Passa ai contenuti principali

I tre temi caldi della campagna elettorale a Gorizia: immigrazione,ascensore e centrale a biomasse


Il cerchio è chiuso. I nomi dei candidati a sindaco sono stati tutti definiti e la campagna elettorale può entrare nel vivo, si spera. Si spera perchè fino ad oggi, salvo qualche iniziativa, sinceramente a Gorizia non sembra proprio di essere in campagna elettorale. Certo, ci saranno i manifesti elettorali affissi negli spazi pubblici, ma l'aria che si respira in città è in gran parte di indifferenza. Quali i temi caldi? I tre pilastri che hanno segnato il dibattito a Gorizia in questi ultimi anni. Il primo è certamente quello dell'immigrazione. Gorizia più di una volta è finita nelle cronache nazionali per i muri che qui sono stati politicamente eretti, con il sistema dell'accoglienza diffusa che non ha funzionato stante il fatto che la gran parte dei comuni tra alto e basso Isontino accolgono pochi migranti, se non in alcuni casi zero, ed il grosso è concentrato tra Gorizia e Gradisca. 
Ma è Gorizia la città che ospita la commissione territoriale, nonostante sia stata volutamente depotenziata e non potrà sfuggire alle proprie responsabilità anche fino a quando certamente continuerà ad ospitare tale importante struttura. Così come è impensabile che un sindaco di Gorizia possa esercitare pressioni nei confronti degli altri Comuni in materia di accoglienza, sarebbe una ingerenza indebita, ma è altrettanto vero che almeno per quanto concerne il beffardo sistema delle UTI essendo capofila di quella dell'alto Isontino forse lì qualche pressione sarà inevitabile, salvo una ribellione che ne determini l'uscita, come accaduto a Monfalcone. La via di uscita si chiama collaborazione,solidarietà, non strafottenza od arroganza.
L'ascensore ( che non c'è) è l'altro tema centrale di Gorizia perchè simbolo di una progettazione cattiva della città che ha minato seriamente l'estetica dell'area del Castello e di Piazza Vittoria, oltre che uno spreco di danaro pubblico importante. Così come fondamentale è la questione della centrale a biomasse, sostenuta anche dalla non rimpianta Provincia di Gorizia, contro la volontà di buona parte dei cittadini. Anche questo simbolo, a prescindere dalle questioni strettamente burocratiche ed ambientaliste, di una visione della città contestata e non condivisa e chi ha sostenuto tali progetti( sia da destra che "sinistra")  pagherà politicamente un prezzo non indifferente. Perchè ascensore e centrale a biomasse non sono questioni di nicchia ed il futuro della città passa soprattutto attraverso la demolizione politica di errori od orrori che sono stati compiuti nel corso del tempo in una località di confine dimenticata dall'Italia che perde letteralmente pezzi o forse cade proprio a pezzi a partire da alcuni palazzi istituzionali, come la Questura od il Tribunale senza dimenticarci dello stato non certamente meraviglioso di alcune scuole. 
Una città che soffre più di altre la crisi sociale, occupazionale ed economica e dove l'ottimismo è pari a zero. Si ha la sensazione che queste elezioni segneranno, tramite un potente schiaffo elettorale, da un lato il tramonto definitivo politico di alcuni(uomini o donne che siano) personaggi di cui non si percepirà in futuro alcuna mancanza. Così come dall'altro si dovrà comprendere se i segnali che giungeranno da Gorizia, così come anche in tutti gli altri Comuni del FVG ove si voterà, saranno in linea con quanto accade praticamente oramai ovunque o meno.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …