Passa ai contenuti principali

Il 2016 è stato l’anno della decadenza per Gorizia. Ora si svolta o si muore di solitudine

Era la fine del 2015 e scrivevo:”E cammini per le strade di Gorizia. Attraversi il triangolo visionario, immaginario smarrendoti nel tempo che più non esiste, tra l'austriacante via del Rastello, nel vuoto di Corso Italia, e lì ove un vaso di fiori dormienti unisce ciò che per anni ha diviso Oriente ed Occidente con il muro di Gorizia, la meravigliosa e decadente piazza della Transalpina.” Ma anche che dio è morto per le strade di Gorizia. Un filone continuo, quale quello del vuoto, della decadenza, umana, storica, politica, sociale, che ha colpito violentemente questa piccola ma simbolicamente importante città di confine. Dalla questione del Tribunale, dove si ragiona con la logica della toppa, senza aver alcuna reale prospettiva futura, alla questione dei migranti. Divenuta spesso l’alibi del non fare, o del proprio fallimento politico, si parlava di un problema minimo, quasi invisibile, anche se socialmente importante, per non affrontare lo specchio della coscienza civica con il quale si dovranno prima o poi fare i conti. A Gorizia non vi è stata una sola questione, ma tante questioni. Per non parlare delle baggianate storiche, da tentativi tanto ridicoli quanto ufologici di voler fare la storia in un certo modo, alle immancabili cerimonie post natalizie, da post panettone goriziano. Il ricevere con ufficialità una delegazione dell'associazione Decima Flottiglia Mas. Nota come XaMas. Che alcuni potrebbero scambiare per la sigla natalizia Xmas, ma sono due cose diverse. Non è una semplificazione natalizia. E neanche i saluti romani fascisti lo sono.  La storia è una cosa seria, Gorizia da molti è stata identificata come la città della storia, e l'irresponsabilità e l’arroganza di alcuni hanno minato in modo grave questo “titolo” che Gorizia è riuscita a conquistarsi con estrema fatica, perché la via della storia non è quella ridicola del revisionismo storico, ma della conoscenza, della critica, dello studio, dell’amore per la verità, non per la propria gloria divina et umana ma per la società. Ecco, pensandoci bene è mancato un progetto d’amore per Gorizia. Città che è più facile odiare che amare, ognuno ha i suoi motivi, i suoi perché. Città che è spesso schiaffeggiata dal vento della depressione, dall’estremo provincialismo, dal guardare gli altri come se si fosse i migliori, per poi rimanere soli. La solitudine del sistema Gorizia. Per non parlare delle occasioni perse, una infinità. Nel 2017 a Gorizia si vota, la campagna elettorale, morbida, è iniziata da un pezzo, e si andrà al voto, coincidenza beffarda o forse no, del destino, nell’anno del centenario della disfatta di Caporetto, della perdita di Gorizia, ecco, o si svolta o si muore di solitudine. In via generale vien da pensare che arrivare secondi e terzi, nella società di oggi è da sconfitti, fuori podio da perdenti, partecipare non conta più nulla, quello che conta è vincere. Non è più tempo per le favole. E serve un progetto serio, partecipato e condiviso, perché Gorizia, ex capoluogo di provincia, pur nella condivisione dell’eliminazione della Istituzione Provincia, è solo padrona di una piccola UTI che ha ulteriormente frammentato il territorio, in tante piccole contee. Il massimo della sua ricchezza Gorizia lo raggiunse sotto il controverso e secolare Impero Austro Ungarico, ha vissuto un travaglio immenso, ma il punto è che ancora non si è capito cosa ha partorito. Un qualcosa di amorfo, da plasmare, ancora senza identità, con tanta incertezza e confusione. Non ci sarà nessuno choc culturale a Gorizia e neanche politico, però vi sono delle sensazioni, sensazioni che lasciano intendere che questo luogo potrebbe andare controtendenza rispetto al resto dell’Occidente, dove ritornano destre estreme, muri, reticolati, nazionalismi ottocenteschi superati dalla realtà delle cose. Se queste sensazioni imboccheranno la strada giusta è tutto da vedere, però la voglia di chiudere un ciclo divenuto oramai obsoleto vi è, vi è la voglia di rompere delle catene arrugginite, lo si respira nell'aria, nei bar, per le strade, per Gorizia.

Marco Barone


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…