Passa ai contenuti principali

Lui è tornato. Ci sono oggi le condizioni per il ritorno del nazismo? Sì



Lui è tornato è un film documentario geniale. Geniale la regia, geniale l'idea che trae spunto dal libro omonimo, ma rispetto al libro che è fantasia dell'autore, il "falso" Hitler ha realmente girovagato per le strade della Germania e la reazione dei comuni cittadini, che non erano attori, ma persone reali, è stata allucinante.E' emersa una Germania che rimpiange il nazismo, una Germania che vuole l'uomo forte solo al comando, una Germania che si indigna più per l'uccisione di un cagnolino che del ritorno di Hitler. Chiaramente non si deve generalizzare, qualche reazione contraria vi è stata, così come è stato letteralmente ridicolizzato il principale partito neonazista tedesco. Ma quello che ha colpito è che se Hitler adattasse oggi i suoi pensieri alla società del terzo millennio, senza sfiorare l'unico elemento reputato come caldo, la questione degli ebrei e l'Olocausto, molti sarebbero favorevoli al ritorno del nazismo. Non è un caso che l'unica voce forte di contrasto è venuta da una signora anziana, che ha conosciuto le persecuzioni ebraiche subite dal nazismo. Così come impressiona il fatto che i giovani ebrei, di quella famiglia, abbiano letteralmente rimosso Hitler, e nello stesso tempo accettato la sua figura nel terzo millennio. Contro i migranti, disoccupazione, anziani e natalità, e tutela della "razza" tedesca e del proprio popolo, sono stati i temi principali del nuovo Hitler. Così come agghiacciante è la conclusione, oggi ci sono le condizioni favorevoli per il nazismo. Ed è vero, e lo stiamo vedendo e constatando quotidianamente. 
E' quella la direzione nella quale stiamo finendo. Con una "sinistra" che ha perso di vista il suo essere sinistra e pur di rimanere al Governo attuando politiche tipiche della destra, securitarie, guerrafondaie, di tutela del proprio ordine sociale. Siamo in una situazione letteralmente di meschinità sociale assoluta, questo è evidente, ed il fatto che il nazismo di oggi si presenti con giacca e cravatta e volto sorridente nelle sale del potere, e con i suoi tipici ed ordinari canoni squadristi per le strade, è un qualcosa che dovrebbe fare sollevare le masse. Senza dimenticare che anche a livello istituzionale pare esservi una forma di "tolleranza" verso il più grande escremento mai prodotto dall'essere umano.
Ma le masse sono sempre state attratte dall'uomo forte al comando, se il nazismo ed il fascismo si sono affermati è perché gran parte della popolazione era fascista e nazista, salvo poi, per ragioni di opportunismo, per salvarsi la pelle, diventare antifascisti, od antinazisti. 
D'altronde nel nome dell'anticomunismo il sistema democratico si è alleato con neofascisti e neonazisti, operando dietro le quinte anche nel momento in cui operativamente si stava combattendo la Germania nazista. 
Si sono affermati in via legale una legalità che ha prodotto mostruosità. E se ciò accade nella Germania che ha, rispetto all'Italia, subito Norimberga, che nelle scuole studia tutto sul nazismo, cosa che non avviene in Italia sul fascismo, soprattutto su quello primordiale del Confine Orientale, dovrebbe allarmare ancor di più.  Il regista di quel film ha dichiarato che "la cosa stupefacente è che la gente lo accoglieva con entusiasmo, si faceva dei selfie, si confidava con il finto Hitler. In molti si sono dichiarati di destra, contro gli stranieri e la democrazia. Magari sono persone che non parlano ai media, ma davanti a Hitler si lasciavano andare senza remore". Ecco, questo è il punto della situazione. 
Il nazismo del terzo millennio sta arrivando, è pronto, e le condizioni sono drammaticamente favorevoli in un contesto in cui la sinistra, a causa dei suoi voluti o non voluti errori, pare essere destinata al tracollo totale.  Siamo noi gli artefici del nostro destino, ed a quanto pare questa società ha voglia di un nazismo 2.0. 
Ma questo non significa che ciò debba essere accettato, come un fatto inevitabile, ancora si è in tempo per fermarlo, semplicemente attuando i principi umanitari delle nostre Costituzioni, ma il tempo a disposizione è realmente poco.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …