Passa ai contenuti principali

Gorizia "attenzionata" dal mondo dei servizi segreti e l'incontro con il Generale Mori


Ultimamente a Gorizia si sono svolte delle iniziative singolari e molto partecipate. 
Nel 2015 i "Servizi Segreti" hanno incontrato gli studenti del corso di laurea di Scienze Internazionali e Diplomatiche. Come è noto da qualche tempo il Sistema di informazione per la sicurezza pubblica ha avviato un reclutamento innovativo per l'Italia, non per altri Paesi, tramite internet. Poi vi è stata una lezione della NATO che ha coinvolto sempre studenti goriziani con simulazioni su determinati casi, ed a fine aprile l'incontro promosso dall’ANVGD e dalla LEG di Gorizia presso la sala Dora Bassi di Via Garibaldi a Gorizia con il generale dei carabinieri Mario Mori che presentando il proprio libro "Servizi e Segreti" ha offerto diversi spunti di riflessione sul mondo dei servizi segreti.
Stranamente nessun passaggio è stato fatto sulle vicende del Confine Orientale, sulla storia dell'Ufficio delle zone di confine, su Gladio, sulla strategia della tensione, su Peteano. E nessuna domanda è stata osata in tal senso.
L'unica cosa che ha ricordato Mori (che è anche socio onorario della realtà associativa Stay Behind italiana) sulle vicende del confine orientale è che lui è nato a Postumia nel maggio del 1939, "non mi considero un profugo, mi considero come una persona che ha radici a Postumia. Sono ritornato nel 2003, perché per il regime Jugoslavo ero un sospetto, perché carabiniere e per la scelta fatta dalla mia famiglia come optante. Dopo tre minuti ho ripreso la macchina e non ci sono più tornato, perché i miei sogni erano diversi rispetto alla realtà che ho lì trovato." Niente di niente sul resto. Eppure Mori con il mondo complesso dei Servizi ha iniziato ad averci a che fare negli anni '70 e avrebbe potuto fornire elementi di riflessione utili sulle questioni più pertinenti alle vicende storiche del nostro territorio.
Interessanti sono stati alcuni suoi spunti di riflessione sullo stato  attuale dei servizi,  non buono a livello dirigenziale, o sul fatto, pensando alla vicenda di Giulio Regeni, che lo " Stato italiano deve essere cinico" e che si dovrebbe sentire la professoressa dell'Università inglese che gli ha commissionato la ricerca, o sul fatto che i criteri per scegliere l'agente dei servizi non sono predefiniti.
"Non esiste una tipologia fissa, deve essere professionalmente utile ai servizi, deve essere ricercato negli ambienti ed affidato a valutazione." Sul mondo degli anni '70 qualche passaggio vi è stato sulla questione del brigatismo, interessante quando ha fatto notare che sono stati i servizi segreti ad acculturare la magistratura italiana per combattere le BR, perché questa impreparata. In merito all'ISIS ed ai rischi italiani, ha ricordato che in Italia ci sono circa 50 mila persone con permesso di soggiorno di fede mussulmana e si possono facilmente controllare e che per il tipo di legislazione che noi abbiamo fatti come quelli di Parigi è difficile che possano accadere anche da noi. 
Insomma incontro che non ha aggiunto nulla a quanto già si sapeva, salvo qualche riflessione importante, utile lo è stato certamente per avvicinare la gente al mondo dei servizi a livello culturale e per questo si può metaforicamente dire, viste anche le pregresse iniziative che Gorizia è "attenzionata" dal mondo dei servizi segreti.
Alcuni potrebbero dire chissà se Gorizia diventerà come Bruxelles con la Expo 1958, che divenne un covo di spie.
Oggi certamente non vi è più alcun fantomatico "pericolo" sovietico, o comunista o jugoslavo. Gorizia è città di confine, ed il primo pericolo che ha da fronteggiare, oltre al suo declino da un lato, e contrasto al revisionismo storico dall'altro, è quello di una Europa in fase di dissoluzione, con una Russia ed il suo capitalismo sempre più invadente, una Cina che avanza in modo incontrastato, in una situazione calda, che può precipitare all'improvviso e che potrà portare un giorno ad una nuova geografia politica dell'Europa ed anche del Confine Orientale, come tanti nostalgici nazionalisti, d'altronde, si augurano. Con una Italia che fin dal giorno dell'armistizio del 1943 ha fatto una scelta di campo chiara, a livello di servizi segreti, legarsi a quelli americani.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …