Passa ai contenuti principali

I cinque scenari del futuro possibile dell'Unione Europea fino al 2025 proposti dalla Commissione

Si avvicina il sessantesimo anniversario della firma dei Trattati di Roma e la Commissione europea ha pubblicato il 1° marzo il "Libro bianco sul futuro dell'Europa". La stessa Commissione presenta  cinque scenari che descrivono il potenziale stato dell'Unione da qui al 2025 in relazione alle scelte che saranno compiute.  Scenari fondati sul presupposto che i 27 Stati membri procedano assieme nel loro cammino di Unione, hanno un mero carattere illustrativo  non si escludono a vicenda né hanno pretesa alcuna di esaustività. Ma sono sicuramente indicativi di quale sarà l'immediato futuro con il quale tutti non ci confronteremo e quale la visione dell'UE che esiste ai vertici.

Scenario 1)  "Avanti così", caratterizzato da una sostanziale continuità con il programma attuale di riforme.
Riflessi sul modus operandi dell'UE: azione per priorità condivise sulla base di un processo decisionale la cui celerità dipende dalla capacità di superare le differenze di opinioni; la legislazione dell'Unione verrebbe sottoposta a verifiche regolari al fine di accertarne l'efficacia; eventuale legislazione superata verrebbe ritirata.
Principali conseguenze in termini di politiche perseguite: rafforzamento del mercato unico; miglioramento del funzionamento della moneta unica; graduale incremento della cooperazione nella gestione delle frontiere esterne e progressi verso un sistema comune di asilo; progressi in politica estera verso la realizzazione di una "voce unica"; bilancio in parte modernizzato. Si auspica in questo scenario la realizzazione di risultati concreti e positivi nonostante il processo decisionale complesso e la difficoltà di soddisfare le aspettative.

Scenario 2)  "Nulla tranne il mercato unico": concentrazione dell'integrazione europea sul mercato interno.
Riflessi sul modus operandi dell'UE: approfondimento di alcuni elementi chiave del mercato unico, senza decisioni condivise su aspetti quali le migrazioni, la sicurezza e la difesa; gestione su base bilaterale della cooperazione su nuovi aspetti di interesse comune; riduzione del carico normativo.
Principali conseguenze in termini di politiche perseguite: significativo rafforzamento del mercato unico nel settore della libera circolazione dei capitali e delle merci mentre la libera circolazione dei capitali non verrebbe completamente garantita. L'euro continuerebbe a facilitare gli scambi commerciali ma con vulnerabilità derivanti da crescenti divergenze. Aumenterebbero i controlli ai confini nazionali in assenza di una politica unica su migrazioni e asilo; maggiore ricorso al metodo bilaterale in politica estera; bilancio calibrato sulle funzioni essenziali per il mercato unico; processo decisionale più semplice ma con capacità di agire più limitata.

Scenario 3)  "Chi vuole di più fa di più": Unione a più velocità, in cui gli Stati membri che lo desiderano possono convenire di "fare di più" in specifici settori quali la difesa, la sicurezza interna, la fiscalità o le questioni sociali.
Riflessi sul modus operandi dell'UE: nuovi gruppi di Stati membri approfondiscono la propria cooperazione in ambiti specifici sulla base di appositi accordi. Lo status degli altri Stati membri sarebbe tutelato non essendo esclusa la loro adesione in un secondo momento, come già avvenuto in passato per gli accordi sull'area Schengen.
Principali conseguenze in termini di politiche perseguite: le conseguenze in termini di policy sarebbero analoghe a quelle descritte nello scenario 1 ("Avanti così), eccezion fatta per gli Stati che scelgono di perseguire un'ulteriore cooperazione.

Scenario 4)  "Fare meno, in modo più efficace": Concentrazione degli sforzi - e di risorse limitate - in un numero ridotto di ambiti, circoscrivendo il campo d'azione dell'Europa a 27.
Riflessi sul modus operandi dell'UE: l'Unione sarebbe in grado di reagire in maniera molto più veloce e decisiva nelle aree prescelte di priorità, per le quali disporrebbe di strumenti più forti per attuare direttamente le decisioni collettive. Negli altri settori di intervento l'UE a 27 smetterebbe di agire o farebbe molto meno.
Principali conseguenze in termini di politiche perseguite: standard comuni ridotti al minimo nel mercato unico, eccezion fatta per i settori in cui la cooperazione è rafforzata; consolidamento dell'area euro ma minore impatto su alcune parti della politica di occupazione e sociale; cooperazione sistematica nella gestione delle frontiere, l'asilo e l'anti-terrorismo; voce unica nelle questioni di politica estera; creazione di un'Unione europea di difesa; bilancio ridisegnato per rispondere alle nuove priorità; dopo una prima fase di ripensamento, il processo decisionale potrebbe essere più semplice e l'azione UE più veloce e decisiva nei settori in cui riveste un ruolo maggiore. 

Scenario 5)  "Fare molto di più insieme": il quinto scenario ipotizza che i 27 Stati membri decidano di condividere più potere, risorse e potere decisionale.
Riflessi sul modus operandi dell'UE: la cooperazione tra gli Stati membri va oltre quanto finora accaduto in tutti i campi; l'area euro è rafforzata nella convinzione che ciò che va a beneficio dei paesi che condividono la moneta unica va a beneficio di tutti. Le decisioni sono assunte più velocemente e attuate rapidamente.
Principali conseguenze in termini di politiche perseguite: rafforzamento del mercato unico attraverso l'armonizzazione e una più decisa attuazione degli standard comuni, con il commercio gestito unicamente a livello UE; realizzazione dell'Unione economica, finanziaria e fiscale; cooperazione sistematica sulla gestione delle frontiere, l'asilo e l'anti-terrorismo; voce unica nelle questioni di politica estera; creazione di un'Unione europea di difesa; bilancio modernizzato ed ampliato; processo decisionale più veloce e attuazione più decisa.
________________________

E' interessante notare come la preoccupazione principale è quella relativa al mercato e mercato unico, d'altronde è inutile negarlo, è l'economia che determina tutto, e l'ordine economico che decide di che vita si deve vivere o morte perire.  Tutto il resto è correlato, quello di cui necessitiamo è certamente una riduzione drastica della sovranità nazionale dei vari Stati, l'abbattimento di ogni barriera in materia di libertà di circolazione delle persone, regole uniche per la cittadinanza europea, più diritti sociali, diversa  ed equa ridistribuzione delle ricchezze, e maggior potere decisionale a livello europeo, purchè a questo maggiore potere decisionale corrisponda una pari autonomia e democrazia interna e partecipata nei vari Stati membri. Più Europa, più unità, più democrazia, più diritti e diversità e condivisione, e zero nazionalismi. Il concetto di unione Europea va difeso, tutelato e rivendicato, lo scontro epocale si giocherà su questo terreno, Europa o nazioni. 

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…