Passa ai contenuti principali

Il Senatore Silvano Bacicchi dice no a “dei Legionari” di Ronchi

Il 25 luglio 2014, in una pienissima sala del Consiglio comunale di Ronchi, è stato presentato il libro del compagno e partigiano ed ex Senatore Silvano Bacicchi, Riflessi di una Grande Guerra, il quale affronta tre tematiche importanti e delicate: la diffusione della lingua italiana; l’impresa fiumana di Gabriele d’Annunzio;l’identità antifascista di Ronchi. Un libro patrocinato dall'ANPI, comitato provinciale di Gorizia ed in collaborazione con il centro Isontino di ricerca Gasparini. Sono intervenuti Paolo Zonta Presidente A.N.P.I. Ronchi, Dario Mattiussi Segretario Centro L. Gasparini, con letture di Lucia German, oltre allo stesso Silvano Bacicchi Presidente onorario A.N.P.I. provinciale. Le tesi di Bacicchi, che pone in assoluta evidenza il carattere a dir poco inappropriato, del suffisso dei legionari in Ronchi, si armonizzano, ed in alcuni punti coincidono, perfettamente nella sostanza con le tesi che ho già proposto e che sono emerse nel noto intervento Da Ronchi «dei Legionari» a Ronchi dei Partigiani. Di cos’è il nome un nome? pubblicato per il  blog GIAP, nel gennaio 2014, curato dal collettivo WU MING. I cinque punti salienti di Bacicchi sono: 1) la marcia di Ronchi fu del tutto casuale, sarebbe potuto partire da qualsiasi altra località viciniore che avesse avuto disponibilità di una caserma per i granatieri,rivoltosi,poi divenuti legionari; 2) Ronchi e la sua popolazione furono totalmente estranei alla marcia, tanto che lo stesso D'Annunzio definiva Ronchi borgo inconsapevole ed in ogni caso non rimase in Ronchi oltre le 11 ore;  3) la ridefinizione del toponimo originale della città in Ronchi dei Legionari, per la personalità di chi lo propose, le motivazioni addotte, l'illegittimità del Consiglio che le approvò e del Governo che le decretò sono di una evidente impostazione fascista, al pari della cittadinanza onoraria a Mussolini, come comunque recentemente revocata; 4) L'impresa fiumana di D'Annunzio e dei suoi Legionari fu un nocivo attacco a un debole regime liberaldemocratico e una marcia lungo una strada che portò non solo alla periferica Fiume ma fu propedeutica a quella fascista su Roma; 5) i valori, che giustamente onorano il gonfalone di Ronchi e la storia della sua gente, non si possono confondere con la storia politica di D'Annunzio e dei suoi Legionari che tali valori contrastano . Ed alla fine del suo intervento, dirà, che per i motivi, come ora sinteticamente riportati, “è favorevole alla eliminazione del suffisso dei Legionari, al mantenimento di solo Ronchi con l'aggiunta città Medaglia d'Argento al Valor Militare per attività partigiana” ed in quel momento la sala è stata coinvolta da un lungo e sentito applauso.  Come è noto, il comitato informale Ronchi dei Partigiani ha proposto tra le due ipotesi possibili, l'eliminazione del suffisso dei Legionari con il mantenimento di Ronchi e l'aggiunta città dei partigiani, comitato che per il mese di settembre sta cantierando nuove iniziative, a sostegno di questa battaglia, che verranno comunicate e rese note prossimamente.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …