Passa ai contenuti principali

La Commissione d'inchiesta per i criminali di guerra italiani, istituita per non consegnarli alla Jugoslavia


Nei documenti ora desecretati dal Parlamento, in merito ai crimini di guerra compiuti da italiani e tedeschi emergono elementi interessanti ed importanti. Tra questi vi è un significativo carteggio tra il segretario generale degli Affari Esteri ed un Colonnello componente della Commissione di inchiesta per i criminali di guerra italiani, appartenente al Ministero della difesa.
Come è noto questa Commissione non ha portato a nulla, o meglio ha evitato il processo ai criminali di guerra italiani. Diverse nel corso del tempo sono state le denunce sul fatto che questa Commissione de facto ha ostruito la consegna dei criminali di guerra italiani soprattutto alla Jugoslavia. Vi erano diverse liste, quella unificata delle forze alleate, quella dell'ONU ove un migliaio erano i nomi ma la Commissione ne prese in considerazione poco meno di 200 escludendo totalmente quelli che operarono in Libia, Eritrea, Etiopia e Somalia dove crimini contro l'umanità e di guerra sono stati denunciati con forza e più volte.

Veniamo al dunque di questo carteggio.

Siamo nel 1951, periodo in cui ancora la questione di Trieste non è giunta a conclusione, si dovrà aspettare infatti il Memorandum di Londra del 1954 e poi il Trattato di Osimo, periodo ove i rapporti tra Italia e Jugoslavia erano tesi e dove la Jugoslavia aveva tutti gli interessi a vedersi consegnati i criminali di guerra, anche se qualcuno, per ovvi motivi, oserà affermare il contrario.
Un prima lettera, la cui data è illeggibile, ma il periodo può essere ricondotto ai primi di gennaio del 1951 e la firma è quella del Segretario Generale Ministero degli Affari Esteri che ha come destinatario un Colonnello componente della Commissione di inchiesta, si legge: "il Suo biglietto di auguri mi è pervenuto mentre mi accingevo a scriverle per ritornare sulla questione dei cosiddetti “criminali di guerra italiani”questione che ogni che passa diviene più superata ed anacronistica”. Parlando della “inutilità” della commissione di inchiesta si evidenzia che questa “ è stata creata al solo fine( e sottolineato) di evitare la consegna alla Jugoslavia col pretesto che gli italiani li avremmo giudicati noi(...)”. E si legge, nella parte conclusiva, che il lavoro della commissione “ lo si porti a compimento rapidamente in quanto non mi pare giusto né umano che si trascini per mesi ed anni una decisione soltanto perché la Commissione lavora con lentezza perché i suoi membri, forse oramai consci della, inutilità del loro lavoro, si radunano raramente.”

16 gennaio 1951,dal  Segretario Generale Ministero della Difesa giunge una nuova lettera, sempre al Colonnello di cui sopra e con tono confidenziale: "Al momento attuale rimangono infatti da esaminare ancora pochi nominativi accusati di "crimini di guerra"dalla Jugoslavia, Albania, Francia e Grecia. Si tratta di nominativi di persone che - o perché emigrate all'estero o per essere state indicate dalle Potenze interessaste con generalità errate - è stato molto difficile poter identificare e rintracciare". 26 gennaio 1951 sempre dal Ministero degli Affari Esteri una lettera destinata a quel Colonnello: " La ringrazio per la Sue lettere del 16 gennaio n.7/7* Spero proprio che entro maggio (è già siamo troppo in là!) si conclude altrimenti temo che andremo incontro a delle seccature (interpellanze, interrogazioni,, articoli di stampa, ecc.). Riuscirebbe difficile spiegarci perché mi pare poco sostenibile il continuare ad indagare su persone "-accusate di crimini di guerra dalla Jugoslavia, Francia e Grecia quando questi Paesi hanno da tempo archiviato le pratiche !". Appunto ministero Affari Esteri del 19 giugno 1951 : "Alcuni "criminali" appaiono ora deferiti alla P,G. Militare solo perché - per le note ragioni si fece tempo fa promotore della istituzione della Commissione La P.G* Militare dovrebbe ora prosciogliere i "criminali" perché essi non sono punibili in quanto lo Stato o gli Stati nemici non garantiscono parità di tutela penale Questo principio è conforme all'articolo 165 del C.P. Militare di guerra".
E come è andata finire, per ora, la storia lo ha ben insegnato.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …