Passa ai contenuti principali

La commissione parlamentare di inchiesta su Aldo Moro è lontana dalla verità o vicina alla verità?




Il componente della Commissione, parlamentare di inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro, Gero Grassi, rivolgendosi al Dott. Pignatone, nell'audizione del 21 ottobre 2015, dichiara che “ come Commissione, noi fondiamo la nostra esistenza sul presupposto, derivante dall'approvazione della legge lo Stato, che la verità sul caso Moro non c’è ancora. Il nostro obiettivo, ovviamente, nel pieno rispetto della divisione dei poteri, principio ultimamente abbastanza violato, non è quello di fare un'indagine giudiziaria. Il nostro obiettivo è diverso ed è di raggiungere una verità storica che possa essere trasferita al Paese, non tanto per rimediare ai guai del passato, quanto per evitare quelli del futuro. Se poi quello che noi facciamo produce implicazioni di natura giudiziaria, spetta a voi valutare e procedere.  (..) Un anno di esperienza in questa Commissione ci induce a ritenere – molto più di quello che abbiamo pensato, scritto e approvato in occasione della legge – che dalla verità siamo lontani, ma ci induce anche a poter dire, con un'approssimazione che può variare da parlamentare a parlamentare all'interno della Commissione, ma che mai potrà avvicinarsi allo zero, che questi trentasette anni sono stati caratterizzati da omissioni e azioni dilatorie, per dirla «da siciliano», di componenti diverse dello Stato che hanno fatto finta di non capire, di non vedere e di non sentire. Ho detto «siciliano» con rispetto per la provenienza regionale del dottor Pignatone, anche perché è notorio che ha svolto grande opera meritoria in Sicilia per un lungo periodo.  La domanda che le faccio – ovviamente, capisco che la sua possa essere una risposta a sensazione – mi serve per suffragare anche l'impegno e la volontà che noi mettiamo nel raggiungimento di questo obiettivo. Lei, che per pochi anni si è interessato del caso Moro, da quando è venuto a Roma, ritiene che ci siano margini di miglioramento sulla strada della verità ? Le faccio questa domanda, che può sembrare ingenua, perché sono interessato, da un lato, a conoscere la sua opinione e, dall'altro, a smentire anche suoi colleghi che in questa e in altre sedi hanno usato, dal punto di vista del rispetto istituzionale, turpiloquio nei confronti della Commissione, dicendoci che stiamo raggiungendo una verità che si conosce ormai da trentasei anni.  Non so se sono stato sufficientemente chiaro. Comunque la ringrazio della sua disponibilità”. 
Dunque è vicina alla verità? O lontana dalla verità che storicamente è nota e  che contrasta con quella giudiziaria? Quella che tutti sanno ma che nessuno è in grado di provare? Tra menzogne di brigatisti, coinvolgimenti di servizi di chissà quanti Paesi, persone manipolate, sviamenti, linguaggi in codice, per arrivare al dunque, uccidere una persona scomoda per tanti per diverse ragioni, magari di Stato? Già, ragioni di Stato. Quali poi sono queste ragioni di Stato è tutto da comprendere. 
Intanto, il Presidente della Commissione ha concluso l'audizione ricordando che “ Poiché nella nostra serie di indagini abbiamo trovato profili di DNA, gli manderemo una lettera per richiedergli di fare gli accertamenti su tutti i brigatisti che, in base alle sentenze, risultano coinvolti nel caso Moro”. Probabilmente questa sarà l'ultima Commissione d'inchiesta sul Caso Moro, ma non riuscirà a mettere la parola fine su questa vicenda, perché sono trascorsi pochi anni dal fatto, perché la maggior parte delle persone coinvolte sono ancora vive, hanno ruoli variegati in questa nostra cattiva società italiana, perché gli equilibri di poteri, pur con qualche turbolenza, alla fine sono rimasti invariati.

Commenti

Post popolari in questo blog

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …