Passa ai contenuti principali

Quel magnifico splendore di colore per le strade di Monfalcone con i vestiti delle donne bengalesi

In questa estate afosa e grigia, per le strade di Monfalcone regna un sano colore. Ed è quello dei meravigliosi vestiti delle donne bengalesi. Con quel vestito tradizionale, chiamato Sari, leggero, lungo, che copre con eleganza il corpo della donna. Colori variegati, chi con una sola tinta, chi con più tinte. Qualcuna è anche integralmente coperta in volto, portando il velo, anche questo colorato. Ed ovviamente le solite ed immancabili malelingue passano il loto tempo sul web, tra fasciofancazzisti da tastiera, e perbenisti, a pronunciare sempre le solite noiosissime litanie.
Noi siamo cresciuti in Occidente, con la cultura occidentale. Non abbiamo gli strumenti per capire, anche perché l'ignoranza è sovrana. Comunque non abbiamo il diritto di giudicare. Il velo è giusto o non è giusto? Lo stesso potrebbe dirsi se è giusto andare in giro per le strade delle nostre città mezze svestite o mezzi svestiti, per non dire alto e non essere volgari.
Poi, ovviamente, si tira in ballo, in una danza che non vuol proprio danzare, la questione della sicurezza, del terrorismo. Chi si celerà mai dietro quel velo? E se ci fosse qualche uomo travestito da donna? Magari con intenti cattivi? Diabolici?
Accidenti! Verrebbe da esclamare, e chi mai potrà celarsi dietro un casco alla guida di una motocicletta? O dietro i vetri oscurati di qualche automobile e sempre più diffusi anche nelle nostre località?
Questi interrogativi sorgono in una Monfalcone dove la criminalità organizzata è radicata, dove la disoccupazione è un problema reale, dove l'amianto è il dramma dei drammi, dove i diritti dei lavoratori sono sempre di più al ribasso come nel resto del nostro disastrato Paese, dove le lotte operaie sono solo un ricordo da cartolina, dove a furia di ripetere che Monfalcone non è più quella di una volta, questa città ha smarrito la propria identità in una memoria sempre più sbiadita.
Ma criminalità organizzata, camorra, 'ndrangheta, mafia, amianto, conflitto sociale, sono cose troppo serie da affrontare, capire, conoscere e contrastare.
Meglio perdersi nella banalità del male quotidiano, in quella intolleranza da quattro soldi, che produce solo un gran fetore che fa letteralmente concorrenza a quello della centrale a carbone.
Forse qualcuno vorrebbe ronde quotidiane, nudità totale, telecamere ogni due centimetri, ma questo discorso può valere nei confronti degli altri, mica della propria persona. Non sia mai. Guai chi ficca il naso a casa mia, ma a casa tua, per la sicurezza, se pol... Insomma,velo o non velo? Imposizione o scelta? L'unica cosa certa è che sano e vitale colore per le strade di Monfalcone, in questa estate, lo stanno portando le donne bengalesi.

Marco Barone 


Commenti

Post popolari in questo blog

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…

Il duello Piazza Duomo e Tito a Capodistria tanto tuonò che alla fine...

Forse si è trattato di un caso record. 48 ore, ora più ora in meno, è la vita che ha avuto la targa,  delle stesse dimensioni di quella Titov Trg, Piazza Tito, di Capodistria. Se ne è discusso molto nella cittadina slovena, non è stata digerita la provocazione o non provocazione del giorno, in cui è stata affissa, un giorno caro per la Jugoslavia,  il fatto che probabilmente non era neanche in bilingue, come Piazza Tito, e che è il primo passo, non ammesso e non affermabile, che porterà alla rimozione di Piazza Tito e delle altre intitolazioni politiche che ricordano la vecchia Jugoslavia comunista. Tanto tuonò che è stata rimossa e verrà ricollocata a breve, a quanto pare.  Una tempesta fugace che ha lasciato comunque un segno, quello di quel vuoto sotto Piazza Tito. Come è emerso su Radiocapodistria ,dove si è discusso in modo approfondito di questa vicenda,  nel seguito ed importante programma condotto da Stefano Lusa, alla fine pare che il tutto fosse solo un banale e semplice p…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …