Passa ai contenuti principali

Il prossimo passo del Governo sarà quello di spazzare via il sindacalismo di base ed autonomo?

L'articolo 39 della Costituzione recita: L'organizzazione sindacale è libera.  Libera di esistere, ma anche di non contare nulla. Questo è quello che vorrebbe il Governo, ovvero troncare ogni processo di dissenso, ogni “ostacolo” al decisionismo, affinché sia veramente la volta buona per l'affermazione dell'autoritarismo puro dopo la caduta del ventennio. Bisogna essere sbrigativi, bisogna essere veloci, dobbiamo semplificare, razionalizzare, che in linea di massima non sarebbe una dramma, ma nella realtà italiana invece lo è. Lo è perché è in corso l'accentramento pieno del potere, è in corso la demolizione del piccolo brutto e scomodo, penso alla “incentivata” soppressione dei piccoli Comuni del Friuli Venezia Giulia, cioè la maggioranza nella regione, anzi la quasi totalità della regione, destinati a diventare periferia di se stessi, annientando ogni processo di democrazia diretta, concreta e partecipata. Solo il grande deve essere bello, rappresentativo e riconosciuto. Perché il grande è più facile da governare, condizionare e controllare. Il piccolo può essere una scheggia che blocca gli ingranaggi della macchina. Il piccolo è ostacolo da sopprimere. Veloci, rapidi, come un treno ad altissima velocità, ma anche i treni ad altissima velocità rischiano di deragliare specialmente in un Paese che ha conosciuto il fascismo, combattuto il fascismo, l'autoritarismo e voluto la democrazia, quella reale non quella a parole. Si vuole emulare il modello sindacale tedesco, non unico, ma unitario, ma in verità unico, un sindacato che non sciopera praticamente mai, un sindacato che è più comodo e funzionale alle logiche del potere che a quelle dei lavoratori e delle lavoratrici. Non è una questione di piccoli e diffusi interessi da tutelare, è una questione di dissenso, critica e libertà associativa, di democrazia. Già le cose oggi funzionano in cattivo modo, pensiamo alla regolamentazione ferrea della legge in materia di scioperi, destinata ad essere rivista in via ancora più restrittiva, pensiamo ai non diritti non riconosciuti ad una miriade di lavoratori e lavoratrici iscritti al sindacalismo di base e, o autonomo, dalle assemblee, linfa vitale per un sindacato, alle bacheche e così via discorrendo, ma questo non basta. Non basta. Si vuole staccare la spina al sindacalismo di base ed autonomo, e probabilmente lo si farà colpendo l'unico elemento di sussistenza, la ritenuta sindacale, inibendo a questi la proclamazione del diritto di sciopero, ad esempio. E' allarme rosso, in tutti i sensi. Quello che non ha osato fare la destra, lo attua il nascente Partito della Nazione, che ha il volto del PD, ma un corpo eterogeneo nei nomi, ma omogeneo nella sostanza capitalista. Un tempo per lavorare e vivere e per non morir di fame dovevi essere iscritto al partito fascista, ora per avere i diritti si deve essere iscritti al Pd od essere complici del partito della nazione?  Chinarsi al decisionismo? Non ce ne faremo una ragione. 


Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…

Il duello Piazza Duomo e Tito a Capodistria tanto tuonò che alla fine...

Forse si è trattato di un caso record. 48 ore, ora più ora in meno, è la vita che ha avuto la targa,  delle stesse dimensioni di quella Titov Trg, Piazza Tito, di Capodistria. Se ne è discusso molto nella cittadina slovena, non è stata digerita la provocazione o non provocazione del giorno, in cui è stata affissa, un giorno caro per la Jugoslavia,  il fatto che probabilmente non era neanche in bilingue, come Piazza Tito, e che è il primo passo, non ammesso e non affermabile, che porterà alla rimozione di Piazza Tito e delle altre intitolazioni politiche che ricordano la vecchia Jugoslavia comunista. Tanto tuonò che è stata rimossa e verrà ricollocata a breve, a quanto pare.  Una tempesta fugace che ha lasciato comunque un segno, quello di quel vuoto sotto Piazza Tito. Come è emerso su Radiocapodistria ,dove si è discusso in modo approfondito di questa vicenda,  nel seguito ed importante programma condotto da Stefano Lusa, alla fine pare che il tutto fosse solo un banale e semplice p…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …