Passa ai contenuti principali

Da quando i richiedenti asilo sottraggono alloggi agli italiani? Ed occupano posti di lavoro che mancano?


Il vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale del FVG Rodolfo Ziberna, che dovrebbe forse essere il candidato Sindaco di Gorizia per l'area di destra, a margine del parere della VI Commissione consiliare sulla proposta di revisione del Regolamento di Dublino, quale perla ha affermato
Riporto per intero questo passaggio: "(...)Anche il contributo di solidarietà per ogni richiedente non accettato presenta cifre risibili, anche perché una persona che vive in Italia deve farlo in modo decoroso. Lo Stato italiano pertanto deve essere messo in grado di ricevere risorse adeguate per ciascun richiedente asilo che gli altri Paesi non intendono accogliere. Risorse adeguate significa risorse per assicurare un tetto sopra la testa (alloggi da realizzare e non da sottrarre ai cittadini italiani), una formazione professionale e un inserimento nel mondo del lavoro con interventi mirati per creare nuovi posti di lavoro e non per occupare posti di lavoro che oggi mancano soprattutto per i cittadini italiani e per non creare, quindi, ulteriori disagi di ordine sociale con quei cittadini che da anni pagano le tasse. "Visto il grado di disinteresse dimostrato dalla Ue nei confronti delle istanze italiane - conclude Ziberna - ritengo che debba essere previsto l'istituto del conguaglio a fronte della partecipazione italiana al bilancio comunitario, che consenta di trattenere dai circa 17 miliardi che oggi l'Italia conferisce alle casse dell'Unione quanto dovuto per gli oneri accertati di cui il nostro Paese deve farsi carico. Alla Turchia i 3 miliardi sono stati riconosciuti celermente, non vedo la ragione per cui non possa essere riconosciuto uno strumento automatico a beneficio di chi si carica di maggiori oneri".

Ora gli interrogativi sorgono e non possono che sorgere. Da quando i richiedenti asilo sottraggono alloggi agli italiani? Premesso che i richiedenti asilo quando giungono in Italia, e qui effettuano la richiesta, ai sensi dell'articolo 3 della nostra Costituzione hanno gli stessi diritti dei cittadini italiani, non mi risulta che sia mai stato sottratto un solo alloggio ai cittadini italiani a favore dei richiedenti asilo. 
A Trieste esiste il modello dell’accoglienza diffusa che nella città fa contare ben 42 appartamenti utilizzati in 11 diverse strutture. Dunque si tratta di appartamenti destinati non solo all’accoglienza Sprar (che può contare su 26 appartamenti gestiti dal Consorzio Italiano di Solidarietà e Caritas), ma anche all’extra Sprar. Si tratta di appartamenti reperiti in locazione privata sul mercato. Ora pare evidente che in Italia abbiamo bisogno di tutto tranne che di nuove case, visto l'enorme speculazione edilizia sussistente che ha devastato le nostre città e nostri paesi, con la maggior parte di case invendute e sfitte. 
Altro interrogativo che sorge. Da quando i richiedenti asilo occupano posti di lavoro che mancano per gli italiani? Addirittura rischiando di creare disagi di ordine sociale? E' vero che esiste la questione del volontariato, nei confronti della quale manifesto diverse perplessità poiché si traduce in lavoro gratis. Ma da qui a dire che si occupano posto di lavoro che non ci sono (?) ed altro mi pare davvero troppo. Sono proprio queste affermazioni prive di ogni consistenza che rischiano di fomentare situazioni certamente non favorevoli nei confronti dei richiedenti asilo

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …