Passa ai contenuti principali

Se il tappeto lapideo del Sacrario di Redipuglia perde pezzi


Inaugurata nel 2015, con un messaggio di pace per il futuro, Piazza delle pietre d'Italia dell'area del Sacrario di Redipuglia che  vuole simboleggiare anche l'unità d'Italia, conquistata a durissimo prezzo, pagato da migliaia di migliaia di giovani, costretti a vivere una guerra tremenda, perde pezzi. Il deterioramento di diverse pietre venne già denunciato poche settimane dopo l'inaugurazione di quel piazzale. Oltre 8 mila pietre, una per ogni Comune d'Italia. Inaugurato per il centenario dell'entrata in guerra dell'Italia, ma decine di pietre perdono letteralmente pezzi. Come è possibile? E' possibile. I fattori possono essere di varia natura, ma quello che induce alla riflessione è che non si è più in grado di realizzare un qualcosa, a livello di monumento oggi, bello o brutto che sia,  che possa durare a lungo termine, nonostante i costi?








Un piazzale che ai più non dice nulla, isolato, anche se paradossalmente collocato in un luogo centrale e che idealmente si congiunge con quell'opera triste e monumentale realizzata dal fascismo, con la quale ha strumentalizzato la morte di migliaia di soldati,  il Sacrario, per i soliti fini, e l'ignaro passante per capire il senso ed il significato di quel tappeto di pietre, di quel puzzle che perde pezzi, dovrà soffermarsi a leggere un pannello informativo collocato in un piccolo angolo che non cattura l'attenzione facilmente e che dunque passerà inosservato, dopo aver calpestato, senza saperlo, un monumento anche per la pace. Forse ciò è in armonia con quello che accade nel nostro mondo dove la pace viene giorno dopo giorno calpestata. 
Marco Barone
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…