Passa ai contenuti principali

Scuola: Se il registro elettronico diventa uno strumento di controllo verso studenti e docenti



Sul registro elettronico sulla non sua obbligatorietà, almeno ad oggi, sono già intervenuto in passato con uno scritto che è stato utilizzato da diverse realtà per diffidare quelle scuole che, in mancanza di un piano di dematerializzazione ministeriale ed in mancanza di un visto da parte del Garante della Privacy, continuano a presentare questo strumento non solo come obbligatorio ma anche pienamente legale e legittimo. Uno degli aspetti, a parer mio, più inquietanti del registro elettronico è il controllo diretto che le famiglie, che oggi hanno il vero potere contrattuale in mano nella e per la gestione della singola scuola, esercitano non solo nei confronti dei propri figli ma anche nei confronti dei docenti. La scuola dovrebbe essere una comunità ove tutte le parti dovrebbero esercitare reciprocamente giusti diritti, ma la scuola di oggi non è più una comunità poiché è in corso una sorta di casermizzazione che si afferma sotto il nome della modernità, della trasparenza, tramite gerarchie e sistemi di utenza e di utilitarismo economico. Una volta, quando rientravi a casa dalla scuola, il genitore ti chiedeva lumi sulla tua giornata scolastica. Potevi credere o non credere alle parole di tuo figlio o di tua figlia, il senso della fiducia lo si conquistava anche all'interno delle mura domestiche.

Se avevi dubbi potevi sempre recarti a scuola, incontrare i docenti, interloquire con i docenti. La tecnologia supera e supererà tutto ciò. Porrà a rischio non solo il senso di fiducia e di dialogo, perché il genitore con un click comodamente da casa potrà controllare e vigilare ogni giorno sull'attività scolastica del proprio figlio, senza avere più la necessità di domandare allo stesso nulla, ma si effettua un mero controllo anche sull'operato, sul lavoro del docente. Certo, è vero che lo Statuto dei Lavoratori è in fase di superamento, ma ancora esiste e fino a quando esiste deve essere rispettato anche lì ove si vietano strumenti di controllo e vigilanza in merito all'operato del prestatore di lavoro. Visionando in rete diverse guide in tema di registro elettronico ho constatato che i genitori accreditati possono ( genitori delle classi quinte, prime, seconde e degli studenti maggiorenni delle classi terze ) accedere al registro elettronico per visionare assenze e voti dei propri figlie, ma anche controllare gli argomenti delle lezioni affrontati a scuola.

Ora, si dirà, è diritto del genitore conoscere l'argomento trattato a scuola dal singolo docente. Certo, è un suo diritto, è un suo diritto sapere se il docente ottempera il programma scolastico e cosa insegna ogni giorno, ma questo diritto fino a dove può arrivare? Fino a dove può interferire? Sono sempre di più le lettere che arrivano a scuola con le quali si chiedono interventi sulle modalità d'insegnamento dei docenti, interferendo nel loro lavoro quotidiano e spesso pretendendo anche il trasferimento dello stesso con il ricatto che il proprio figlio cambierà scuola. Nella scuola della competizione, della concorrenza e della così detta trasparenza, il registro elettronico oltre ad essere uno strumento di controllo invasivo sia nei confronti degli studenti che dei docenti, compromette anche la fiducia ed il dialogo tra le parti. Sì, è vero, si vive nella società del 2.0, nella società dei 140 caratteri, ma non per questo si possono accettare come fatti naturali e legittimi, anche se profondamente innovativi e moderni, strumenti di controllo e vigilanza che violano ogni buon senso ed ogni senso del limite.





Commenti

  1. Non sono affatto d'accordo. Il docente bravo e preparato, che sa le proprie materie e svolge bene il proprio programma, non ha nulla da temere dal fatto che i genitori possano controllare gli argomenti che sta trattando o i compiti che assegna. Il registro elettronico è oggi uno strumento ormai entrato a far parte del nostro lavoro e non possiamo tornare indietro solo per proteggere chi ha qualcosa da nascondere, evidentemente perché non è preparato o non ha abbastanza merito ed impegno nel proprio lavoro. Il sei politico del '68 il garantismo dei sindacati e della sinistra hanno fatto sì che dietro la cattedra ci siano ancora tanti incompetenti e assenteisti, che non vanno protetti ma cacciati dalla scuola, se veramente vogliamo avere un'istruzione di qualità.
    Prof. Massimo Rossi - blog: http://profrossi.wordpress.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…