Passa ai contenuti principali

Sarò giovane, sarò comunista e calabrese

Riflettevo ultimamente su alcuni concetti espressi dall'immenso Aristotele. Così scriveva: “è proprio degli uomini, avere la percezione del bene, del male, del giusto e dell’ingiusto e delle altre cose. E la comunanza di queste cose crea la casa e la città.” Senza umiltà non vi potrà mai essere buona democrazia e senza buona democrazia non vi potrà mai essere libertà. La ricerca continua della verità storica è la tutela del bene comune, ed il bene comune deve prevalere sempre sull'interesse particolare altrimenti non si avrà più il senso del giusto e dell'ingiusto, poiché giusto ed ingiusto saranno ridimensionati alla propria visione minimalistica e particolare che difficilmente potrà coincidere con la tutela del bene comune, ed in tale contesto non sarà possibile raggiungere nessuna comunanza, ma solo frammentazioni. Frammentazioni che possono nascere anche da tremende sofferenze personali, da drammi, che rispetto, ma non dovrà essere questi a determinare cosa è la verità storica. La storia non è fatta di emozioni, o fazioni. Chi mi definisce fiancheggiatore qualsiasi dell'ANPI, non sto qui a proporre il mio curriculum, e quali rapporti o “ruoli” ho all'interno dell'ANPI, chi giovane comunista, calabrese, indottrinato dal MinKulPop, che penso dovrebbe essere una variante Komunista del MinCulPop che nell'Italia fascista era la denominazione abbreviata del Ministero della Cultura Popolare. Calabrese che osa dare lezioni di storia ai goriziani, ai friulani alla gente di questo territorio. Anche questa è una micidiale accusa che ho già subito recentemente e non è stata l'unica. Io nutro un grandissimo senso di rispetto per Gorizia, Trieste, Udine, Pordenone, per il FVG tutto. Una terra che mi ha adottato, che amo, e nella quale vivo da diversi anni ed il viverci ha consentito di approfondire meglio i miei studi le mie ricerche sulla storia del confine orientale, che è un vero unicum del nostro Occidente. E soprattutto sono orgoglioso, anche se calabrese(!) e comunista(!) di poter dare un contributo non solo attraverso la storia, ma nella quotidianità, attraverso diversi aspetti e fronti, al "cambiamento" di queste zone, ancora chiuse in se stesse. Penso per esempio che a Gorizia sia necessario un vero shock culturale e politico per uscire da quel profondo sonno nella quale è immersa, e voglio contribuire a questo risveglio. Ripropongo, anche in questa sede già delle considerazioni che avevo espresso succintamente in passato, per delle accuse similari che avevo subito. Ora, mi domando, ma chi è calabrese, che viene da fuori, non ha diritto di parlare di storia? Non ha diritto di effettuare studi e ricerche sulle vicende del confine orientale? Non essendo nato qui, certe cose non le posso capire? Ed allora tutti gli storici che effettuano ricerche e che non sono autoctoni? Non hanno diritto di proferir verbo alcuno? Pur studiando per anni ed anni determinate questioni e frequentando e vivendo il territorio in questione? La storia è riservata solo ad una cerchia ristretta e faziosa di autoctoni? Il tutto si commenta per la sua gravità ed in modo deprimente da solo. Rivendico le mie idee, ciò che scrivo e denuncio, che viene spesso stravolto. D'altronde si vive in una società ad alta tensione, dove in via generale non si colpisce più il contenuto, ma la persona. Si colpisce lo storico, lo studioso, il ricercatore, l'attivista, senza entrare, salvo qualche caso, nel merito dei contenuti. Quello che mi auguro è che non si ritorni più ai tempi come descritti da Bevk nelle sue memorie: “i fascisti con l'annientamento delle scuole slovene, delle associazioni e dei giornali sloveni,con la trasformazione dei nomi di località e con grandi scritte pubbliche avevano ridipinto di italianissima la facciata della regione. E noi scrittori delle nostre opere testimoniavamo davanti al mondo intero che quella era pur sempre terra slovena abitata da gente slovena che a modo suo viveva, pensava e pativa. Questo era per loro come un pugno nell'occhio, come lo smascheramento della loro menzogna,e li faceva imbestialire. Io ero stato solo avvertito, ammonito, ma quello stesso anno venne sequestrato il racconto, sostanzialmente innocente Med srci in zemljo di Budal. Le autorità non si accontentavano del semplice sequestro volevano anche indagare sull'autore”.

MarcoBarone 
Riflessione su questo articolo, pubblicato sul Piccolo di Gorizia come intervento del Giorno in data 28 aprile 2016:

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …