Passa ai contenuti principali

La scuola media di Ronchi alla Risiera di San Sabba di Trieste con l'ANPI ed ANED e rappresentanza del Comune



E' comunemente noto come il primo e l'unico campo di sterminio presente in Italia, anche se quando venne realizzato Trieste non era propriamente più in Italia ma faceva parte del Zona d'operazioni del Litorale adriatico della Germania nazista. La struttura attuale, rispetto a quella originaria, è stata stravolta, vi è rimasto ben poco dell'originale, il forno crematorio venne fatto saltare in aria dai nazisti, prima dell'arrivo dei Partigiani Jugoslavi, che entreranno nella Risiera non appena giunti in città e liberata la città dall'occupante nazifascista, rinvio a questo link per maggiori dettagli. Il resto venne demolito per diverse ragioni. Vi è pero un plastico che ben evidenzia la originaria struttura della Risiera.

E' stato rinnovato lo spazio museale, modernizzato, con diversi video, con le voci che giungono dall'alto, ma a dirla tutta era preferibile la precedente versione. 
Ci si poteva soffermare di più su alcuni particolari, vi era un modo diverso di riflettere, il luogo era più "sacro", dove era più facile mantenere il silenzio, il giusto silenzio, la giusta riflessione, la giusta lentezza, rispetto al suo divenire multimediale e virtuale di oggi. Rispetto a prima pare venire meno la fisicità della memoria, all'interno del rinnovato spazio museale. Certo, vi è ancora un’urna con le ceneri provenienti dai forni crematori di Auschwitz, donata dall’ANED,una divisa indossata da una deportata ad Auschwitz e a Mauthausen ed una di un deportato a Buchenwald,vi sono alcuni oggetti degli ebrei nella sala delle Croci. Colori ed oggetti che avvicinano questo luogo a quello che è stato l'olocausto che anche qui ha lasciato tremendamente un segno indelebile. Un testimone ti ricorderà, però, che all'interno della cella, nascosta, venne trovata una stella rossa. E come ricorderanno i vari documenti e la zona dove sono collocate le lapidi, furono diverse le "tipologie" di persone colpite ed uccise dal nazifascismo in questo luogo.Come anche alcuni soldati che decisero di non volersi più allineare, di non assecondare l'occupante nazista. E vennero uccisi per ciò. Ma queste uccisioni di ribellione avverso l'occupante nazista, basteranno per ripristinare l'onore a quell'esercito che si è macchiato di grandi crimini con e per il fascismo? No. 
Non è stato rimosso, invece, quel cartello che sponsorizza cibo ecc per animali, situato proprio innanzi alla Risiera e la cui freccia pare indicare l'entrata della Risiera. Basterebbe spostarlo più avanti, rispetto alla infelice collocazione attuale. Così come continua a sussistere la controversa via Palatucci. Chiuse le critiche, veniamo brevemente al dunque. Con l'ANPI di Ronchi, l'ANED, e la scuola media di Ronchi e con la partecipazione del Sindaco di Ronchi e l'Assessore con delega alle politiche dell'Istruzione, si è svolta la, oramai tipica, visita in questo fondamentale luogo della memoria storica nella nostra regione e d'Italia, anche se in Italia ancora oggi è poco noto. Gli studenti hanno avuto la possibilità di essere accompagnati anche da due testimoni diretti, non tanto della Risiera, ma delle tremende vicende dei campi di concentramento, ed ascoltare cosa loro hanno vissuto sulla propria pelle. Hanno certamente colpito le 17 celle di prigionia, potevano contenere solo due persone, ma i rinchiusi erano di più, molti di più. Come migliaia furono quelli che lì persero la vita, tra torture, alcune raccontante anche nei dettagli, e pestaggi e fucilazioni, per poi divenire cenere. Si è raccontato che recentemente tramite l'ANED si è avviata una operazione di pulizia di alcuni muri, e sono emersi altri nomi di persone lì incise. Si è raccontato come quel luogo è stato per anni dimenticato, che buona parte del materiale si trova a Lubiana, che è diventato anche campo profughi, per poi divenire nel tempo monumento nazionale. Insomma, continua questo importante momento di appuntamento oramai fisso con la scuola di Ronchi, a dimostrazione che nel nostro territorio vi è una sensibilità importante verso la storia. Certo, bisogna fare i conti con la società odierna, quello che si teme è che arriverà presto un giorno ove questi luoghi non comunicheranno più nulla, non diranno più nulla, in una società che presenta la violenza come una cosa normale, la morte come un gioco, e la guerra come un divertimento. Arduo compito è quello che devono affrontare le nostre scuole, già. 

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …