Passa ai contenuti principali

Prosegue la collaborazione tra Italia e Russia ratificato accordo per riconoscimento titoli di studio


A dicembre 2015 è stato ratificato anche dalla Russia l'Accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Federazione russa sul riconoscimento reciproco dei titoli di studio rilasciati nella Repubblica italiana e nella Federazione russa, fatto a Roma il 3 dicembre 2009, è finalizzato disciplinare il reciproco riconoscimento dei periodi e dei titoli di studio universitario ai fini dell'accesso e della prosecuzione degli studi nelle istituzioni universitarie dell'altro Paese. 
Tale atto segue la cooperazione culturale tra Italia e Federazione russa  disciplinata dall'Accordo di collaborazione nel campo della cultura e dell'istruzione (firmato il 10 febbraio 1998 a Roma e ratificato ai sensi della legge n. 515 del 21 dicembre 1999) all'entrata in vigore del quale (25 luglio 2000) hanno cessato di essere validi l'Accordo culturale del 1960 e l'Accordo di collaborazione culturale del 19 dicembre 1991. L'Accordo sul reciproco riconoscimento dei titoli di studio consentirà agli studenti di una delle due Parti in possesso del titolo finale degli studi secondari superiori di essere ammessi alle istituzioni universitarie dell'altro Stato contraente, eventualmente previo esame di idoneità al corso universitario prescelto o verifiche sulla conoscenza della lingua nazionale. In Italia è stato ratificato nell'estate 2015 nella relazione illustrativa si indicava in 1.500 circa gli studenti russi iscritti nell'anno accademico 2012/2013 presso le università italiane, segnalando, inoltre, l'esistenza di 423 accordi di collaborazione interuniversitaria e circa un migliaio sono quelli italiani che studiano nelle università russe. Nei siti ministeriali emerge che "a Mosca è presente l'Istituto Paritario "Italo Calvino" e comprende i seguenti ordini e gradi di istruzione: due sezioni di Scuola dell'Infanzia situate in un edificio ubicato in Ulitsa Lobochevskogo, 38; una sezione di Scuola Primaria ed una sezione di Scuola Secondaria di Primo Grado ubicate nell'edificio in Leninskiy Pr. 78. Nello stesso edificio è anche presente la prima classe del Liceo Linguistico non paritario. Nell'anno scolastico 2014/15 l'Istituto è frequentato da un numero complessivo di 162 allievi. Numerose scuole ricevono annualmente un contributo finanziario da parte del Ministero degli Esteri, a parziale copertura delle spese affrontate per l'attivazione di classi di italiano, anche facoltativo (per il corrente anno scolastico hanno usufruito del contributo 15 scuole).A Mosca sono presenti, inoltre, la scuola bilingue 1950 (ex 136) in cui opera anche una Docente appartenente al contingente MAECI ed il centro d'istruzione n. 1409 di Mosca, in cui l'italiano è studiato sperimentalmente quale prima lingua straniera. A San Pietroburgo è presente la Scuola "Dante Alighieri" 318, che dal 1966 è l'unica a San Pietroburgo con insegnamento dell'italiano curricolare come prima lingua straniera a partire dalla seconda classe. La lingua italiana in Russia nel quadro dell'Accordo, ratificato nel 2008 con il Governo della Federazione Russa per la promozione dello studio delle due lingue nei rispettivi Paesi, è stato avviato da diversi anni un progetto di cooperazione telematica tra scuole secondarie italiane e russe su temi concordati (i cd. "gemellaggi elettronici con partenariati di apprendimento"). Le attività si sono collegate al "Programma di diffusione della lingua italiana in Russia" (P.R.I.A.) coinvolgendo circa 60 scuole russe che hanno programmato di inserire l'italiano come lingua straniera. Sono stati realizzati scambi di studenti, stage di lingua italiana per studenti russi in Italia e viceversa". Dunque tale accordo favorisce il reciproco inserimento degli studenti nel sistema accademico italiano o russo, favorendo il tasso di internazionalizzazione specialmente dei nostri atenei, nonché in via generale all'ulteriore diffusione della lingua e cultura italiana e della lingua e cultura russa. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …