Passa ai contenuti principali

Anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom il Trgovski Dom distrutto dal fascismo

Quando su internet cerchi la voce Narodni dom, trovi decine e decine di notizie ed anche approfondimenti, esiste anche una pagina di wikipedia dedicata al dramma di quello che era noto, a Trieste, come Hotel Balkan, simbolo della riscossa della comunità slovena incendiato dai fascisti.
fonte foto Narodni dom

Ma quando, invece, cerchi, il simile Trgovski Dom, trovi sì delle informazioni, ma pochi dettagli sulla tragedia che lì si è consumata e non esiste una pagina wikipedia dedicata. Entrambi avevano in comune l'ingegno di Fabiani, entrambi hanno avuto in comune un destino brutale, ma non la stessa attenzione. Quello di Trieste diventerà il simbolo delle persecuzioni subite dalle comunità slavofone in questa piccola ma controversa e complessa fetta di terra, quello di Gorizia, invece, un semplice e brutale caso di cronaca conseguente al caso triestino. Eppure nella malvagità della diabolica e perfida azione fascista il simbolo del salto di qualità di buona parte della comunità slovena che dalle campagne entrava a pieno titolo nella grande economia, ed entrare nella grande economia significava concorrere con il capitale e capitalismo e con la borghesia italiana, il simbolo di un ritrovo importante e significativo per la comunità slovena del goriziano, ha avuto un destino, per alcuni aspetti, più beffardo rispetto a quello doloroso di Trieste. Per fortuna esistono i libri, e leggendo i libri si possono apprendere storie o dettagli, che sono poi quelli che segnano nell'animo la differenza, puoi informarti su tante piccole e grandi vicende a volte volutamente nascoste. La storia, che ora riassumo brevemente, l'ho appresa leggendo il libro di Alessandro Cattunar, il Confine delle memorie, quaderni di storia,ed. Le monnier pag 80,81,82, che comunque non è l'unico a trattare questo argomento e riporta le testimonianze, con riferimento al caso di cui ora trattasi, come riportate nel libro di F. Bevk Crepuscolo trad. italiana di E. Martin, in Gorizia nella letteratura slovena, Poesie e prose scelte a cura di Bratuz,Goriska,1997; Peric Congiura per un Palazzo, in Isonzo-Soca,1999 p.26; D.Kuzmin Trgovski Dom p.27
Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, accompagnati dal manganello, dal motto me ne frego e dalla solita camicia nera entrarono violentemente nelle sale della banca commerciale slovena gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri,documenti, mobili,oggetti,simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia, già. Applauso che prese maggiore forza quando intervennero i vigili del fuoco e rimossero l'insegna del Trgovski Dom. Quel luogo non era solo una banca, vi era anche un teatro, vi era anche una libreria, era un punto di riferimento comunitario per gli sloveni e per diverse associazioni prevalentemente slovene. E quel luogo, dopo l'assalto e dopo un decreto prefettizio di requisizione del 1927, diventerà la casa del Fascio. I fascisti, proprio quelli che ne avevano determinato l'inizio della fine con la tipica azione squadristica, nel tempo ove nei locali e nelle scuole e per le vie della città dominava la scritta “ qui si parla solo italiano”, si appropriarono, cercando di distruggerla, dell'identità slovena. Hanno avviato una pulizia etnica, hanno avviato un processo di italianizzazione, che scritta così potrebbe sembrare nulla di inquietante. Ma inquietante lo era, perché italianizzazione altro significato non aveva che uccidere la cultura, l'identità, la storia, l'essenza, il cuore, l'anima, di una intera comunità. E tutto questo oggi non è ricordato a dovere,no, non lo è. Solo recentemente, dopo diverse peripezie e situazioni transitorie, dunque anno 2014, quel luogo lentamente viene restituito alla comunità slovena.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…