Passa ai contenuti principali

Il gruppo navale americano per la Corea del Nord è pronto. Le preoccupazioni dei famigliari





Si è detto in queste ore che la portaerei Uss Carl Vinson insieme al gruppo di navi non era diretta verso la Corea del Nord, che ci sarebbero stati problemi di comunicazione e che in sostanza le pressioni di Trump contro la Corea erano solo un bluff. Bluff o non bluff, risponde il comandante che scrive ai famigliari del gruppo navale che guida, e le sue parole sono chiare:



CSG-1 Families and Loved Ones,
“I promised to keep you apprised of changes as soon as we knew and when we are authorized to communicate them. Our deployment has been extended 30 days to provide a persistent presence in the Waters off the Korean Peninsula.
While all of us look forward to being connected with our friends and families, our nation requires us to be its flexible force, the away team, and as we have done time and time again through history, we won’t let her down now.
Our mission is to reassure allies and our partners of our steadfast commitment to the Indo-Asia-Pacific region. We will continue to be the centerpiece of visible maritime deterrence, providing our national command authority with flexible deterrent options, all domain access, and a visible forward presence.
I cannot emphasize enough that while our Strike Group’s focus is on our mission, the safety and security of my command, your Sailors, continues to be at the forefront of my thoughts and actions. The training leading up to deployment and on deployment has prepared us to be ready to respond to the call - we are ready.
The Family Readiness Groups and Ombudsman Groups of CSG-1, CVN-70, CVW-2, CDS-1 (DDG-108 and DDG-112),CG-57, and all subordinate commands are an ever-present resource. I encourage you to reach out to them as you have questions.
Thank you for you continued sacrifice, your consummate understanding and your unwavering support.”
Rear Admiral Jim Kilby
Commander, Carrier Strike Group One

Dunque, è questione di tempo. E dal tenore della sua comunicazione emerge un certo tono di preoccupazione. Dicono che sono pronti, ma gli oltre 800 commenti giunti sul profilo facebook ufficiale  lasciano ben trapelare tutto il timore dei famigliari. Da chi spera di rivedere presto il proprio marito, da chi comunica che il figlio non avrà il genitore presente nel giorno del diploma, a chi invia preghiere perchè possano ritornare sani e salvi, a chi spera che nessuna azione debba avere luogo. La situazione è delicata, per anni hanno permesso alla Corea del nord di armarsi sino all'inverosimile. Così come è vero che se si armano solo gli americani va tutto bene, se lo fanno altri va tutto male. Comunque sia, la guerra è una brutta bestia, con cui il mondo ha sempre fatto i conti, ha sempre pagato il prezzo, ma che continua a inseguire. Dietro ogni parvenza di grido di libertà e sicurezza, vi sono solo interessi economici. Che poi la guerra distrugga famiglie e società e città, questo ai potenti della terra non frega semplicemente un bel nulla. Se solo i militari lo capissero, capissero che il destino del mondo è anche nelle loro mani, perchè loro sono il mezzo, lo strumento impiegato, manipolati, per una causa non di giustizia, ma di profitto, se solo dicessero no, visto che questa volta veramente si rischia, più di altre, una catastrofe globale di cui nessuno ne ha realmente coscienza, inimmaginabile, con buona parte dei media occidentali che tifano per la guerra, come se fosse un gioco, una cosa da playstation, un fottuto videogame.


Marco Barone  

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…