Passa ai contenuti principali

I Dieci comandamenti di Tito


Un foglio volante, in un sospiro di Bora, in una notte qualunque. Ma non sarà un foglio qualunque. Non sarà più una notte qualunque. A pochi passi da dove si formò, per volere umano, per spirito di fratellanza, sorellanza, di solidarietà, tra italiani e sloveni, uomini e donne, giovane, giovanissima generazione ribelle e rivoluzionaria, la brigata proletaria, sulle prime alture di Selz, cuore della dignità e della resistenza, raccolsi quel foglio illuminato dal chiarore di una luna, faro di civiltà. Vi era scritto, i Dieci comandamenti di Tito e leggerai d'un fiato solo ma non solitario...

1) Non ci sarà nessun dio, nessuna divinità, né fuori  dentro di me, ma l'onnipotenza laica dell'uguaglianza e leggerai: “I cittadini sono uguali nei diritti e nei doveri, indipendentemente dalla nazionalità, dalla razza, dal sesso, dalla lingua, dalla fede religiosa, dal grado di istruzione e dalla condizione sociale”;

2) Non essendoci alcun dio, pur riconoscendosi il diritto di predicare e praticare la propria religione ma senza che questa eserciti alcuna minima ingerenza nella cosa pubblica e possa marciare per far marcire la laicità, si leggerà: “Si garantisce la libertà di pensiero e di scelta”;

3) Nessuna santificazione o consacrazione ad alcuna divinità, ma viva partecipazione nella comunità e dunque: “È diritto e dovere del cittadino partecipare all'autodifesa sociale”;

4) Padre e madre, sciolti nella simbiosi della Costituzione e per essere onorata e rispettata chiama ed invoca e garantisce la partecipazione: "È diritto e dovere dei lavoratori e dei cittadini di promuovere l'iniziativa per tutelare la legittimità costituzionale e legislativa";

5) La vita dell'essere umano nella indeterminatezza del suo valore, non può aver alcuno valore, nessun prezzo, ma inalienabilità: “La vita dell'uomo è inalienabile”;

6) Atto impuro è quello che mina o viola o lede o limiti il diritto dell'uomo e della donna: “È anticostituzionale e punibile qualsiasi arbitrio che violi o limiti il diritto dell'uomo, a prescindere da chi lo compie”;

7) Nessuna proprietà egoistica, ma socializzazione: “È dovere di ognuno porgere aiuto agli altri nel pericolo e partecipare solidalmente con gli altri alla rimozione del generale pericolo”;

8) Nessuna falsa testimonianza poiché: “E' vietata e punibile ogni estorsione di confessioni o dichiarazioni”;

9) La libertà ed il desiderio sono garanti, così come la tutela nel matrimonio, inteso come concezione giuridica, autonoma e protetta dalla Costituzione : “Si contrae validamente il matrimonio mediante il libero consenso delle persone che lo stipulano davanti al competente organo"; 

10) Cosa è la roba? Chi sono gli altri? Quale roba d'altri?: “A parità di condizioni, e proporzionalmente alla proprie possibilità materiali, ognuno ha il dovere di contribuire al soddisfacimento dei bisogni sociali generali”.

Principi sublimi, avanzatissimi, degni delle migliori Costituzioni democratiche e sociali del secolo turbolento appena superato, superato dalla modernità, una modernità che inganna e ripudia ogni principio di comunità, solidarietà. Principi proletari, del popolo, per il popolo, fatti propri con il popolo nella Jugoslavia, fatta cadere perché alle porte d'Europa capitale, non doveva esistere la speranza ed il sogno di un mondo diverso e possibile. E fischia la bora, senza mai ululare. Il vento della speranza ed il foglio con i dieci comandamenti di Tito una volta raccolti, verranno ancora seminati, per l'immediato avvenire, per l'umanità, quella che nuoce al selvaggio capitalismo. E non chiamatelo eudemonismo e neanche beatitudine, ma semplicemente comunismo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…