Passa ai contenuti principali

Il caso del Movimento Arturo



Un nome di etimologia incerta, un nome che ha ispirato diverse commedie, romanzi, anche una stella porta il nome di Arturo, un gigante arancione e la più luminosa della costellazione del Boote e risulterebbe essere una delle costellazioni elencate da Tolomeo. Bel nome, particolare, efficace. Talmente efficace che la provocazione nata su Gazebo, con ARTURO (che poi potrebbe essere acronimo di qualcosa, oltre che casualmente il nome di uno dei fondatori di modempro) noto programma trasmesso su Raitre, ha avuto un successo importante su Twitter. Ha già superato in pochissime ore i 19 mila follower e lo scopo iniziale era quello di superare i 7000 follower di modempro nell'arco di una settimana. Modempro sigla riuscita male del nascente Movimento democratico e progressista, cioè parte dei secessionisti del PD. Uno scherzo quello di Arturo, che in neanche 24 ore è riuscito a fare quello che la politica non riesce nella sua vita ordinaria nell'arco di mesi. Certo, dalla sua parte ha la forza della televisione, e gli oltre 200 mila follower di Gazebo su twitter, quindi la base di partenza per Arturo era sicuramente migliore rispetto a quella dell'infelice modempro. Ed esistono sezioni virtuali di Arturo in tutta Italia, da Vibo Valentia a Trieste. E molti si domandano ma se Arturo andasse oltre? Se diventasse altro? Un movimento serio? Che collegherebbe il virtuale al reale? Cioè una sorta di M5S 2.0 pro? Con una chiara e forte connotazione di sinistra anti-populista? Sarà dura fermare le contaminazioni destre ben radicate nella rete, ma un sano cordone virtuale di sicurezza di Arturo potrebbe ben risolvere all'origine questo problema. Arturo ha creato entusiasmo, Arturo potrebbe diventare l'appiglio per tutti coloro che sono oggi politicamente spaesati, individualisti per necessità e non per scelta, per tutti coloro che vorrebbero un movimento serio, fondato sui principi di libertà, eguaglianza e fratellanza, con cardine fondamentale l'articolo 3 della nostra Costituzione.  Molti sognano, altri rimangono perplessi manifestando diverse criticità sul fatto che Arturo possa rischiare di diventare un collettivo di stampo monarchico in salsa 5Stelle, altri ancora pensano che si tratti di un semplice gioco nato per uno scherzo sotto carnevale e che finirà presto, con una sorta di eutanasia politica precoce, perchè Arturo possa essere liberamente autodeterminato e libero di scegliere di che vita vivere e morte morire senza fomentare più illusioni.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Regionali FVG 2018 se a qualcuno interessano i programmi...

Si voterà in prossimità del ponte, una grande pensata che altro non farà che favorire già quello che si sa che sarà, una partecipazione al voto calante,e chiunque vincerà non vincerà tanto per il suo programma elettorale innovativo o superlativo, profondo o leggero o geniale che questo sia. I programmi oramai trovano il tempo che trovano ci puoi mettere di tutto e di più. Da chi parlerà di TAV a chi parlerà di tutela dell'identità friulana o slovena a chi di zone agevolate interesserà poco alla maggior parte dei cittadini. Perchè ragioneranno sulla base di quello che hanno vissuto, un vissuto che è fatto di esperienze, di questioni concrete. E soprattutto di un rigurgito chiaro e netto nei confronti di un certo modo di fare e concepire la politica ed il bene comune sempre più degradato e sacrificato all'altare dell'austerità e della globalizzazione selvaggia che ha favorito il ritorno di nazionalismi anacronistici e ucciso identità e specificità che meritavano tutela. Ogn…

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…