Passa ai contenuti principali

Continuano le pericolose provocazioni al confine tra Italia e Slovenia

Prima l'imbrattamento al lapidario di Gorizia, una falce e martello, una scritta “ fasci in foiba”, giorni di polemiche e dibattiti, condanne e critiche, poi l'imbrattamento di un cippo nel goriziano, con una svastica ed insulto agli sloveni, reazioni più contenute, poi il corteo di Casapound il 23 maggio a Gorizia, che ha sollevato la giusta ira del governo sloveno, oltre che la risposta come conferita dall'importante e partecipata manifestazione in città organizzata dall'osservatorio regionale antifascista del FVG. Per non parlare di ciò che è avvenuto dal punto di vista politico, una su tutte la partecipazione attiva a quel corteo di Casapound da parte dell'Assessore Romano del Comune di Gorizia, la cui maggioranza attuale ha legittimato il corteo di Casapound dal motto "risorgi, combatti e vinci". Romano che ha parlato sul palco di quella manifestazione e presentandosi come Assessore del Comune di Gorizia, poi arriva la distruzione della scritta Tito, che rappresenta la vittoria sul nazismo e fascismo, da parte di un gruppo di “neofascisti italiani”, come denunciato dalla RTV slovena ed in territorio sloveno. Nel mentre di tutto ciò, si aggiungono le polemiche sulla questione del corteo del primo  maggio di Trieste, per il 70esimo  del primo maggio '45, la dura reazione che vi è stata, la nascita di un gruppo facebook contro “i nostalgici titini”, gli attacchi contro le bandiere rosse diffuse sul territorio triestino e goriziano durante il mese di maggio, le mozioni presentate in consiglio comunale a Trieste per chiedere ingerenza del Comune sulle dinamiche del corteo del primo maggio, tentativo che verrà effettuato anche con la Provincia di Trieste. Botta e risposta. Una situazione calda che rischia di degenerare e compromettere anche i rapporti tra Italia e Slovenia. Probabilmente qualcuno, forse più di qualcuno, vorrebbe la riproposizione di muri, muri che hanno diviso città e comunità, senza dimenticare la linea francese, ora di gesso, ora di vernice, ora con cippi ora con paletti, per arrivare a vere e proprie recinzioni, che hanno diviso italiani e sloveni. Divisioni frutto del principale prodotto della prima guerra mondiale, il fascismo, e tutto ciò che esso ha determinato e comportato nei confronti degli sloveni e croati in primo luogo. Qualcuno probabilmente non accetta, non digerisce l'Europa, Europa che ha come scopo la fine di ogni processo nazionalistico, di nazionalismo, pur salvaguardando le autonomie ed identità specifiche variegate locali, come è giusto che sia.  
Il Presidente della Repubblica si è recato il 25 maggio 2015 in Serbia, Paese, per quanto riguarda la prima guerra mondiale, punito aspramente dall'Impero Austro Ungarico. Doveva pagare la penitenza, a colpi di cannone, per l'attentato all'arciduca Francesco Ferdinando d'Asburgo e sua moglie. Morte colta con molta indifferenza a Vienna ed estrema freddezza dall'Imperatore .Quasi 750 mila serbi, ovvero un serbo su sei ovvero quasi il 22% della popolazione verrà spazzato via, la percentuale più alta tra tutti i Paesi coinvolti dalla prima guerra mondiale. Serbia che comunque conoscerà la mano  Il Presidente ha dichiarato, all'Assemblea Nazionale serba, che "Libertà, pace e democrazia, sono le fondamenta su cui poggia il futuro del nostro continente. Valori oggi, purtroppo, messi a rischio da eventi drammatici, di cui mai avremmo pensato di dover essere testimoni. (...)La Serbia, in un momento in cui sarebbe stato facile ascoltare le sirene dell'euroscetticismo e di anacronistici nazionalismi, ha saputo assegnare priorità assoluta al proprio percorso europeo, con un'evoluzione politica di grande portata”. Ci si augura che la condanna al nazionalismo anacronistico valga non solo per la Serbia ma anche per l'Italia. L'Italia è uno dei Paesi fondatori dell'Unione Europea, abbiamo responsabilità politiche certamente più rilevanti rispetto a quelle di altri Paesi, dobbiamo essere noi a dare l'esempio, ma il caso Gorizia, ad esempio, ad oggi, vista la legittimazione che si è conferita al corteo di Casapound, anche a livello istituzionale, corre in direzione  drammaticamente opposta. 
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

In Italia dicono di ritrovarsi nei "valori"dell'antifascismo, ma hanno "normalizzato"i rapporti con l'Egitto criminale

L'Italia "istituzionale" si è arresa all'Egitto criminale, con il quale i rapporti, continuano come se niente fosse accaduto. I 5 miliardi hanno fatto gola, hanno fatto gola al capitale italiano, al sistema politico italiano, diventato complice con l'Egitto dove avvocati, giornalisti, attivisti, e sospettati di aspirare alla democrazia, alla realizzazione dei diritti umani, spariscono, vengono catturati, sequestrati, torturati, uccisi. Come è successo a Giulio in quel maledetto 25 gennaio del 2016, il cui corpo verrà ritrovato il 3 febbraio. Abbandonato. Ma Giulio non è mai stato abbandonato per un solo secondo dalla sua famiglia, dalla comunità planetaria che si è stretta intorno alla sua famiglia, comprendendo il senso dell'atrocità che si è realizzata nella terra nota per le sue piramidi e da quel giorno, anche per le violazioni dei diritti umani, in pieno stile nazifascista. Molti nell'Italia repubblicana che hanno ruoli politici e di rappresentanza …