano un uomo dove donne amano una donna, Gesù e Maria nei confronti dei quali viene esercitata piena dedizione. Amore. Ma nella contraddizione in essere della più importante religione dell'Occidente non si sostiene l'amore comune omosessuale, perchè la famiglia sarebbe quella solo tra donna e uomo. Che è cosa diversa dalla famiglia naturale come concepita nella nostra Costituzione dove per naturale si intende il principio che vuole la famiglia come soggetto autonomo rispetto alla figura dello Stato, niente di più, niente di meno. Non pretendo che la religione faccia aperture o forzi le sue dottrine, ciò non mi riguarda, ma ciò che trovo intollerabile è che la religione possa esercitare ingerenza nella vita ordinaria di uno Stato e società civile negando l'amore per una sua distorta ed anacronistica ed anche contraddittoria visione della società. Tale negazione di amore che facilita la via dell'omofobia è anche una grande bestemmia, forse la più grande di questi tempi.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…