Passa ai contenuti principali

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio



Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci che fuggono da guerre e situazioni criminali determinate dall'Occidente. Si deve scegliere e si deve scegliere il meglio. Il medico, il professionista, chiunque possa essere utile ad una società borghese. Il resto, può anche crepare ed essere imprigionato tra la Grecia e la Turchia. quando va bene, in Italia nei così detti sistemi di accoglienza chiusi e recintati, quando va ancora meglio, o semplicemente morire. Con la complicità dei media che non devono turbare il sonno dei poveri europei. Sta tornando un nuovo nazismo dal volto sorridente, in giacca e cravatta? Sì. Vi è quello estremo, da piazza da un lato, e quello più moderato ma sistemico, dall'altro. Ma i nemici sono sempre gli stessi. Dai barboni o Rom ecc, repressi tramite la formula del decoro urbano, ai migranti del Sud del mondo. I principi della Rivoluzione francese sono diventati letteralmente carta straccia. E quando si lotta per l'affermazione di uguaglianza, contro il sistema criminale, il tutto viene censurato, perché non si deve sapere che in Francia, ad esempio, si lotta ad oltranza da mesi e che i francesi si augurano di non finire come noi italiani. E non è uno scherzo.  Lo si sapeva che questi migranti sarebbero partiti ancora una volta dalla Libia e che avrebbero perso la vita. Ma questo sacrificio era necessario. La chiamano ora la strage dei bambini, che a dire il vero non emoziona più, si è talmente abituati che non si prova più alcun tipo di sentimento. Nella società della violenza fatta passare come una cosa assolutamente ordinaria e normale. Non emoziona od indigna più la morte. Ma devono edificare il finto stato di emotività per legittimare quello che stanno cercando di fare da mesi. Andare in quel Paese chiamato Libia. Nella società nazista gli uomini e le donne diverse dalla razza ariana non contavano nulla. Quanti esperimenti sono stati fatti nei confronti dei diversi? dei disabili? Quanti ne hanno ammazzati prima di arrivare all'Olocausto? Alla morte ed al fatto che la vita diversa dall'Occidentale non conta nulla, è un qualcosa di quasi innato in buona parte dell'Occidente. Che si indigna tanto per le svastiche, ma poi nella realtà si comporta peggio dei nazisti perché ci siamo smarriti nella retorica dell'antinazismo senza accorgerci che questo stava riaffiorando in modo diverso. Stiamo vivendo un nuovo nazismo e questo nazismo si sta scagliando contro gli ultimi, per ora, i migranti, quelli non qualificati, quelli che non sono stati selezionati, quelli che possono morire ovunque perché tanto sono solo un peso per una Europa che invecchia sempre di più in un contesto mondiale di sovrappopolazione e con il Sud del Mondo che esercita pressione per venire qui nel ricco continente. E questa gente andrà spazzata via. Il sogno europeo noi non lo abbiamo creato volutamente. Perché non possiamo permetterci di essere "invasi" da neri, da mussulmani, da diversi, diversi da noi e per questo possono anche morire, perché tanto, non dovranno e non potranno mai essere come noi. Oggi esiste solo l'incubo europeo e noi ci siamo in mezzo. 
Marco Barone  

Commenti

  1. E' vero quello che c' è scritto nell' articolo. A mio modo di vedere non poteva essere altrimenti perchè siamo TUTTI molto egoisti e non vogliamo dividere con nessuno le nostre agiatezze; beninteso ottenute con lotte e batoste ma pur sempre non condivisibili.
    Questo è la realtà dell' UNIONE EUROPEA fondata solo sui mercati, finanza, banche ecc. Nulla di più.

    RispondiElimina
  2. Excellent post. I was checking constantly this weblog and I'm
    impressed! Very helpful information specially the
    remaining phase :) I handle such information much.

    I used to be seeking this certain information for a long time.
    Thank you and best of luck.

    RispondiElimina
  3. It's going to be ending of mine day, but before end I am reading this fantastic paragraph to increase my experience.

    RispondiElimina
  4. great submit, very informative. I'm wondering why the opposite specialists of this sector do not realize this.
    You should continue your writing. I am sure, you've a great readers' base
    already!

    RispondiElimina
  5. Because the admin of this web page is working, no question very rapidly it will be renowned, due
    to its feature contents.

    RispondiElimina
  6. Appreciation to my father who told me on the topic of this web site, this
    weblog is actually amazing.

    RispondiElimina
  7. CUANDO TENGA LOS RESULTADOS LOS COMUNICARÉ.

    RispondiElimina
  8. I gotta favorite this internet site it seems handy handy.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…