Passa ai contenuti principali

Quelle volte che in Parlamento si è discusso di Udinese Calcio



L'Udinese è una delle squadre di calcio più antiche d'Italia, molto amata in Friuli, e con uno stadio all'avanguardia, anche se ha cambiato recentemente nome, per ragioni di sponsor, ma nel cuore dei friulani rimarrà per sempre stadio Friuli. Diverse volte è capitato, non per casualità, ma per diverse ragioni, di sollevare nelle aule del Parlamento alcuni problemi che hanno, nel bene o nel male, interessato l'Udinese calcio.

Tra i primi segnalo quando accaduto nel mese di ottobre del 1953.
Si interrogava il Presidente del Consiglio dei ministri ed il ministro dell’interno, per conoscere le ragioni per le quali veniva negato al calciatore svedese Arne Selmosson ingaggiato dall’Associazione calcio udinese il permesso di soggiorno in Italia per svolgere attività calcistica. "Chiedono, infine, gli interroganti se  in vista della particolare situazione del caso Selmosson, che non trova riscontro per le sue caratteristiche in altri casi del genere, ed  in considerazione che a seguito di esplicita dichiarazione della Federazione italiana gioco calcio in data 11 settembre, secondo la quale da parte della stessa nulla osterebbe per i1 rilascio del nulla-osta a giocare, 1’associazione calcio udinese ha perfezionato gli accordi a suo tempo intervenuti ed il Selmosson si trova attualmente in Italia, la Presidenza del Consiglio ed il ministro dell’interno ritengono di trasformare l’attuale permesso di soggiorno quale turista in permesso di soggiorno per svolgere attività calcistica."

Settembre 1955:
Nella seduta in Aula veniva invocato un provvedimento di clemenza "di cui dovrebbe beneficiare sia il Catania che l’Udinese, sia le squadre calcistiche eventualmente rimaste impunite; e ciò per ovviare al gravissimo stato di disagio in cui versa il calcio italiano e per smentire il diffuso convincimento che a carico delle suddette società sportive, sole rappresentanti nella divisione calcistica A della Sicilia e del Friuli, si siano adottati provvedimenti che non sono stati, viceversa, presi nei confronti di altre società, indicate dalla voce pubblica come colpevoli. I provvedimenti dei tribunali calcistici della F.I.G.C. hanno determinato uno stato di giustificata amarezza presso larghi strati delle popolazioni friulane e siciliane, che hanno visto i nomi delle città di Udine e Catania arbitrariamente coinvolte  in un perlomeno singolare procedimento pseudo giudiziario che, a parte le responsabilità  personali dei dirigenti delle società, colpisce immeritatamente la passione sportiva di quanti, all’oscuro di ciò che si andava facendo, alimentavano attraverso notevoli sacrifici lo sforzo agonistico delle squadre recanti i colori cittadini. "

Gennaio 1980:
in Aula si poneva la seguente interrogazione-"considerato quanto è accaduto domenica 6 gennaio 1980, durante l'incontro Udinese-Pescara, valevole per il campionato di calcio di serie A, allorché è apparsa - come è provato sia dai resoconti radiotelevisivi che dalla stampa sportiva - la palese insufficienza del direttore di gara a dirigere l'incontro - quali interventi di competenza intende promuovere verso le organizzazioni sportive CONI e la Federazione Gioco Calcio affinché sia evitato il ripetersi dei lamentati fatti e per sollecitare una maggiore collaborazione da parte di tutti - anche attraverso la designazione di direttori di gara preparati, capaci e sperimentati - onde consentire che le competizioni sportive siano momenti non solo di corretto e civile agonismo ma anche di rafforzamento del prestigio dell'idea e della professione sportiva".

Ma sono state diverse le interrogazioni emerse su vari aspetti e ne segnalo alcune.

Nella IX Legislatura si proponeva una interrogazione a risposta orale per conoscere l'opinione del Governo in ordine ai provvedimenti disciplinari emessi ne confronti dell'Udinese, nella XII Legislatura si interrogava il governo sulla questione della mancata trasmissione televisiva della partita di UEFA dell'Udinese: "l'Udinese calcio e' da sempre accompagnata dall'affetto e dall'incitamento di tutti gli abitanti della regione Friuli Venezia Giulia che tendono ad immedesimarsi nella loro squadra di calcio garantendo un seguito che oramai comunque travalica gli stessi confini regionali; attualmente non risulta all'interrogante che il servizio televisivo pubblico sia interessato alla trasmissione dell'evento sportivo che tanta attesa sta creando in Friuli; anche la gara di ritorno del 2^ turno della gia' citata "Coppa Uefa" che l'Udinese gioco' a Varsavia contro la locale formazione di calcio venne ignorata dalla Rai che garanti' esclusivamente la radiocronaca della partita..."

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …