Passa ai contenuti principali

Le caserme dismesse ed i profughi in FVG

Nei primi mesi del 2015 Legambiente aveva pubblicato un rapporto interessante sullo stato delle Caserme militari in FVG. Circa ben 400 beni demaniali inutilizzati e abbandonati al degrado, si parlava di vecchie caserme, polveriere, poligoni, postazioni dei battaglioni d'arresto, alloggi per i militari. Rilevando che tutto questo attende una riconversione anche in linea le indicazioni europee per lo stop entro il 2050. Circa 200 siti dismessi risulterebbero essere stati venduti o trasferiti al competente Ministero della Difesa ecc, eppure il vuoto continua a dominare in una regione diventata per anni fortezza difensiva militare italiana. Ora, la così detta rotta balcanica, che coinvolge migliaia di migliaia di persone è in evoluzione. La Slovenia implode, gestisce la partita con misure di ordine pubblico, militare e non prevalentemente umanitario. Discorso similare per gli altri Paesi interessati. Tutti non vedono l'ora di sbarazzarsi di queste persone, tutti non vedono l'ora che queste persone giungano in Germania e tutti incrociano le dita sul fatto che l'Austria, su impulso della Germania, non chiuda le sue porte. Il FVG verrà coinvolto da tale situazione? Probabile. E si deve preparare, anche perché la situazione nei Paesi interessati da atti di guerra non è mica stabile, anzi. Si prospetta un lungo inverno di tensione, e le persone che a piedi o via mare giungeranno nell'Europa di questo nuovo secolo, dovranno pur avere un minimo di accoglienza dignitosa ed umanitaria. Bisogna loro dare la possibilità di viverlo anche quel sogno europeo che inseguono. E tutti devono dare il loro contributo, senza elevare muri, che tanto sono destinati al crollo. Certo, non è da escludere che in alcune zone dell'Est Europa la situazione precipiti totalmente, con il ritorno pieno di realtà reazionarie, neofasciste, ultra-nazionaliste che condizioneranno l'operato dei Governi. Il FVG non può e non deve sentirsi immune. Deve prepararsi e trasformare la rotta balcanica in una grande opportunità e non in un problema. La riapertura eventuale delle caserme per l'accoglimento dei profughi potrebbe essere una soluzione provvisoria, purché non siano destinate a diventare nuovi lager, o campi moderni di raccolta. Ciò non deve accadere, così come si deve evitare la ghettizzazione.  E' necessario lavorare e cooperare per una integrazione, per l'edificazione di un ponte e non di muri e recinti. Il FVG potrebbe essere il ponte per la nuova Europa,  potrebbe essere la casa per tante di queste persone, ma potrebbe anche diventare l'opposto. Ed il tutto, piaccia o non piaccia, lo si deciderà nelle settimane che verranno. 

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …