Passa ai contenuti principali

Il Senatore Silvano Bacicchi dice no a “dei Legionari” di Ronchi

Il 25 luglio 2014, in una pienissima sala del Consiglio comunale di Ronchi, è stato presentato il libro del compagno e partigiano ed ex Senatore Silvano Bacicchi, Riflessi di una Grande Guerra, il quale affronta tre tematiche importanti e delicate: la diffusione della lingua italiana; l’impresa fiumana di Gabriele d’Annunzio;l’identità antifascista di Ronchi. Un libro patrocinato dall'ANPI, comitato provinciale di Gorizia ed in collaborazione con il centro Isontino di ricerca Gasparini. Sono intervenuti Paolo Zonta Presidente A.N.P.I. Ronchi, Dario Mattiussi Segretario Centro L. Gasparini, con letture di Lucia German, oltre allo stesso Silvano Bacicchi Presidente onorario A.N.P.I. provinciale. Le tesi di Bacicchi, che pone in assoluta evidenza il carattere a dir poco inappropriato, del suffisso dei legionari in Ronchi, si armonizzano, ed in alcuni punti coincidono, perfettamente nella sostanza con le tesi che ho già proposto e che sono emerse nel noto intervento Da Ronchi «dei Legionari» a Ronchi dei Partigiani. Di cos’è il nome un nome? pubblicato per il  blog GIAP, nel gennaio 2014, curato dal collettivo WU MING. I cinque punti salienti di Bacicchi sono: 1) la marcia di Ronchi fu del tutto casuale, sarebbe potuto partire da qualsiasi altra località viciniore che avesse avuto disponibilità di una caserma per i granatieri,rivoltosi,poi divenuti legionari; 2) Ronchi e la sua popolazione furono totalmente estranei alla marcia, tanto che lo stesso D'Annunzio definiva Ronchi borgo inconsapevole ed in ogni caso non rimase in Ronchi oltre le 11 ore;  3) la ridefinizione del toponimo originale della città in Ronchi dei Legionari, per la personalità di chi lo propose, le motivazioni addotte, l'illegittimità del Consiglio che le approvò e del Governo che le decretò sono di una evidente impostazione fascista, al pari della cittadinanza onoraria a Mussolini, come comunque recentemente revocata; 4) L'impresa fiumana di D'Annunzio e dei suoi Legionari fu un nocivo attacco a un debole regime liberaldemocratico e una marcia lungo una strada che portò non solo alla periferica Fiume ma fu propedeutica a quella fascista su Roma; 5) i valori, che giustamente onorano il gonfalone di Ronchi e la storia della sua gente, non si possono confondere con la storia politica di D'Annunzio e dei suoi Legionari che tali valori contrastano . Ed alla fine del suo intervento, dirà, che per i motivi, come ora sinteticamente riportati, “è favorevole alla eliminazione del suffisso dei Legionari, al mantenimento di solo Ronchi con l'aggiunta città Medaglia d'Argento al Valor Militare per attività partigiana” ed in quel momento la sala è stata coinvolta da un lungo e sentito applauso.  Come è noto, il comitato informale Ronchi dei Partigiani ha proposto tra le due ipotesi possibili, l'eliminazione del suffisso dei Legionari con il mantenimento di Ronchi e l'aggiunta città dei partigiani, comitato che per il mese di settembre sta cantierando nuove iniziative, a sostegno di questa battaglia, che verranno comunicate e rese note prossimamente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…

Il duello Piazza Duomo e Tito a Capodistria tanto tuonò che alla fine...

Forse si è trattato di un caso record. 48 ore, ora più ora in meno, è la vita che ha avuto la targa,  delle stesse dimensioni di quella Titov Trg, Piazza Tito, di Capodistria. Se ne è discusso molto nella cittadina slovena, non è stata digerita la provocazione o non provocazione del giorno, in cui è stata affissa, un giorno caro per la Jugoslavia,  il fatto che probabilmente non era neanche in bilingue, come Piazza Tito, e che è il primo passo, non ammesso e non affermabile, che porterà alla rimozione di Piazza Tito e delle altre intitolazioni politiche che ricordano la vecchia Jugoslavia comunista. Tanto tuonò che è stata rimossa e verrà ricollocata a breve, a quanto pare.  Una tempesta fugace che ha lasciato comunque un segno, quello di quel vuoto sotto Piazza Tito. Come è emerso su Radiocapodistria ,dove si è discusso in modo approfondito di questa vicenda,  nel seguito ed importante programma condotto da Stefano Lusa, alla fine pare che il tutto fosse solo un banale e semplice p…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …