Passa ai contenuti principali

Ad inizio 2017 in Italia raddoppiati gli infortuni mortali,operaio morto nei cantieri navali di Monfalcone



Si continua a morire sul lavoro a Monfalcone. In tutto il 2016 in Italia si son registrati 1018 casi di morte sul lavoro ufficiali e nel solo, ad inizio del 2017 l'INAIL ha reso noto che le denunce di infortunio mortale sono aumentate di 32 unità ( 69 contro le 37 di gennaio 2016). Una strage che continua e colpisce indistintamente tutto il territorio italiano. L'ultima drammatica notizia, come ha riportato sin dalle prime ore della giornata del 2 marzo il Piccolo ed anche l'ANSA ha riguardato Monfalcone. Così l'ANSA: " Un operaio bosniaco di 41 anni è morto in un incidente sul lavoro avvenuto stamani in un cantiere edile per la costruzione di un capannone all'interno dell'area dei cantieri navali di Monfalcone (Gorizia) della Fincantieri. L'uomo era dipendente di una ditta esterna ai cantieri navali ed era il capo del cantiere allestito da questa ditta per la costruzione di un capannone destinato ad attività di verniciatura. Secondo le prime informazioni, è caduto da un'impalcatura". Momenti di rabbia ed incazzatura. Purtroppo con la crisi economica e le non regole all'interno della globalizzazione selvaggia hanno determinato  in via complessiva ed in Italia un mero incremento di malattie professionali e di infortuni sul lavoro anche mortali. E' inaccettabile che si possa morire ancora sul lavoro. Appalti, sub-appalti, siano essi esterni cioè esteri che interni, cioè italiani, o per non parlare della questione del distacco, vergogna assoluta europea e non solo in materia di (non) diritto del lavoro,  rimangono e continueranno a rimanere il problema in Italia. Internalizzare, formare, prevenire ed investire nella sicurezza deve essere la priorità da perseguire.  Quello della cantieristica è un lavoro faticoso, difficile, rischioso. Ma ancora una volta si deve assistere ad una morte sul lavoro, e sarà la magistratura a dirci se questa poteva essere evitata, quali le responsabilità, di chi le colpe, quali inadempimenti, se vi sono stati inadempimenti, se si tratta di tragica fatalità,  verificare il nesso di causalità, ben tenendo conto che principi consolidati di diritto vogliono che  il difetto di prova del nesso eziologico sfociato nella morte del lavoratore non esclude la responsabilità datoriale, laddove ogni possibile alternativa risulti causalmente connessa alla violazione di norme antinfortunistiche, costituendo la concretizzazione del rischio che esse sono preordinate a scongiurare. Nell'attesa che la giustizia intraprenda il suo lungo percorso e che si arrivi a comprendere quali responsabilità e quali colpe, rimane il dolore ed il lutto per questo fatto tremendo. Vedremo quale sarà la reazione del mandamento monfalconese e non solo degli operai dei cantieri navali, perchè questa morte colpisce tutti.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …