Passa ai contenuti principali

Libri per i più piccoli per spiegare l'omosessualità e l'immancabile attacco in Vita Nuova

4 bambini, 3 gatti, 2 mamme: UNA sola famiglia.
Questo è quanto si legge nel sito http://www.lostampatello.com/catalogo1.html come nota finale alle breve presentazione del libro scritto da Francesca Pardi che cerca di spiegare cosa vuole dire essere figli di due mamme e di genitori omosessuali. Nato per aiutare i bambini con due genitori dello stesso sesso nel rispondere alle curiosità degli altri, il libro spiega in parole estremamente semplici e chiare il tutto. Oggi giorno è difficile riuscire a trovare libri, favole, racconti, che spieghino ai bambini l'amore omosessuale. Le favole classiche, pur nella loro concezione patriarcale e maschilista, vedono sempre la donna che sogna il principe azzurro, la donna che sogna l'uomo. Stesso discorso nei cartoni animati, ove si inculca l'idea che l'unico rapporto naturale è quello tra uomo e donna e viceversa.Certamente, qualche passo in avanti, anche se con ingiustificabile ed estrema lentezza rispetto ai tempi ed alle giuste esigenze della società, che tarda a riconoscere diritti umani a coppie dello stesso sesso, è stato fatto da qualche pubblicità o qualche film, anche se vengono spesso presentati come hot, come osceni, come sconvolgenti. No, non ci siamo proprio. Eppure ai bambini in qualche modo si dovrà pur spiegare che l'unione tra persone dello stesso sesso è naturale quanto l'unione tra persone non dello stesso sesso.Solo perché “prigionieri” di precetti arcaici, maschilisti, patriarcali e medievali, non significa che detti precetti siano giusti. Quale dogma ha deciso  che la coppia naturale è quella eterosessuale? Chi ha deciso che questo deve essere il dogma da seguire?  Da nessuna parte, neanche nella nostra costituzione è scritto che la famiglia naturale è quella eterosessuale, l'unico concetto che emerge di naturale è riferito allo status di famiglia intesa come entità autonoma rispetto allo Stato, nulla di più nulla di meno. Insomma dogmi religiosi, errati, che negano diritti giusti a coppie omosessuali. L'eresia oggi dovrebbe essere il riconoscere diritti solo a coppie eterosessuali e non a coppie omosessuali.Come spiegare tutto ciò ai bambini? Vita Nuova, settimanale cattolico collegato alla Diocesi di Trieste, e non è la priva vota che la Chiesa, tramite i suoi organi diretti od indiretti di stampa, attacca libri e la cultura dell'amore e dei diritti per le coppie omosessuali, ha pubblicato un articolo, in data 15 luglio 2014, a firma di Alessandra Scarino, a dir poco contestabile. Dove si scrive, ad esempio, in relazione allo scopo del libro di Francesca Pardi che “Così non si sovvertono solo le leggi di natura, ma si insegna sin dall'infanzia a mistificare e falsificare la realtà e a trovare mille espedienti per giustificare, anche di fronte a se stessi, simili manipolazioni e distorsioni presentandole come un normale e comunissimo stato delle cose” od ancora che “ Peccato che, in tutta questa operazione fintamente educativa e normalizzante, non ci sia nulla di normale e di educativo e soprattutto niente, ma proprio niente, di cui rallegrarsi”. Il problema è quando simili opinioni condizionano l'operato di un legislatore di un Paese, laico sulla carta, quale quello italiano. Una riflessione, l'ennesima, è dovuta, augurandomi che anche le favole del passato, quelle da tutte noi conosciute durante la nostra infanzia, possano essere rivisitate spiegando ai bambini, sin dalla scuola, che l'unico amore possibile, l'unica famiglia possibile e reale e felice non è solo quella eterosessuale.



Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …