Passa ai contenuti principali

Caso Moro: vengono a galla diverse "zone grigie" con il lavoro della Commissione

Cosa risponderanno, oggi, le nuove generazioni, se provi a chiedere di Moro, delle BR, od in via generale della strategia della tensione? Facile immaginare il responso, sarebbe drammatico. Eppure, su quella che è certamente la pagina più nera della storia della Repubblica italiana, continua, nonostante il lavoro meticoloso della Commissione parlamentare d'inchiesta sul caso Moro, che ha approvato, ad oggi, due le relazioni , un silenzio mediatico impressionate. Certo, qualche articolo isolato vi è stato, ma un nulla rispetto a quanto si può leggere negli atti pubblici dell'inchiesta.  Capire cosa è accaduto nel caso Moro, la regia, capire chi sono stati i mandanti, gli esecutori, chi ha favorito il tutto, chi ha coperto, chi ne è stato complice è determinante per avere un quadro chiaro anche sulla strategia della tensione e non solo. Quello che ben si può dire è che sono diverse le soggettività sia interne che estere coinvolte sia nel rapimento che nella morte di Aldo Moro, tra apparati, traffico d'armi, coperture e complicità di varia natura. Diverse le reticenze, enormi le contraddizioni. E diverse sono le "zone grigie" emerse nel lavoro della Commissione. Frutto anche del lavoro svolto da attenti osservatori, autori di diversi libri, magistrati e politici ed investigatori che non si sono piegati alla verità del sistema. Si continua ad indagare sulla pista palestinese, sui rapporti tra BR e 'ndrangheta, su quello che è stato definito da alcuni come un piccolo parlamento dei servizi, Hyperion di Parigi, sulle modalità operative del rapimento, sul caso del bar Olivetti, sulle modalità di arresto di Morucci e Faranda, sulla trattativa, durante il rapimento, che per diverse analogie fattuali ha ricordato anche il pregresso sequestro Schleyer per non parlare della casualità di quella che io ho chiamato la firma francese ecc. Tanti i misteri,tanti gli interrogativi anche sulle BR, e ti continui a domandare chi fossero realmente, e tante le cose fatte con metodo sparire nel corso degli anni, tante le superficialità, tante le omissioni, tante le stranezze. Forse perchè le realtà coinvolte sono plurime ed anche estere, forse perchè quello del caso Moro è semplicemente un drammatico affare di Stato che non può conoscere verità, perchè verità significherebbe un colpo atroce all'intero sistema democratico della Repubblica italiana. Eppure il miglior modo per tutelare la democrazia è arrivare alla verità e soprattutto bisogna chiedersi perchè non si accende il faro della luce sul lavoro della Commissione Parlamentare d'inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro? 
Per chi se lo fosse dimenticato, il 16 marzo, giorno in cui scrivo questo post, è l'anniversario del rapimento di Aldo Moro e dell'uccisione delle sue cinque guardie del corpo.
 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…