Passa ai contenuti principali

Nel 2015 fotosegnalati più di 80 mila migranti


Il 10 settembre 2015 si è svolta l'audizione della direttrice del servizio di Polizia scientifica della Polizia di Stato, nell'ambito dell'attività della Commissione Parlamentare d'Inchiesta sul sistema di accoglienza ed identificazione. In tale audizione sono emerse delle questioni molto interessanti.
Dopo aver ribadito che la vera frontiera europea è quella marittima, perché tale non può essere reputata l'Austria, Tarvisio e neanche l'Est, nel sistema Eurodac e nella banca dati nazionale, entrano proprio i dati della frontiera marittima ed al 9 settembre 2015 “ era il 66,64 per cento la percentuale dei fotosegnalati, pari a 81.282 su 121.974 dal 10 gennaio 2015”. La direttrice del servizio di Polizia scientifica, nel corso dell'audizione ha evidenziato che : “  Ci sono due tipi di identificazione, tra cui l’identificazione dattiloscopica, che consiste nell’attribuire le impronte digitali ad un determinato soggetto, che va distinta dall’identificazione anagrafica, la quale consiste nell’attribuire le esatte generalità a una persona. Il fotosegnalamento è una procedura volta a raccogliere gli elementi descrittivi, fotografici, antropometrici e dattiloscopici di una determinata persona. Quando questa persona, soprattutto nel caso di uno straniero – facciamo l’esempio del Nord Africa –, è priva di qualsiasi documento e declina delle generalità (per noi il cosiddetto « sedicente »), non siamo in grado di definire se sia un marocchino, un egiziano o un tunisino. L’esatta generalità e, quindi, l’identità anagrafica è una più ampia procedura, che il più delle volte avviene con l’intervento di mediatori culturali delle ambasciate e dei consolati”. Il Regolamento n. 603/2013 prevede anche che, entro 72 ore dalla richiesta di asilo politico – quindi non dal momento del rintraccio, ma dalla richiesta di asilo politico – continua la direttrice, “la persona venga fotosegnalata e inserita in Eurodac. Il passaggio dell’inserimento è un passaggio assolutamente tecnico, trasparente per l’operatore, che inserisce i dati in AFIS e anche in Eurodac. Il servizio di Polizia scientifica della Polizia di Stato è il punto di accesso nazionale. In Eurodac può inserire dati solo la Polizia scientifica della Polizia di Stato, non i Carabinieri o la Guardia di finanza, che hanno, ovviamente, anche il loro corrispondente settore tecnico-scientifico”. Sul fatto che Carabinieri e Guardia di Finanza non effettuino tale procedura, ciò viene spiegato in questo modo: “Non c’è un motivo per cui la Guardia di Finanza o i Carabinieri non vengono a fotosegnalare. La Guardia di Finanza recupera in mare e i Carabinieri si occupano molto dell’ordine pubblico, di vigilanza. C’è un modo di spartirsi i compiti, chi fa una cosa, chi un’altra, in un’ottica di assoluta collaborazione”.
Come funziona il fotosegnalamento? “La Polizia scientifica, in realtà, non decide neanche il motivo del fotosegnalamento. La persona da fotosegnalare viene portata dall’Ufficio investigativo con una richiesta di fotosegnalamento in cui c’è scritto « ingresso illegale », « arresto », « identificazione ». Sfugge la storia dello straniero. È una persona da fotosegnalare e da trattare, ovviamente, secondo princìpi di attenzione e rispetto dei diritti. Vengono portati lo scafista come la vittima, l’arrestato come la persona esclusivamente da fotosegnalare. L’attività, quando arriva lo sbarco, si avvia in contemporanea con il settore dell’immigrazione per tutto ciò che riguarda la presa in carico dello straniero, la pratica. Se lo straniero arriva e chiede subito l’asilo politico, l’Ufficio dell’immigrazione deve avviare quella pratica”.

Una cosa è certa, per l'Italia almeno, non esiste alcun tipo di emergenza. Nel 2014 sono sbarcate nel nostro Paese 170.000 persone. Nel 2015, e siamo quasi giunti alla fine di questo anno, sono circa 120.000, e di queste 290.000 persone circa 100.000 sono sistemate presso i centri del sistema così detto d’accoglienza. Eppure l'Italia, obbedendo alla Germania, si appresta a realizzare gli hotspot o gli hub che dovranno essere aperti. I possibili luoghi ove questi forse sorgeranno saranno Pozzallo, Milo, Mineo, Catania, Ragusa e Trapani con l'incognita di Taranto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…

Il duello Piazza Duomo e Tito a Capodistria tanto tuonò che alla fine...

Forse si è trattato di un caso record. 48 ore, ora più ora in meno, è la vita che ha avuto la targa,  delle stesse dimensioni di quella Titov Trg, Piazza Tito, di Capodistria. Se ne è discusso molto nella cittadina slovena, non è stata digerita la provocazione o non provocazione del giorno, in cui è stata affissa, un giorno caro per la Jugoslavia,  il fatto che probabilmente non era neanche in bilingue, come Piazza Tito, e che è il primo passo, non ammesso e non affermabile, che porterà alla rimozione di Piazza Tito e delle altre intitolazioni politiche che ricordano la vecchia Jugoslavia comunista. Tanto tuonò che è stata rimossa e verrà ricollocata a breve, a quanto pare.  Una tempesta fugace che ha lasciato comunque un segno, quello di quel vuoto sotto Piazza Tito. Come è emerso su Radiocapodistria ,dove si è discusso in modo approfondito di questa vicenda,  nel seguito ed importante programma condotto da Stefano Lusa, alla fine pare che il tutto fosse solo un banale e semplice p…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …