Passa ai contenuti principali

#WM1ViaggioNoTav è il libro che racconta la più grande forma di resistenza in Italia dopo il '45

Un viaggio che non promettiamo breve è probabilmente il libro più difficile che ha scritto Wu Ming 1. Senza togliere nulla al passato, questo libro è diverso dalla sua importante produzione letteraria. Perché non è un semplice libro, un semplice racconto, o saggio, o romanzo, ma è il libro, il primo in assoluto, che racconta e spiega come è nata, come si è formata, come continua, la più importante forma di resistenza in Italia dopo la fine della guerra di liberazione. 
Non è un caso che sarà proprio in un luogo sacro per i Wu Ming, sconosciuto ai più, dove si riuscirà a trovare la giusta via per scrivere e comporre l'enorme articolato e complesso organico puzzle di quello che su Twitter è diventato uno degli  hashtag più diffusi, #WM1ViaggioNoTav, di quello che ha attirato subito l'ira dei soliti poteri forti e di quello Stato che tramite le sue articolazioni ha manifestato la nudità dell'essenzialità della morte dello Stato di Diritto. Realizzare, giusta o non giusta che sia, il TAV è prima di tutto una questione di principio. Non si può cedere, non si deve cedere a chi dice no, a chi lotta per il no, a chi si oppone allo Stato. Ragionamenti tipici e propri del ventennio fascista. Metodi proprio del ventennio fascista. Ma che per semplicità ed opportunità vengono ricondotti a quella unità nazionale, nel nome del compromesso, che si affermò per combattere lo stragismo e terrorismo rosso in Italia, non quello nero, quello non deve mai essere citato, anche se è quello che ha procurato più vittime, più danni, più tutto in assoluto dopo la caduta del fascismo.
Reprimere l'idea, l'opinione, la partecipazione, la condivisione, colpire in via indiscriminata non uno per punirne cento, ma cento per punirne mille, senza limiti di età, in ogni luogo, in ogni circostanza. Assedio. Assedio che dura da oltre vent'anni. Che ha perso, che è stato sconfitto, perchè il Tav non si farà mai in quella già violentata zona d'Italia, ma lo Stato non si arrenderà. 
 
Il libro su questa forma continua di resistenza, attraversa varie zone d'Italia, mostra la brutalità della cementificazione selvaggia, del culto della grandezza, delle star del cemento, delle "calatravate", delle speculazioni che hanno unito mafie di diverso colore sotto il nome del loro dio il Tav. E' un libro politico, che ha una enorme responsabilità politica, che Einaudi ha voluto, difeso, e sostenuto. Un libro che è il libro sulla nuova resistenza che in Italia entrerà a far parte un giorno nei libri di storia, e che oggi è parte integrante della nostra vita quotidiana. E' libro che ha posto le basi per contrastare il revisionismo storico che si abbatterà un giorno contro il movimento No Tav. Un libro che ha trovato, come già succintamente ricordato, la sua illuminazione, nel luogo dove si è consumata una delle stragi naziste più infami e nascoste, al dirupo di Sabbiuno, dove si è scelto simbolicamente in cento il numero delle vittime, ma furono molte di più, ignoti, irriconoscibili, spariti e dispersi. Un libro per conoscere, capire, ed agire.
 
Marco Barone 


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…