Passa ai contenuti principali

La Commissione d'inchiesta per i criminali di guerra italiani, istituita per non consegnarli alla Jugoslavia


Nei documenti ora desecretati dal Parlamento, in merito ai crimini di guerra compiuti da italiani e tedeschi emergono elementi interessanti ed importanti. Tra questi vi è un significativo carteggio tra il segretario generale degli Affari Esteri ed un Colonnello componente della Commissione di inchiesta per i criminali di guerra italiani, appartenente al Ministero della difesa.
Come è noto questa Commissione non ha portato a nulla, o meglio ha evitato il processo ai criminali di guerra italiani. Diverse nel corso del tempo sono state le denunce sul fatto che questa Commissione de facto ha ostruito la consegna dei criminali di guerra italiani soprattutto alla Jugoslavia. Vi erano diverse liste, quella unificata delle forze alleate, quella dell'ONU ove un migliaio erano i nomi ma la Commissione ne prese in considerazione poco meno di 200 escludendo totalmente quelli che operarono in Libia, Eritrea, Etiopia e Somalia dove crimini contro l'umanità e di guerra sono stati denunciati con forza e più volte.

Veniamo al dunque di questo carteggio.

Siamo nel 1951, periodo in cui ancora la questione di Trieste non è giunta a conclusione, si dovrà aspettare infatti il Memorandum di Londra del 1954 e poi il Trattato di Osimo, periodo ove i rapporti tra Italia e Jugoslavia erano tesi e dove la Jugoslavia aveva tutti gli interessi a vedersi consegnati i criminali di guerra, anche se qualcuno, per ovvi motivi, oserà affermare il contrario.
Un prima lettera, la cui data è illeggibile, ma il periodo può essere ricondotto ai primi di gennaio del 1951 e la firma è quella del Segretario Generale Ministero degli Affari Esteri che ha come destinatario un Colonnello componente della Commissione di inchiesta, si legge: "il Suo biglietto di auguri mi è pervenuto mentre mi accingevo a scriverle per ritornare sulla questione dei cosiddetti “criminali di guerra italiani”questione che ogni che passa diviene più superata ed anacronistica”. Parlando della “inutilità” della commissione di inchiesta si evidenzia che questa “ è stata creata al solo fine( e sottolineato) di evitare la consegna alla Jugoslavia col pretesto che gli italiani li avremmo giudicati noi(...)”. E si legge, nella parte conclusiva, che il lavoro della commissione “ lo si porti a compimento rapidamente in quanto non mi pare giusto né umano che si trascini per mesi ed anni una decisione soltanto perché la Commissione lavora con lentezza perché i suoi membri, forse oramai consci della, inutilità del loro lavoro, si radunano raramente.”

16 gennaio 1951,dal  Segretario Generale Ministero della Difesa giunge una nuova lettera, sempre al Colonnello di cui sopra e con tono confidenziale: "Al momento attuale rimangono infatti da esaminare ancora pochi nominativi accusati di "crimini di guerra"dalla Jugoslavia, Albania, Francia e Grecia. Si tratta di nominativi di persone che - o perché emigrate all'estero o per essere state indicate dalle Potenze interessaste con generalità errate - è stato molto difficile poter identificare e rintracciare". 26 gennaio 1951 sempre dal Ministero degli Affari Esteri una lettera destinata a quel Colonnello: " La ringrazio per la Sue lettere del 16 gennaio n.7/7* Spero proprio che entro maggio (è già siamo troppo in là!) si conclude altrimenti temo che andremo incontro a delle seccature (interpellanze, interrogazioni,, articoli di stampa, ecc.). Riuscirebbe difficile spiegarci perché mi pare poco sostenibile il continuare ad indagare su persone "-accusate di crimini di guerra dalla Jugoslavia, Francia e Grecia quando questi Paesi hanno da tempo archiviato le pratiche !". Appunto ministero Affari Esteri del 19 giugno 1951 : "Alcuni "criminali" appaiono ora deferiti alla P,G. Militare solo perché - per le note ragioni si fece tempo fa promotore della istituzione della Commissione La P.G* Militare dovrebbe ora prosciogliere i "criminali" perché essi non sono punibili in quanto lo Stato o gli Stati nemici non garantiscono parità di tutela penale Questo principio è conforme all'articolo 165 del C.P. Militare di guerra".
E come è andata finire, per ora, la storia lo ha ben insegnato.

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…