Passa ai contenuti principali

Breve nota su questione UTI e caso scuola UTI alto e basso Isontino ex provincia di Gorizia



La scuola è una cosa seria, delicata, merita rispetto e merita di essere gestita con tutta la massima diligenza possibile. A partire dallo stato di sicurezza. Quello dell'alto e basso Isontino è un territorio che contempla Comuni a sismicità medio/alta come ad esempio Capriva del Friuli, Gorizia, Cormons, Farra d'Isonzo, San Lorenzo Isontino ed altri a bassa. Dunque il rischio sismico sussiste e dai dati disponibili si può ben dire che la quasi totalità degli edifici presenti nell'Isontino non risulterebbero essere stati progettati o successivamente adeguati con la normativa tecnica antisismica. Per non parlare poi dei problemi ordinari di manutenzione. Sussiste una responsabilità certamente condivisa in materia di sicurezza ma come ha evidenziato la Cassazione Penale Sez. V, (ud. 3 febbraio 2015), n. 12228 “ciò tuttavia non comporta che la scuola resti esente da responsabilità anche nel caso in cui abbia richiesto all’Ente locale idonei interventi strutturali e di manutenzione poi non attuati, incombendo comunque al datore di lavoro l’adozione di tutte le misure rientranti nelle proprie possibilità, quali in primis la previa individuazione dei rischi esistenti e ove non sia possibile garantire un adeguato livello di sicurezza, con l’interruzione dell’attività.”
Tanto detto, pare evidente che cambiare in pieno corso d’anno scolastico l’interlocutore ed il proprietario di buona parte delle scuole è da irresponsabili. La complicata legge Regionale sulle UTI cosa afferma in materia? Che a partire dal 1 gennaio 2018 i Comuni, salvo anticipo per diversa ed autonoma decisione, aderenti alle varie UTI eserciteranno in forma associata le funzioni comunali anche in materia di edilizia scolastica e servizi scolastici. Ma dal 1 aprile 2017, come già denunciato dal Piccolo, verranno trasferite ai Comuni le funzioni già di competenza provinciale indicate in dettaglio nell'allegato C della Legge, cioè quella che possiamo chiamare la “questione scuola” e nelle more della definizione degli accordi che possono intervenire, l'esercizio delle funzioni in materia scolastica sono garantite su tutti i territori degli enti subentranti, dall'Unione in cui ha sede il Comune più popoloso; a essa sono provvisoriamente attribuiti le risorse e i rapporti giuridici connessi alle funzioni esercitate. Dunque, in mancanza di accordo preventivo e specifico, e fino all’utilizzo condiviso delle funzioni nelle UTI di appartenenza, pare di capire che l'Unione  a cui appartiene Gorizia,  a prescindere dall'uscita di Monfalcone, salvo diversi accordi, avrebbe avuto in gestione la patata bollente di tutte le scuole secondarie del territorio dell’ex provincia.
Ma è altrettanto vero, come contemplato dalla stessa Legge che le Unioni possono convenzionarsi, tra loro e con singoli Comuni che non aderiscono all'Unione, per disciplinare la gestione coordinata di determinate funzioni e servizi di area vasta, anche di carattere programmatorio, mediante la costituzione di uffici comuni. Dunque, cosa fare nell’attesa che si decida del destino globale delle UTI? La soluzione ottimale, vista la criticità in essere, ed eventuali commissariamenti nelle UTI, sarebbe quella di prorogare almeno fino alla fine dell’anno scolastico in essere la gestione delle scuole secondarie in capo alla Provincia tramite la gestione del Commissario, fare monitoraggi di tutte le scuole in materia di sicurezza e traghettare il tutto fino ad una data certa, purché non cada con l’anno scolastico in corso, la data del 1 gennaio 2018 è tardiva perchè cade ad anno scolastico iniziato,anche se l’ideale, vista l’abrogazione, giusta, della Provincia, sarebbe quello di prevedere la possibilità di lasciare la gestione delle scuole secondarie direttamente alla Regione.

Marco Barone


Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…