Passa ai contenuti principali

Il 2016 è stato l’anno della decadenza per Gorizia. Ora si svolta o si muore di solitudine

Era la fine del 2015 e scrivevo:”E cammini per le strade di Gorizia. Attraversi il triangolo visionario, immaginario smarrendoti nel tempo che più non esiste, tra l'austriacante via del Rastello, nel vuoto di Corso Italia, e lì ove un vaso di fiori dormienti unisce ciò che per anni ha diviso Oriente ed Occidente con il muro di Gorizia, la meravigliosa e decadente piazza della Transalpina.” Ma anche che dio è morto per le strade di Gorizia. Un filone continuo, quale quello del vuoto, della decadenza, umana, storica, politica, sociale, che ha colpito violentemente questa piccola ma simbolicamente importante città di confine. Dalla questione del Tribunale, dove si ragiona con la logica della toppa, senza aver alcuna reale prospettiva futura, alla questione dei migranti. Divenuta spesso l’alibi del non fare, o del proprio fallimento politico, si parlava di un problema minimo, quasi invisibile, anche se socialmente importante, per non affrontare lo specchio della coscienza civica con il quale si dovranno prima o poi fare i conti. A Gorizia non vi è stata una sola questione, ma tante questioni. Per non parlare delle baggianate storiche, da tentativi tanto ridicoli quanto ufologici di voler fare la storia in un certo modo, alle immancabili cerimonie post natalizie, da post panettone goriziano. Il ricevere con ufficialità una delegazione dell'associazione Decima Flottiglia Mas. Nota come XaMas. Che alcuni potrebbero scambiare per la sigla natalizia Xmas, ma sono due cose diverse. Non è una semplificazione natalizia. E neanche i saluti romani fascisti lo sono.  La storia è una cosa seria, Gorizia da molti è stata identificata come la città della storia, e l'irresponsabilità e l’arroganza di alcuni hanno minato in modo grave questo “titolo” che Gorizia è riuscita a conquistarsi con estrema fatica, perché la via della storia non è quella ridicola del revisionismo storico, ma della conoscenza, della critica, dello studio, dell’amore per la verità, non per la propria gloria divina et umana ma per la società. Ecco, pensandoci bene è mancato un progetto d’amore per Gorizia. Città che è più facile odiare che amare, ognuno ha i suoi motivi, i suoi perché. Città che è spesso schiaffeggiata dal vento della depressione, dall’estremo provincialismo, dal guardare gli altri come se si fosse i migliori, per poi rimanere soli. La solitudine del sistema Gorizia. Per non parlare delle occasioni perse, una infinità. Nel 2017 a Gorizia si vota, la campagna elettorale, morbida, è iniziata da un pezzo, e si andrà al voto, coincidenza beffarda o forse no, del destino, nell’anno del centenario della disfatta di Caporetto, della perdita di Gorizia, ecco, o si svolta o si muore di solitudine. In via generale vien da pensare che arrivare secondi e terzi, nella società di oggi è da sconfitti, fuori podio da perdenti, partecipare non conta più nulla, quello che conta è vincere. Non è più tempo per le favole. E serve un progetto serio, partecipato e condiviso, perché Gorizia, ex capoluogo di provincia, pur nella condivisione dell’eliminazione della Istituzione Provincia, è solo padrona di una piccola UTI che ha ulteriormente frammentato il territorio, in tante piccole contee. Il massimo della sua ricchezza Gorizia lo raggiunse sotto il controverso e secolare Impero Austro Ungarico, ha vissuto un travaglio immenso, ma il punto è che ancora non si è capito cosa ha partorito. Un qualcosa di amorfo, da plasmare, ancora senza identità, con tanta incertezza e confusione. Non ci sarà nessuno choc culturale a Gorizia e neanche politico, però vi sono delle sensazioni, sensazioni che lasciano intendere che questo luogo potrebbe andare controtendenza rispetto al resto dell’Occidente, dove ritornano destre estreme, muri, reticolati, nazionalismi ottocenteschi superati dalla realtà delle cose. Se queste sensazioni imboccheranno la strada giusta è tutto da vedere, però la voglia di chiudere un ciclo divenuto oramai obsoleto vi è, vi è la voglia di rompere delle catene arrugginite, lo si respira nell'aria, nei bar, per le strade, per Gorizia.

Marco Barone


Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …