Passa ai contenuti principali

Cosa significa essere italiano?

Italia che vai, Italia che trovi.
Questo perché non esiste una sola Italia, ma mille e più Italia, tante quanto sono almeno i nostri Comuni. Paese frammentato, unito con la forza della guerra, un Paese senza una vera anima unitaria. Giovanni Pascoli, nel suo discorso nazionalistico dal titolo " La grande proletaria si è mossa" così scriveva : "nel sacro cinquantennario voi avete provato, ciò che era voto de' nostri grandi che non speravano si avesse da avverare in così breve tempo, voi avete provato che sono fatti anche gl'italiani",ebbene, si sbagliava. Non esiste l'italiano, non è mai esistito l'italiano, ma si è voluto plasmare dal nulla, compromettendo per il futuro, a partire dal Risorgimento, l'individualità del soggetto, della soggettività, che già aveva una propria casa, una propria terra, una propria comunità, ma questa casa, terra e comunità doveva chiamarsi Italia.Anzi,doveva essere Italia. L'Italia è nata senza aver mai fomentato senso reale di appartenenza. Sentirai dire sono calabrese, siciliano, sardo, triestino o bisiaco, si scende sempre nella particolarità, sempre nella minuzia, che minuzia non è. Perché l'Italia è la terra dei Comuni, perché l'Italia fisica è una invenzione strumentale e rispondente ad interessi che hanno pagato, caramente, giovani, ora con l'atroce morte, nelle guerre d'indipendenza, nella grande macelleria umana del '15/'18, nella seconda guerra mondiale, ed oggi con la fuga verso l'Oriente o l'Occidente, lì ove non importa essere italiano, lì ove importa essere se stessi, di poter vivere liberamente il proprio essere spirito libero, coltivare l'arte, l'amore, la passione, senza dover competere, o chiedere favori, ma semplicemente per un nuovo mondo, quello che in tanti vogliamo, pur senza sapere cosa veramente vogliamo. L'Europa di oggi, ricorda l'Italia di ieri, unita senza mai essere stata unita, europeo senza mai esserti sentito europeo, senza mai aver fatto l'europeo, contenitori deboli, spesso plastificati, inconsistenti, ma persistenti. Come si può essere anti-italiano, essere contro un qualcosa che non è mai realmente esistito, bensì fittiziamente edificato? Cosa significa essere italiano? Il calcio, è l'esempio principale che viene riportato, a significare il senso dell'unità d'Italia. In parte è vero, in parte no. Il calcio, pensando ovviamente alla nazionale, è stato usato come megafono di nazionalità, di unità, forse ti sentirai unito intorno alla squadra di calcio che rappresenta tutte le specificità incluse nello Stato chiamato Italia per qualche settimana, ma dopo tutto tornerà come prima e non per questo ti sentirai italiano. Anzi, il fatto che la nazionale di calcio, oggi, non abbia più l'attrattiva di una volta, contrariamente alle singole squadre di calcio territoriali, questo è uno dei tanti e mille segnali di come l'Italia sia fragile, debole ed anche ignorata se non oggetto di semplice indifferenza.
Potrai avere la cittadinanza italiana, ma rimarrai per sempre, perché questo è quello che scrive e grida il tuo cuore, calabrese, siciliano, triestino o bisiaco...pur vivendo nell'Italia di ieri e di oggi, o meglio nell'Italia "di Dante", ove fiorentini e ravennati si contesero le sue spoglie, tormentando il Poeta anche dopo la sua morte. Ecco, questa è l'Italia, un Paese dalle mille e più anime, dalle mille e più identità, dai mille e più colori, ove tutti vogliono essere qualcuno, ove questo essere qualcuno diventa nessuno nel nome d'Italia


Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …