Passa ai contenuti principali

Quelle UTI che non vuole nessuno e la sfida, giusta, di Monfalcone. E' rottura totale con la Regione FVG

Premesso che quando ai comuni cittadini parli di UTI, ti risponderanno: UTI chi? Appunto. Solo una piccola parte di cittadini hanno capito qualcosa, e nella sostanza che i Comuni diventeranno una sorta di sportelli informativi, che chi non aderisce, in via molto democratica, rischia un taglio di risorse imponente di circa il 30% , che si verifica una vera e propria confusione di funzioni, che lo spirito della collaborazione rischia di favorire quella della coalizione politica contro il Comune che nel dato momento considerato viene individuato come il nemico da affossare, per non parlare dei consigli comunali che perderanno molte delle loro funzioni, delle opposizioni in seno ai consigli comunali che conteranno meno di un fico secco, che forse ha più dignità nella società di oggi.
Ricordo ancora quando come sinistra radicale si avanzò la proposta di realizzare un referendum contro le UTI, cosa che fece anche la destra in pompa magna, ma poi nulla accadde, soprattutto a Gorizia, mentre Monfalcone con il progresso governo, salvo qualche voce critica, sostenne le UTI pienamente. Finito carnevale, arriva un chiaro e netto atto da parte del Comune di Monfalcone,  che non è uno scherzo, ma una cosa serissima, fuori dalle UTI. E le motivazioni sono ben note. Un gesto che porta il Comune ad uno scontro totale con la Regione, non solo politico ma si rischia anche quello giudiziario su tale questione. Poteva o non poteva il Comune di Monfalcone uscire dalle UTI? Hanno risposto i fatti. Quali le conseguenze? L'atto è legittimo o meno? 
La Regione è ben consapevole che non può forzare la mano, perchè dopo la Caporetto di Monfalcone, la perdita di Trieste ed altre batoste elettorali arrivate in questo periodo, rischia di aprire una superstrada alla destra pura,  ma non può neanche rimanere a guardare, perchè l'uscita di Monfalcone, se da un lato paradossalmente potrebbe favorire il confinante comune di Ronchi, che ha detto no alla fusione con Monfalcone, ed è quello più popoloso nell'UTI Carso Isonzo Adriatico dopo Monfalcone, e dunque potrebbe divenire ad oggi Comune capofila nell'UTI, dall'altro lato si rischia effetto domino, cosa probabile. Avrebbe dovuto la sinistra opporsi al sistema delle UTI, perchè trattasi di pessima legge, avrebbero in Regione dovuto ascoltare di più piuttosto che trincerarsi. Se è  assolutamente condivisibile lo spirito di collaborazione tra Comuni, cosa auspicabile, se è condivisibile l'abrogazione dell'Istituzione della Provincia, non è per niente condivisibile il sistema macchinoso e poco democratico delle UTI, a partire dal sistema di sanzioni comminate a chi non aderisce. Sarà questa l'occasione per essere più ragionevoli, tutti, e rivedere integralmente le UTI, che tardano a partire? E che hanno frammentato il territorio in 18 piccole mini contee?  O sarà l'occasione dello scontro totale tra Comune di Monfalcone e Regione FVG?

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…