Passa ai contenuti principali

Sarò giovane, sarò comunista e calabrese

Riflettevo ultimamente su alcuni concetti espressi dall'immenso Aristotele. Così scriveva: “è proprio degli uomini, avere la percezione del bene, del male, del giusto e dell’ingiusto e delle altre cose. E la comunanza di queste cose crea la casa e la città.” Senza umiltà non vi potrà mai essere buona democrazia e senza buona democrazia non vi potrà mai essere libertà. La ricerca continua della verità storica è la tutela del bene comune, ed il bene comune deve prevalere sempre sull'interesse particolare altrimenti non si avrà più il senso del giusto e dell'ingiusto, poiché giusto ed ingiusto saranno ridimensionati alla propria visione minimalistica e particolare che difficilmente potrà coincidere con la tutela del bene comune, ed in tale contesto non sarà possibile raggiungere nessuna comunanza, ma solo frammentazioni. Frammentazioni che possono nascere anche da tremende sofferenze personali, da drammi, che rispetto, ma non dovrà essere questi a determinare cosa è la verità storica. La storia non è fatta di emozioni, o fazioni. Chi mi definisce fiancheggiatore qualsiasi dell'ANPI, non sto qui a proporre il mio curriculum, e quali rapporti o “ruoli” ho all'interno dell'ANPI, chi giovane comunista, calabrese, indottrinato dal MinKulPop, che penso dovrebbe essere una variante Komunista del MinCulPop che nell'Italia fascista era la denominazione abbreviata del Ministero della Cultura Popolare. Calabrese che osa dare lezioni di storia ai goriziani, ai friulani alla gente di questo territorio. Anche questa è una micidiale accusa che ho già subito recentemente e non è stata l'unica. Io nutro un grandissimo senso di rispetto per Gorizia, Trieste, Udine, Pordenone, per il FVG tutto. Una terra che mi ha adottato, che amo, e nella quale vivo da diversi anni ed il viverci ha consentito di approfondire meglio i miei studi le mie ricerche sulla storia del confine orientale, che è un vero unicum del nostro Occidente. E soprattutto sono orgoglioso, anche se calabrese(!) e comunista(!) di poter dare un contributo non solo attraverso la storia, ma nella quotidianità, attraverso diversi aspetti e fronti, al "cambiamento" di queste zone, ancora chiuse in se stesse. Penso per esempio che a Gorizia sia necessario un vero shock culturale e politico per uscire da quel profondo sonno nella quale è immersa, e voglio contribuire a questo risveglio. Ripropongo, anche in questa sede già delle considerazioni che avevo espresso succintamente in passato, per delle accuse similari che avevo subito. Ora, mi domando, ma chi è calabrese, che viene da fuori, non ha diritto di parlare di storia? Non ha diritto di effettuare studi e ricerche sulle vicende del confine orientale? Non essendo nato qui, certe cose non le posso capire? Ed allora tutti gli storici che effettuano ricerche e che non sono autoctoni? Non hanno diritto di proferir verbo alcuno? Pur studiando per anni ed anni determinate questioni e frequentando e vivendo il territorio in questione? La storia è riservata solo ad una cerchia ristretta e faziosa di autoctoni? Il tutto si commenta per la sua gravità ed in modo deprimente da solo. Rivendico le mie idee, ciò che scrivo e denuncio, che viene spesso stravolto. D'altronde si vive in una società ad alta tensione, dove in via generale non si colpisce più il contenuto, ma la persona. Si colpisce lo storico, lo studioso, il ricercatore, l'attivista, senza entrare, salvo qualche caso, nel merito dei contenuti. Quello che mi auguro è che non si ritorni più ai tempi come descritti da Bevk nelle sue memorie: “i fascisti con l'annientamento delle scuole slovene, delle associazioni e dei giornali sloveni,con la trasformazione dei nomi di località e con grandi scritte pubbliche avevano ridipinto di italianissima la facciata della regione. E noi scrittori delle nostre opere testimoniavamo davanti al mondo intero che quella era pur sempre terra slovena abitata da gente slovena che a modo suo viveva, pensava e pativa. Questo era per loro come un pugno nell'occhio, come lo smascheramento della loro menzogna,e li faceva imbestialire. Io ero stato solo avvertito, ammonito, ma quello stesso anno venne sequestrato il racconto, sostanzialmente innocente Med srci in zemljo di Budal. Le autorità non si accontentavano del semplice sequestro volevano anche indagare sull'autore”.

MarcoBarone 
Riflessione su questo articolo, pubblicato sul Piccolo di Gorizia come intervento del Giorno in data 28 aprile 2016:

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…