Passa ai contenuti principali

Lui è tornato. Ci sono oggi le condizioni per il ritorno del nazismo? Sì



Lui è tornato è un film documentario geniale. Geniale la regia, geniale l'idea che trae spunto dal libro omonimo, ma rispetto al libro che è fantasia dell'autore, il "falso" Hitler ha realmente girovagato per le strade della Germania e la reazione dei comuni cittadini, che non erano attori, ma persone reali, è stata allucinante.E' emersa una Germania che rimpiange il nazismo, una Germania che vuole l'uomo forte solo al comando, una Germania che si indigna più per l'uccisione di un cagnolino che del ritorno di Hitler. Chiaramente non si deve generalizzare, qualche reazione contraria vi è stata, così come è stato letteralmente ridicolizzato il principale partito neonazista tedesco. Ma quello che ha colpito è che se Hitler adattasse oggi i suoi pensieri alla società del terzo millennio, senza sfiorare l'unico elemento reputato come caldo, la questione degli ebrei e l'Olocausto, molti sarebbero favorevoli al ritorno del nazismo. Non è un caso che l'unica voce forte di contrasto è venuta da una signora anziana, che ha conosciuto le persecuzioni ebraiche subite dal nazismo. Così come impressiona il fatto che i giovani ebrei, di quella famiglia, abbiano letteralmente rimosso Hitler, e nello stesso tempo accettato la sua figura nel terzo millennio. Contro i migranti, disoccupazione, anziani e natalità, e tutela della "razza" tedesca e del proprio popolo, sono stati i temi principali del nuovo Hitler. Così come agghiacciante è la conclusione, oggi ci sono le condizioni favorevoli per il nazismo. Ed è vero, e lo stiamo vedendo e constatando quotidianamente. 
E' quella la direzione nella quale stiamo finendo. Con una "sinistra" che ha perso di vista il suo essere sinistra e pur di rimanere al Governo attuando politiche tipiche della destra, securitarie, guerrafondaie, di tutela del proprio ordine sociale. Siamo in una situazione letteralmente di meschinità sociale assoluta, questo è evidente, ed il fatto che il nazismo di oggi si presenti con giacca e cravatta e volto sorridente nelle sale del potere, e con i suoi tipici ed ordinari canoni squadristi per le strade, è un qualcosa che dovrebbe fare sollevare le masse. Senza dimenticare che anche a livello istituzionale pare esservi una forma di "tolleranza" verso il più grande escremento mai prodotto dall'essere umano.
Ma le masse sono sempre state attratte dall'uomo forte al comando, se il nazismo ed il fascismo si sono affermati è perché gran parte della popolazione era fascista e nazista, salvo poi, per ragioni di opportunismo, per salvarsi la pelle, diventare antifascisti, od antinazisti. 
D'altronde nel nome dell'anticomunismo il sistema democratico si è alleato con neofascisti e neonazisti, operando dietro le quinte anche nel momento in cui operativamente si stava combattendo la Germania nazista. 
Si sono affermati in via legale una legalità che ha prodotto mostruosità. E se ciò accade nella Germania che ha, rispetto all'Italia, subito Norimberga, che nelle scuole studia tutto sul nazismo, cosa che non avviene in Italia sul fascismo, soprattutto su quello primordiale del Confine Orientale, dovrebbe allarmare ancor di più.  Il regista di quel film ha dichiarato che "la cosa stupefacente è che la gente lo accoglieva con entusiasmo, si faceva dei selfie, si confidava con il finto Hitler. In molti si sono dichiarati di destra, contro gli stranieri e la democrazia. Magari sono persone che non parlano ai media, ma davanti a Hitler si lasciavano andare senza remore". Ecco, questo è il punto della situazione. 
Il nazismo del terzo millennio sta arrivando, è pronto, e le condizioni sono drammaticamente favorevoli in un contesto in cui la sinistra, a causa dei suoi voluti o non voluti errori, pare essere destinata al tracollo totale.  Siamo noi gli artefici del nostro destino, ed a quanto pare questa società ha voglia di un nazismo 2.0. 
Ma questo non significa che ciò debba essere accettato, come un fatto inevitabile, ancora si è in tempo per fermarlo, semplicemente attuando i principi umanitari delle nostre Costituzioni, ma il tempo a disposizione è realmente poco.

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…