Passa ai contenuti principali

Caso Moro: vengono a galla diverse "zone grigie" con il lavoro della Commissione

Cosa risponderanno, oggi, le nuove generazioni, se provi a chiedere di Moro, delle BR, od in via generale della strategia della tensione? Facile immaginare il responso, sarebbe drammatico. Eppure, su quella che è certamente la pagina più nera della storia della Repubblica italiana, continua, nonostante il lavoro meticoloso della Commissione parlamentare d'inchiesta sul caso Moro, che ha approvato, ad oggi, due le relazioni , un silenzio mediatico impressionate. Certo, qualche articolo isolato vi è stato, ma un nulla rispetto a quanto si può leggere negli atti pubblici dell'inchiesta.  Capire cosa è accaduto nel caso Moro, la regia, capire chi sono stati i mandanti, gli esecutori, chi ha favorito il tutto, chi ha coperto, chi ne è stato complice è determinante per avere un quadro chiaro anche sulla strategia della tensione e non solo. Quello che ben si può dire è che sono diverse le soggettività sia interne che estere coinvolte sia nel rapimento che nella morte di Aldo Moro, tra apparati, traffico d'armi, coperture e complicità di varia natura. Diverse le reticenze, enormi le contraddizioni. E diverse sono le "zone grigie" emerse nel lavoro della Commissione. Frutto anche del lavoro svolto da attenti osservatori, autori di diversi libri, magistrati e politici ed investigatori che non si sono piegati alla verità del sistema. Si continua ad indagare sulla pista palestinese, sui rapporti tra BR e 'ndrangheta, su quello che è stato definito da alcuni come un piccolo parlamento dei servizi, Hyperion di Parigi, sulle modalità operative del rapimento, sul caso del bar Olivetti, sulle modalità di arresto di Morucci e Faranda, sulla trattativa, durante il rapimento, che per diverse analogie fattuali ha ricordato anche il pregresso sequestro Schleyer per non parlare della casualità di quella che io ho chiamato la firma francese ecc. Tanti i misteri,tanti gli interrogativi anche sulle BR, e ti continui a domandare chi fossero realmente, e tante le cose fatte con metodo sparire nel corso degli anni, tante le superficialità, tante le omissioni, tante le stranezze. Forse perchè le realtà coinvolte sono plurime ed anche estere, forse perchè quello del caso Moro è semplicemente un drammatico affare di Stato che non può conoscere verità, perchè verità significherebbe un colpo atroce all'intero sistema democratico della Repubblica italiana. Eppure il miglior modo per tutelare la democrazia è arrivare alla verità e soprattutto bisogna chiedersi perchè non si accende il faro della luce sul lavoro della Commissione Parlamentare d'inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro? 
Per chi se lo fosse dimenticato, il 16 marzo, giorno in cui scrivo questo post, è l'anniversario del rapimento di Aldo Moro e dell'uccisione delle sue cinque guardie del corpo.
 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Regionali FVG 2018 se a qualcuno interessano i programmi...

Si voterà in prossimità del ponte, una grande pensata che altro non farà che favorire già quello che si sa che sarà, una partecipazione al voto calante,e chiunque vincerà non vincerà tanto per il suo programma elettorale innovativo o superlativo, profondo o leggero o geniale che questo sia. I programmi oramai trovano il tempo che trovano ci puoi mettere di tutto e di più. Da chi parlerà di TAV a chi parlerà di tutela dell'identità friulana o slovena a chi di zone agevolate interesserà poco alla maggior parte dei cittadini. Perchè ragioneranno sulla base di quello che hanno vissuto, un vissuto che è fatto di esperienze, di questioni concrete. E soprattutto di un rigurgito chiaro e netto nei confronti di un certo modo di fare e concepire la politica ed il bene comune sempre più degradato e sacrificato all'altare dell'austerità e della globalizzazione selvaggia che ha favorito il ritorno di nazionalismi anacronistici e ucciso identità e specificità che meritavano tutela. Ogn…

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…