Passa ai contenuti principali

Salta a Gorizia il corteo destro di Forza nuova e company

Dovevano manifestare con un tricolore di almeno 50 metri, fare un corteo che doveva attraversare buona parte di Gorizia, partendo dalla delicata zona di confine quale la Casa Rossa. Provocazioni su provocazioni sulla pagina di quell'evento, magari per attirare l'attenzione, chissà. Ignorato per diversi giorni, posto in dubbio anche dalla stampa, poi si mobilita l'antifascismo. Organizza un contro presidio, con volantinaggio in Piazza del Municipio a Gorizia ed arriva la notizia che la Questura di Gorizia ha dato enormi restrizioni al corteo di Forza Nuova, Rsi.
I motivi di quel corteo erano la richiesta del ripristino dei confini, emulando il reazionario muro Ungherese, l'uscita dell'Italia dall'Europa, blocco dei flussi migratori e le solite robe tipiche di quell'area politica.   
Certo, vietarlo in toto sarebbe stata cosa buona e giusta e pienamente rispettosa, in via rigorosa,  della nostra Costituzione, ma le restrizioni come imposte che hanno de facto bloccato il corteo e trasformato lo stesso in presidio statico, hanno depotenziato quella iniziativa destra ed indegna per Gorizia. 
Anche se a dire il vero sorgono dubbi sulla reale intenzione dei proponenti di quella roba nera e destra che doveva camminare per Gorizia. 
Il presidio, in relazione alle prescrizioni, doveva svolgersi in piazza S. Antonio, luogo centrale di Gorizia, e certamente più centrale rispetto alla manifestazione che queste realtà hanno svolto nel mese di settembre 2014, sempre a Gorizia, sempre contro i migranti. E cosa faranno costoro? Il 31 ottobre al “Best Western Gorizia Palace Hotel”, sito in Corso Italia 63, una Conferenza sul tema “Gorizia, l’Italia, l’Europa”, (organizzata dall’Associazione “Unione per la Nazione”) con la presenza di numerosi esponenti politici locali, nazionali ed europei. Cosa si legge nel loro comunicato facebook? Che “ Sarà presente il segretario nazionale di Fiamma Nazionale, Stefano Salmè, il segretario generale del partito europeo AEMN (Alleanza Europea Movimenti Nazionali), Valerio Cignetti, il leader del Partito Nazionale Sloveno, Zmago Jelincic e il segretario del Movimento Popolare degli Italiani di Gorizia, Franco Bertin. La conferenza avrà come oggetto la drammatica situazione che tutte le nazioni dell’est e poi Gorizia ed il Friuli Venezia Giulia, stanno affrontando rispetto alle migrazioni bibliche della cosiddetta rotta balcanica. L’emergere in tutta Europa delle forze nazionaliste e patriottiche, dall’Austria alla Polonia, è il segno della risposta istintiva dei popoli europei di fronte ad un vero e proprio genocidio culturale, pianificato dalle èlite europee con l’ausilio di alcuni governi nazionali , in particolare quello italiano targato Renzi-Alfano-Boldrini. Il segretario nazionale di Fiamma Nazionale Stefano Salmè arriverà alle ore 15.40 in Stazione Centrale e si recherà a piedi al Parco della Rimembranza dove, in forma privata, deporrà una corona di fiori al Monumento ai Caduti. Da lì poi si recherà alla conferenza in oggetto”.


Un passo indietro enorme, che prova, come già era noto, la grande ed immensa forza di queste realtà nel goriziano. E di ciò se ne terrà certamente conto per la prossima volta che decideranno di scendere in piazza, o meglio che comunicheranno la loro intenzione di scendere in piazza per portare i loro democraticissimi contenuti, altamente rispettosi dei diritti umani, della nostra Costituzione, della Carta Europea dei diritti dell'Uomo. Invece, nel mentre di tale epico momento di grande commozione, quando il segretario della Fiamma si recherà a piedi, sceso dal treno, al Parco, dove deporrà una corona di fiori, e dicono essere momento privato, quando in realtà è momento pubblico perché comunicato pubblicamente, ci sarà l'Osservatorio regionale antifascista del FVG, con un presidio in piazza del Municipio a Gorizia dalle ore 15.30, per l'antifascismo e l'antirazzismo che esiste e resiste, nonostante tutto ed il tutto.
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …