Passa ai contenuti principali

La cantada de Vermean, dalla polka bisiaca all'inno alla vinassa

Triestini, furlani, bisiachi, ma a quanto pare in questa edizione anche austriaci, olandesi ed altri nordici, tutti uniti dopo il mezzogiorno di vino, rigorosamente nero e de quel bon. Il maestro sul palco, alle spalle il suonatore di Doberdò, alle cui spalle domina la chiesa di Santo Stefano nel giorno di Santo Stefano. Pagine della cantada sfogliate dall'aiutante, e la piazza canta e come canta. Una cosa del genere per capirla, la si deve vivere. 
Se non la vivi neanche la più illuminante immaginazione può arrivare alla incredibile realtà di Vermean di Ronchi.
Le origini della cantada risalgono a tanti e tanti ed ancora tanti lustri fa. Qualcuno vocifera che gli uomini mentre aspettavano che le donne uscissero dalla messa, cantavano, altri che l'origine della cantada risale alla tradizione di cantare sul carro portato da un contadino nel bel bel mezzo della Piazza di Santo Stefano, tra giochi ed allegria nel giorno della festa, altri ricordano che un tempo le case della piazza erano tutte aperte, si entrava nelle case per sorseggiare un bicchiere di vino, la proprietà svaniva e la comunità veniva, altri che una canzone della cantada è stata censurata perché scandalizzava la sacralità della vicina chiesa ed altri,con nostalgia, ancora che un tempo si cantava "i tuoi occhi verdi", da tanti,oggi, sconosciuta.
Voci di corridoio, anzi di strada, spesso accompagnate dal vino, locale e buono e viva socialità, che magari dura quanto questa giornata di allegria, però ancora esiste ed è festa senza siesta. Certo, molti lamentano che la tradizione è compromessa, che, ad esempio, non vi è più la stessa quantità di case aperte di una volta, altri che rischia di divenire una sagra comune, la tradizione merita di essere salvaguardata e sicuramente con l'impegno della comunità questo avverrà, però la cantada è un qualcosa di così unico e raro, che solo qui in Bisiacaria poteva nascere e vivere. 


Chi con il foglio in mano a seguire i versi delle canzoni, il cui repertorio è vario, si parte con "Paesanella" per continuare con altre canzoni tradizionali, come "Ancora un litro de quel bon", "La Valsugana", "le mule de la fabrica", da molti ricordata semplicemente con "chi che parla mal de Ronchi" il cui verso poi continua, "no xe degno del so pan, e nol pensa a quel che 'l dise o 'l servel no 'lo ga san", alla mitica "Mula di Parenzo", che ha riscaldato gli animi della piazza, al superbo ed anche sfigato "El tran de Opcina", per poi concludere dopo altri canti di omaggio al vino con la stupenda ma anche tragica, per il suo contenuto, "Jukeilì Jukeilà" di cui ora segue video...


Insomma la cantada è un capolavoro di socialità, dove il sentimento della comunità è vivo e dove canzoni popolari, dai contenuti variegati, tramandano nel tempo cultura, gesta, passioni di un tempo, fatti anche di cronaca ed ilarità che raccontano la vita di queste terre nel corso di epoche vive nella memoria di una moltitudine di persone che con la musica, il canto e l'allegria e qualche fiasco o bicchiere di vino vengono consegnate alle nuove generazioni che dovranno farne tesoro per non dimenticare. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…