Passa ai contenuti principali

Ecco come sarebbe avvenuta la distruzione di 33 mila fascicoli SIFAR, spiate più di 150 mila persone

Pochi giorni dopo la strage dell'Italicus, si avvierà la distruzione dei così detti fascicoli SIFAR. Uno schedario immenso, acquisito in modo illegittimo, con il quale si sono prese informazioni dettagliate su una marea di persone, dal sindacale, al politico, al militare, al giornalistico ecc, tra il 1956 ed il 1966. I fascicoli in totale erano 40.331. In un registro di protocollo  erano stati a suo tempo iscritti in ordine progressivo i nominativi degli intestatari di fascicoli man mano che gli stessi venivano impiantati. 
Da tale registro erano rilevabili  i nominativi sia dei titolari di fascicoli riconosciuti illegittimi dalla Commissione d'inchiesta esaminatrice, e conseguentemente distrutti(33.092),sia dei titolari di fascicoli ritenuti legittimi dalla predetta Commissione e quindi  conservati agli atti(7.239).

Il 9 agosto del 1974 alle ore 8.30, come si legge nella bozza di verbale, redatta da alcuni componenti della commissione nominata dal Sig. Ministro della Difesa, avrà inizio l'operazione relativa all'incenerimento dei fascicoli dell'ex SIFAR ritenuti illegittimi dalla commissione BEOLCHINI. I componenti della Commissione nominata dal Ministro della difesa, che assisteranno alle operazioni di distruzione saranno: l'onorevole Guadalupi, il senatore Garavelli, il tenente.gen. Santacroce, il dott. Caccioppoli, il dott. Barbato, il col. Siracusa. 
Entrati nel locale munito di serratura di sicurezza, sito al piano terra della palazzina n.4 del comprensorio militare di Forte Braschi, sede del Reparto "D" dove è custodito il materiale congelato si rinvenivano 10 armadi corazzati Sarmet 258 " in cui sono sistemati 10.384 raccoglitori contenenti, complessivamente 16.884 fascicoli intestati a singole persone.7.458 atti non nominativi e n° 68 pacchi sigillati contenenti minute di atti. Inoltre sopra gli armadi corazzati sono sistemati altre 230 raccoglitori sigillati contenenti n° 16.208 fascicoli intestati a singole persone per cui il totale dei fascicoli intestati ascende complessivamente a 33.092". Dopo la constatazione si è provveduto a mezzo di personale dell'Arma dei Carabinieri in servizio al S.I.D. a sistemare i raccoglitori ed i pacchi sigillati in apposite scatole di cartone che, in presenza dei membri della Commissione " sono state chiuse con nastro adesivo e caricate su autocarri. Questi scortati da personale dell'Arma dei Carabinieri in servizio al SID hanno trasportato tutto il materiale all'inceneritore dell'aeroporto di Fiumicino".
Pertanto, l'intera documentazione viene raccolta a cura dell'Arma dei Carabinieri in 195 contenitori di scatole di cartone, chiuse con nastro adesivo e caricate su appositi mezzi. Le operazioni sono durate sino alle 9.15 del 10 agosto del 1974.
A conclusione della relazione, si legge la seguente nota: "il Sig. Ministro, informato, ha manifestato viva soddisfazione per come è stata condotta l'operazione. Farà pervenire una nota di compiacimento, possono essere inoltrate proposte di premio per il personale".Come avrebbero effettuati i controlli sui fascicoli del mistero destinati alla distruzione?
A campione, sulle "singole schede di riferimento e relativa corrispondenza dei numeri, nominativi, argomenti con i relativi fascicoli".
Non sono stati controllati, dunque, tutti i fascicoli. Alle dette relazioni, poi, sono state allegate diverse foto, che vorrebbero provare l'avvenuta distruzione dei detti fascicoli SIFAR.


Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …