Passa ai contenuti principali

Il vincitore del "duello" tra via Sant'Ambrogio e Corso del popolo di Monfalcone si chiama vuoto

Due vie parallele, che si contendono il dominio di Piazza della Repubblica di Monfalcone, o Tržič o Monfalcon, città di circa 30 mila abitanti che vede un migliaio di suoi cittadini essere di comunità bengalese. Due vie parallele che hanno due nomi, due storie, ed oggi anche due identità specifiche, via Sant'Ambrogio e Corso del Popolo e poi lì l'immensa piazza della Repubblica che vorrebbe accogliere le due diramazioni del fiume sociale di Monfalcone, ma che in verità ad oggi continua a conoscere solo un processo di desertificazione, incomunicabilità ed anche sottile ma evidente ostilità. In via Sant'Ambrogio una decina sono le attività commerciali gestite da cittadini appartenenti alla comunità bengalese, molto meno quelle italiane, in Corso del Popolo, ad oggi, sono quasi esclusivamente gestite da italiani o da altre comunità ma non bengalesi, almeno questo è quello che pare emergere da una passeggiata sulla via che costeggia il teatro comunale. Due vie parallele che duellano, due vie parallele che vedono diversi esercizi commerciali chiudere, due vie parallele che sembrano rappresentare mondi diversi. Monfalcone ha conosciuto l'integrazione, ha conosciuto l'interazione sociale tra diverse comunità ben cogliendo la tradizione secolare del caduto Impero Austro Ungarico, ha conosciuto le violenze del fascismo ma anche un sano antifascismo, d'altronde è nota per essere comunemente e prevalentemente di sinistra, ma temo che le cose rischiano di mutare in modo pesantemente destro, cosa che forse è sottovalutata.  Sono anni che, prevalentemente in rete, sussistono scontri, spesso pretesti che fomentano odi ed intolleranze, contro i bengalesi. Il Comune è intervenuto diverse volte, esiste un servizio di mediazione linguistico culturale, nel 2014 ha partecipato per la prima volta alla giornata internazionale della lingua madre, che si svolge ogni 21 febbraio, avendo preso l'impegno istituzionale, in quella sede, di dedicare maggiore attenzione a tale giornata ed a ciò che essa rappresenta. Ma la frenesia degli eventi, il costante incremento delle ostilità, figlie di una fallimentare o meglio inesistente condizione di integrazione nell'ottica della reciprocità, ha prodotto l'effetto della ghettizzazione. Tipica delle grandi città, che hanno i loro rioni o quartieri rappresentativi delle comunità lì residenti. Ma la condizione di reciprocità necessita di un confronto, di uno scambio interculturale, di una apertura, della volontà di condividere le proprie conoscenze e tradizioni e stili di vita, necessita di uno sforzo sociale da entrambe le parti, l'integrazione non può essere solo unilaterale. Ma questi sono tempi difficili, ove ognuno pensa alla propria via, a riprodurre il suo naturale ambiente, per motivi tanto ovvi quanto banali, come d'altronde hanno fatto gli italiani all'estero, con la piccola Italia e così via discorrendo. Ebbene, la situazione a Monfalcone è evidentemente difficile, e non deve stupire se le prossime elezioni amministrative riserveranno delle sorprese non positive, non tanto per incompetenza del Comune, certo delle responsabilità sussistono, ma perché questo momento temporale è caratterizzato da sentimenti di ostilità verso l'altro, l'altro liquidato come straniero e non autoctono. Alla chiusura di una piccola comunità si rischia di rispondere con la chiusura di una intera città, cosa da evitare, perché gli effetti saranno devastanti. Percorrendo prima via Sant'Ambrogio e poi Corso del Popolo, ho pensato ad un momento di socializzazione, tra due vie parallele che non si parlano, distanti appena qualche metro, ad un momento di multiculturalismo, quello che ha fatto grandi queste terre, quello che oggi lo si può leggere solo rapidamente nei libri di storia. Ho pensato ad una Piazza della Repubblica che possa ritornare ad essere momento di socializzazione e non di chiusura pur nella sua imponente vastità. La desertificazione dei luoghi tipici di Monfalcone e la ghettizzazione reciproca è un fattore che rischia di condurre ad un processo di implosione, basta una goccia, quella che forse molti attendono ogni giorno, per fare saltare l'apparente ed inesistente equilibrio sociale di Monfalcone. E poi nulla sarà come prima, questo è poco ma sicuro con la buona pace della integrazione virtuale, con la buona pace dello spirito, oggi inteso proprio in senso astratto, di accoglienza, con la buona pace anche di chi ovviamente lucra, sfruttando questa situazione a proprio vantaggio, sia dal punto di vista lavorativo che dal punto di vista economico e commerciale. Ad oggi, questo ipotetico duello comunque un vincitore lo ha, e si chiama vuoto, in tutti i sensi.


Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …