Passa ai contenuti principali

Anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom il Trgovski Dom distrutto dal fascismo

Quando su internet cerchi la voce Narodni dom, trovi decine e decine di notizie ed anche approfondimenti, esiste anche una pagina di wikipedia dedicata al dramma di quello che era noto, a Trieste, come Hotel Balkan, simbolo della riscossa della comunità slovena incendiato dai fascisti.
fonte foto Narodni dom

Ma quando, invece, cerchi, il simile Trgovski Dom, trovi sì delle informazioni, ma pochi dettagli sulla tragedia che lì si è consumata e non esiste una pagina wikipedia dedicata. Entrambi avevano in comune l'ingegno di Fabiani, entrambi hanno avuto in comune un destino brutale, ma non la stessa attenzione. Quello di Trieste diventerà il simbolo delle persecuzioni subite dalle comunità slavofone in questa piccola ma controversa e complessa fetta di terra, quello di Gorizia, invece, un semplice e brutale caso di cronaca conseguente al caso triestino. Eppure nella malvagità della diabolica e perfida azione fascista il simbolo del salto di qualità di buona parte della comunità slovena che dalle campagne entrava a pieno titolo nella grande economia, ed entrare nella grande economia significava concorrere con il capitale e capitalismo e con la borghesia italiana, il simbolo di un ritrovo importante e significativo per la comunità slovena del goriziano, ha avuto un destino, per alcuni aspetti, più beffardo rispetto a quello doloroso di Trieste. Per fortuna esistono i libri, e leggendo i libri si possono apprendere storie o dettagli, che sono poi quelli che segnano nell'animo la differenza, puoi informarti su tante piccole e grandi vicende a volte volutamente nascoste. La storia, che ora riassumo brevemente, l'ho appresa leggendo il libro di Alessandro Cattunar, il Confine delle memorie, quaderni di storia,ed. Le monnier pag 80,81,82, che comunque non è l'unico a trattare questo argomento e riporta le testimonianze, con riferimento al caso di cui ora trattasi, come riportate nel libro di F. Bevk Crepuscolo trad. italiana di E. Martin, in Gorizia nella letteratura slovena, Poesie e prose scelte a cura di Bratuz,Goriska,1997; Peric Congiura per un Palazzo, in Isonzo-Soca,1999 p.26; D.Kuzmin Trgovski Dom p.27
Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, accompagnati dal manganello, dal motto me ne frego e dalla solita camicia nera entrarono violentemente nelle sale della banca commerciale slovena gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri,documenti, mobili,oggetti,simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia, già. Applauso che prese maggiore forza quando intervennero i vigili del fuoco e rimossero l'insegna del Trgovski Dom. Quel luogo non era solo una banca, vi era anche un teatro, vi era anche una libreria, era un punto di riferimento comunitario per gli sloveni e per diverse associazioni prevalentemente slovene. E quel luogo, dopo l'assalto e dopo un decreto prefettizio di requisizione del 1927, diventerà la casa del Fascio. I fascisti, proprio quelli che ne avevano determinato l'inizio della fine con la tipica azione squadristica, nel tempo ove nei locali e nelle scuole e per le vie della città dominava la scritta “ qui si parla solo italiano”, si appropriarono, cercando di distruggerla, dell'identità slovena. Hanno avviato una pulizia etnica, hanno avviato un processo di italianizzazione, che scritta così potrebbe sembrare nulla di inquietante. Ma inquietante lo era, perché italianizzazione altro significato non aveva che uccidere la cultura, l'identità, la storia, l'essenza, il cuore, l'anima, di una intera comunità. E tutto questo oggi non è ricordato a dovere,no, non lo è. Solo recentemente, dopo diverse peripezie e situazioni transitorie, dunque anno 2014, quel luogo lentamente viene restituito alla comunità slovena.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …