Passa ai contenuti principali

La cantada de Vermean, dalla polka bisiaca all'inno alla vinassa

Triestini, furlani, bisiachi, ma a quanto pare in questa edizione anche austriaci, olandesi ed altri nordici, tutti uniti dopo il mezzogiorno di vino, rigorosamente nero e de quel bon. Il maestro sul palco, alle spalle il suonatore di Doberdò, alle cui spalle domina la chiesa di Santo Stefano nel giorno di Santo Stefano. Pagine della cantada sfogliate dall'aiutante, e la piazza canta e come canta. Una cosa del genere per capirla, la si deve vivere. 
Se non la vivi neanche la più illuminante immaginazione può arrivare alla incredibile realtà di Vermean di Ronchi.
Le origini della cantada risalgono a tanti e tanti ed ancora tanti lustri fa. Qualcuno vocifera che gli uomini mentre aspettavano che le donne uscissero dalla messa, cantavano, altri che l'origine della cantada risale alla tradizione di cantare sul carro portato da un contadino nel bel bel mezzo della Piazza di Santo Stefano, tra giochi ed allegria nel giorno della festa, altri ricordano che un tempo le case della piazza erano tutte aperte, si entrava nelle case per sorseggiare un bicchiere di vino, la proprietà svaniva e la comunità veniva, altri che una canzone della cantada è stata censurata perché scandalizzava la sacralità della vicina chiesa ed altri,con nostalgia, ancora che un tempo si cantava "i tuoi occhi verdi", da tanti,oggi, sconosciuta.
Voci di corridoio, anzi di strada, spesso accompagnate dal vino, locale e buono e viva socialità, che magari dura quanto questa giornata di allegria, però ancora esiste ed è festa senza siesta. Certo, molti lamentano che la tradizione è compromessa, che, ad esempio, non vi è più la stessa quantità di case aperte di una volta, altri che rischia di divenire una sagra comune, la tradizione merita di essere salvaguardata e sicuramente con l'impegno della comunità questo avverrà, però la cantada è un qualcosa di così unico e raro, che solo qui in Bisiacaria poteva nascere e vivere. 


Chi con il foglio in mano a seguire i versi delle canzoni, il cui repertorio è vario, si parte con "Paesanella" per continuare con altre canzoni tradizionali, come "Ancora un litro de quel bon", "La Valsugana", "le mule de la fabrica", da molti ricordata semplicemente con "chi che parla mal de Ronchi" il cui verso poi continua, "no xe degno del so pan, e nol pensa a quel che 'l dise o 'l servel no 'lo ga san", alla mitica "Mula di Parenzo", che ha riscaldato gli animi della piazza, al superbo ed anche sfigato "El tran de Opcina", per poi concludere dopo altri canti di omaggio al vino con la stupenda ma anche tragica, per il suo contenuto, "Jukeilì Jukeilà" di cui ora segue video...


Insomma la cantada è un capolavoro di socialità, dove il sentimento della comunità è vivo e dove canzoni popolari, dai contenuti variegati, tramandano nel tempo cultura, gesta, passioni di un tempo, fatti anche di cronaca ed ilarità che raccontano la vita di queste terre nel corso di epoche vive nella memoria di una moltitudine di persone che con la musica, il canto e l'allegria e qualche fiasco o bicchiere di vino vengono consegnate alle nuove generazioni che dovranno farne tesoro per non dimenticare. 


Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …