Passa ai contenuti principali

Il prossimo passo del Governo sarà quello di spazzare via il sindacalismo di base ed autonomo?

L'articolo 39 della Costituzione recita: L'organizzazione sindacale è libera.  Libera di esistere, ma anche di non contare nulla. Questo è quello che vorrebbe il Governo, ovvero troncare ogni processo di dissenso, ogni “ostacolo” al decisionismo, affinché sia veramente la volta buona per l'affermazione dell'autoritarismo puro dopo la caduta del ventennio. Bisogna essere sbrigativi, bisogna essere veloci, dobbiamo semplificare, razionalizzare, che in linea di massima non sarebbe una dramma, ma nella realtà italiana invece lo è. Lo è perché è in corso l'accentramento pieno del potere, è in corso la demolizione del piccolo brutto e scomodo, penso alla “incentivata” soppressione dei piccoli Comuni del Friuli Venezia Giulia, cioè la maggioranza nella regione, anzi la quasi totalità della regione, destinati a diventare periferia di se stessi, annientando ogni processo di democrazia diretta, concreta e partecipata. Solo il grande deve essere bello, rappresentativo e riconosciuto. Perché il grande è più facile da governare, condizionare e controllare. Il piccolo può essere una scheggia che blocca gli ingranaggi della macchina. Il piccolo è ostacolo da sopprimere. Veloci, rapidi, come un treno ad altissima velocità, ma anche i treni ad altissima velocità rischiano di deragliare specialmente in un Paese che ha conosciuto il fascismo, combattuto il fascismo, l'autoritarismo e voluto la democrazia, quella reale non quella a parole. Si vuole emulare il modello sindacale tedesco, non unico, ma unitario, ma in verità unico, un sindacato che non sciopera praticamente mai, un sindacato che è più comodo e funzionale alle logiche del potere che a quelle dei lavoratori e delle lavoratrici. Non è una questione di piccoli e diffusi interessi da tutelare, è una questione di dissenso, critica e libertà associativa, di democrazia. Già le cose oggi funzionano in cattivo modo, pensiamo alla regolamentazione ferrea della legge in materia di scioperi, destinata ad essere rivista in via ancora più restrittiva, pensiamo ai non diritti non riconosciuti ad una miriade di lavoratori e lavoratrici iscritti al sindacalismo di base e, o autonomo, dalle assemblee, linfa vitale per un sindacato, alle bacheche e così via discorrendo, ma questo non basta. Non basta. Si vuole staccare la spina al sindacalismo di base ed autonomo, e probabilmente lo si farà colpendo l'unico elemento di sussistenza, la ritenuta sindacale, inibendo a questi la proclamazione del diritto di sciopero, ad esempio. E' allarme rosso, in tutti i sensi. Quello che non ha osato fare la destra, lo attua il nascente Partito della Nazione, che ha il volto del PD, ma un corpo eterogeneo nei nomi, ma omogeneo nella sostanza capitalista. Un tempo per lavorare e vivere e per non morir di fame dovevi essere iscritto al partito fascista, ora per avere i diritti si deve essere iscritti al Pd od essere complici del partito della nazione?  Chinarsi al decisionismo? Non ce ne faremo una ragione. 


Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …