Passa ai contenuti principali

Gorizia: autorizzato il presidio contro i profughi. Ennesima vergogna

Recentemente avevo scritto un post per la rete ove richiamavo la necessità di garantire il rispetto dei valori antifascisti della nostra società, della nostra Costituzione, da parte delle Istituzioni, condiviso anche dall'Anpi di Gorizia in internet, che ringrazio, concetto similmente espresso anche dal noto Forum di Gorizia. Le autorità Istituzionali devono semplicemente vietare, impedire, non autorizzare qualsiasi tipo di iniziativa riconducibile direttamente od indirettamente a gruppi nostalgici di fascismo o che non rinnegano il fascismo, penso a Fiamma Tricolore di Gorizia, che sulla propria pagina facebook ha in copertina la foto di Almirante mentre effettua il saluto fascista o condivide foto con scritto “come vedi difendo i miei valori chiamami fascista per me è un onore” o Forza Nuova, il cui leader ha risposto, alla domanda, se si reputa Forza Nuova come fascista, che, una simile qualificazione, non la riterrebbe “come una diffamazione”...  Certo, sono ben consapevole che si tratta di gruppi che in Friuli Venezia Giulia non hanno un gran seguito, ma questo non significa nulla. Autorizzare un presidio a Gorizia convocato da Fiamma Tricolore, Forza nuova ed altri, a circa 200 metri dalla "tendopoli" “per dire(..) che non vogliono sul territorio di Gorizia né i 100 afgani e pachistani né sul resto del territorio nazionale a spese degli italiani”è un fatto grave anche per la tranquillità degli stessi profughi, fuggiti e ripeto fuggiti da situazioni disperate, determinate anche da responsabilità occidentali. E' forse il caso di ricordare, per l'ennesima volta che la giurisprudenza afferma che saluti fascisti, ideologie fasciste, non sarebbero, ma sono ancora illeciti penali, reati, anche se, ahimè, spesso sanzionati in modo irrisorio. Così come è grave ed incomprensibile a livello politico e sociale legittimare, anche solo incontrandoli, gli esponenti di questi gruppi. Perché chi trae beneficio da incontri politici e sociali con queste persone sono proprio le loro aree di riferimento, gruppi che maturano  una sorta di legittimazione esistenziale e rinforzano il mantenimento delle proprie posizioni e facilmente smontabili, come quella che gli italiani non verrebbero “aiutati nemmeno dalle Caritas locali”, basta vedere ciò che ha segnalato il Piccolo di Trieste recentemente ovvero che “nella struttura di via di Chiadino, per esempio, solo il 43,5% dei beneficiari del servizio è straniero”, dunque la maggioranza aiutata è italiana, per capire di cosa stiamo discutendo. Comunque sia, reputo grave ed ingiustificabile un mancato divieto, da parte delle, Istituzioni locali per il presidio in Gorizia contro i profughi. Certo, è vero che l'antifascismo non si delega ai divieti istituzionali, come mi è stato giustamente fatto osservare, però, mi domando, perché certe Istituzioni festeggiano il 25 aprile quando autorizzano presidi come quello che ora si commenta? Quale libertà di pensiero, di manifestazione? Comunque sia, a prescindere dal discorso strettamente legalitario, per questione etica, morale, per questione volta alla mera affermazione del rispetto concreto e reale verso tutte quelle persone, partigiani e partigiane in primo luogo, che sono morte e ripeto morte per liberarci dalla dittatura fascista, non è tollerabile e non si può più continuare a tollerare questa situazione, che puntualmente si ripete con ciclicità nauseante. Ed infine è questa la risposta che l'Italia e parte del sistema istituzionale vuole anche dare alla questione immigrazione? A chi chiede, legittimamente, protezione umanitaria? Certo, sapere che queste persone sono state letteralmente abbandonate a se stesse per settimane sulle rive dell'Isonzo lascia ben intendere come l'Italia risponde, spesso, alla richiesta di aiuto. Per non parlare di quello che accade nei CARA o nei CIE. Ed è facile ed anche comodo scaricare tutte le colpe sull'Europa, che certamente ha delle responsabilità enormi ma l'Italia mica per questo motivo deve sentirsi legittimata nell'attuare comportamenti a dir poco deprecabili.  La politica dello scarica barile, della de- responsabilizzazione, del conferire la colpa agli altri, è tipica di questo Paese, una tipicità tutta italiana, degli italiani "brava gente".Certo, esistono persone, realtà, movimenti che si battono concretamente per la solidarietà e per l'accoglienza ed integrazione per fortuna vi sono alcune realtà anche Istituzionali che rispondono positivamente ma spesso si tratta di mere eccezioni che si scontrano con la regola della non accoglienza e non solidarietà e non integrazione come vigente nel sistema Italia nel suo complesso. 



Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…